Scopri il mondo di Transistor, un gioco di ruolo d'azione ad ambientazione fantascientifica realizzato dai creatori di Bastion.
Valutazione degli utenti: Estremamente positiva (8,038 recensioni)
Data di rilascio: 20 mag 2014

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

Acquista Transistor

Acquista Transistor + Soundtrack

 

Consigliati dai curatori

"Supergiant remains consistent with a visually stunning narrative experience backed up by a surprisingly deep combat system. Short, but replayable."
Guarda la recensione completa qui.

Recensioni

“Transistor is a wildly smart action-RPG that places all of its trust into your intelligence.”
9.0 / 10 – IGN

“The game’s vision is intoxicating, and its execution is inspired.”
8.5 / 10 – Polygon

“Its art style is divine, its soundtrack is remarkable, its combat is intricate, and the story of its odd-couple protagonists is both smartly written and deftly told.”
9 / 10 – Edge

Riguardo questo gioco

Transistor, realizzato dai creatori di Bastion, è un gioco di ruolo d'azione che ti invita a impugnare un'arma straordinaria dalle origini misteriose per farti strada attraverso una stupenda città futuristica. Transistor unisce pianificazione strategica e azione adrenalinica, coniugando impeccabilmente agili meccaniche di gioco e atmosferiche fasi narrative. Nel corso dell'avventura, che ti porterà a dare la caccia a chi un tempo brandiva il Transistor, riuscirai pian piano a svelare i misteri che lo circondano.

Caratteristiche principali
  • Un mondo completamente nuovo dai creatori di Bastion
  • Configura il potente Transistor con migliaia di combinazioni di funzioni possibili
  • Emozionante combattimento in tempo reale unito a una profonda modalità di pianificazione strategica
  • Artwork brillanti, dipinti a mano, nello splendore del 1080p
  • La colonna sonora originale cambia dinamicamente in base agli eventi
  • Ore di narrazione vocale reattiva delineano una storia profonda e ricca di atmosfera
  • L'opzione "Ricorsione" introduce battaglie procedurali e nuove combinazioni di funzioni dopo avere completato la storia
  • Controlli completamente personalizzabili studiati su misura per il PC

Requisiti di sistema

Windows
Mac OS X
SteamOS + Linux
    Minimum:
    • OS: Windows 7 32-bit
    • Processor: Dual Core CPU - 2.6ghz
    • Memory: 4 GB RAM
    • Graphics: 1GB VRAM: Intel HD 3000 GPU / AMD HD 5450 / Nvidia 9400 GT
    • Hard Drive: 3 GB available space
    Minimum:
    • OS: 10.7.5
    • Processor: Dual Core CPU - 2.6ghz
    • Memory: 4 GB RAM
    • Graphics: OpenGL 3.0+ (2.1 with ARB extensions acceptable)
    • Hard Drive: 3 GB available space
    Minimum:
    • OS: glibc 2.15+, 32/64-bit
    • Processor: Dual Core CPU - 2.6ghz
    • Memory: 4 GB RAM
    • Graphics: OpenGL 3.0+ (2.1 with ARB extensions acceptable)
    • Hard Drive: 3 GB available space
Recensioni utili dai clienti
36 persone su 36 (100%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
26.4 ore in totale
Pubblicata: 17 ottobre 2014
Grande gioco. Appena provato è saltato brutalmente nella mia top 5 dei giochi preferiti.
L'ost è perfetta, la storia non è da meno e soprattutto da molto da pensare. O almeno personalmente lo ha fatto. Anche lo stile misto ad action e tattico l'ho gradito molto.
Che dire, un posto nel mio cuore lo ha sicuramente.
Spero potrà guadagnarlo anche nel vostro.
Non potete non giocarlo se cercate giochi che vi diano emozioni e spunti di pensiero.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
13 persone su 13 (100%) hanno trovato questa recensione utile
17.5 ore in totale
Pubblicata: 2 novembre 2014
Transistor è sicuramente uno dei giochi migliori a cui abbia giocato. Disegni Jen Zee assolutamenti magnifici, mentre la colonna sonora di Darren Korb e Ashley Barrett è un capitolo a sè. Meravigliosa sia dal punto di vista tecnico che artistico.
Il gameplay Action RPG/ Turn RPG è abbastanza semplice da capire e spesso ripetitivo, ma comunque intrattiene. La Storia è abbastanza originale, ma ciò che la rende speciale è il modo in cui è narrata: impeccabile, suscita davvero gradi emozioni.
Per allungare il Gameplay non bastavano le backdoors... anzi si poteva aggiungere il multiplayer con lo stesso schema della bossfight finale con Royce e i test d'identità.Assolutamente 5/5
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
617 persone su 649 (95%) hanno trovato questa recensione utile
2 persone hanno trovato questa recensione divertente
14.2 ore in totale
Pubblicata: 4 ottobre 2014
Transistor is the second game from Supergiant Games, the developers of the critically acclaimed Bastion. Those who have doubts about whether this game lives up to Bastion's expectation can be at ease: Transistor delivers and more.

Story:
You play as Red, a famous singer in the city of Cloudbank. One night after a performance, a group of people, the Camerata, attempted to kill Red with a strange, green sword, but she was saved by someone.

Waking up, she found herself next to the corpse of a man, stabbed by that same sword: the Transistor. The sword starts speaking, and not only that, but seems to know her. Urging her to pull it out of the corpse, the two start tracking the Camerata down, seeking answers, while fighting what seems to be robotic creatures sent to hunt them down.

But things may not be as they seem.

The story of Transistor seem simple and straight-forward on the surface, but most of it isn't handed down to the player, instead inferred and concluded from various hints noticed in the environment, character interaction and character profiles. It encourages the player to seek answers along the main character, and leaves a lot up for interpretation. That's something I like in a game.

One downside to the story however, is how short it is. It's far too short, the game is far too short. You'll be left wanting more, even with "recursion", playing a second play through with your stats intact.

Gameplay:
The gameplay is a mix of Action RPG and traditional turn-based RPG, using the Turn() system that I will touch upon soon. Red is able to equip up to 4 slots of "Functions", essentially abilities, upgrade those functions with up to two functions a slot, and assign functions as passive abilities, for up to 4 passives.

In battle, Red wields the Transistor. In Diablo style, she can use the numbers 1, 2, 3 and 4 on the keyboard to select an ability, then the right-mouse button to use that ability. Abilities can be offensive, such as shooting a long-range beam or a destructive shockwave, or supportive, such as turning invisible for a period of time or turning enemies friendly.

The Turn() system adds a new depth to the action RPG. It allows Red to stop time momentarily in order to plan and input a certain number of commands: attacking, setting up traps, maneuvering around the map to escape enemy clusters or get behind obstacles, you can do all that. But once all commands are preformed and the Turn() bar is depleted, Red is left (almost) unable to attack until it recharges again; use Turn() at your own discretion, balancing attack and defense.

The game offers the choice of "limiters", handicaps that increase the difficulty of the game in return for better EXP awards. There are achievements you can only get by using limiters, the hardest achieved with all 10 limiters. In addition, there is a "sandbox" unlocked in-game that allows you to tackle specific-themed challenges, like a speed challenge, or a Turn-planning challenge.

Graphics:
Transistor uses an isometric point of view, being able to go in all 2D directions. The sprites are smooth and look good, but the highpoint of the graphics is the artwork. The character portraits, whether in-game or in profiles, are drawn beautifully. The artist, Jen Zee, did a brilliant, detailed job, and it shows even on the OST cover.

Sound:
Here is where Transistor really shines. The game's OST is amazing. From Ashley Lynn Barrett's beautiful voice in The Spine, In Circles, and other songs, to Darren Korb setting up poignant, melancholic instrumentals that fit the mood perfectly. Tracks play hand-in-hand with gameplay, showing up at specific times for maximum impact, further heightening the experience.

I highly recommend getting the OST along with the game, if you can. Well worth the extra bucks.

Summary:
Transistor is a beautiful, enjoyable game. It has a bittersweet, albeit short, story that forces the player to think. Brilliant soundtrack, and beautiful artwork. The gameplay won't last you long, but there is decent replayability in it. Try picking it up immediately whenever it's on sale.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
5 persone su 5 (100%) hanno trovato questa recensione utile
14.2 ore in totale
Pubblicata: 10 febbraio
Quando tutto cambia, nulla cambia .

Transistor è un Action Rpg a tema Sci-Fi realizzato dal team indie emergente "Supergiant Games", creatori del precedente gioco indie di nome "Bastion", apprezzato dalla critica e dagli utenti.

La storia, che si svolge nella città di Cloudbank, narra le vicende di una cantante famosa di nome "Red" il quale combatterà il "Processo", esercito robotico comandato dall'organizzazzione degli "Orchestrali", con il "Transistor", spadone misterioso che accompagnerà la protagonista per tutto il gioco.
La narrativa rimane piuttosto lineare nelle prime fasi di gioco, ma successivamente questa linearità si spezzerà lasciando lo spazio ad una narrazione intrigante ricca di piccoli frammenti che daranno un quadro completo della trama a fine gioco.

Dal punto di vista del gameplay, Transistor, è un action RPG, videogioco di ruolo che richiede prontezza di riflessi, infatti il gameplay di Transistor si basa su un sistema di combattimento "a turni" dato che avremo a disposizione una barra con cui potremmo fermare il tempo e compiere diverse azioni, quali ripararsi o attaccare, e tra un utilizzo e un altro dovremmo aspettare del tempo per far ricaricare la barra agendo in maniera "libera" in cui non è possibile attaccare, apparte alcune eccezioni. Le abilità da usare,che si otterranno con il salire dei livelli, si differenziano a seconda dei loro slot,che possono essere: Primario, ciascuna abilità che sarà inserità in questo slot avrà il suo valore primario e potrà ricevere delle modifiche slot secondarie; Secondario, ciascuna abilità in questo slot apporterà delle modifiche, quali tempi di attesa-danni [...] , all'abilità primaria; Passivo, l'abilità in questo slot offrirà un valore aggiuntivo, passivo e che di conseguenza si attiverà autonomamente.
Inoltre, con l'aumento dei livelli, si otterrano dei modificatori che se verranno usati, apporteranno delle caratteristiche aggiuntive ai nemici , abbastanza differenziati nel gioco, che aumenteranno la difficoltà generale e faranno guadagnare più esperienza da ciascun combattimento, caratteristica ripresa dagli idoli di Bastion .
Chicca presente nel gioco è che ogni abilità contiente tre informazioni "di contorno" che si sbloccheranno quando un abilità verrà usata più volte in ciascun ruolo, stessa cosa i modificatori, che se verranno applicati per più combattimenti sbloccheranno delle descrizioni riguardanti i vari nemici.

Uno dei problemi di Transistor potrebbe essere la voce narrante, i cui continui e puntuali dialoghi possono rovinare l'esperienza di gioco per alcuni arrivando addirittura a sconfinare nella frustrazione totale.

Transistor si rileva un altro successo dei Supergiant Games che può vantare di una trama, nel complesso, ottima, un gameplay ricco e profondo e ambientazioni stupende accompagnate da delle soundtrack favolose, ormai il marchio di questo team indie da tenere d'occhio.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
3 persone su 3 (100%) hanno trovato questa recensione utile
33.0 ore in totale
Pubblicata: 5 dicembre 2014
La Supergiant Games rende, ancora una volta, onore al proprio nome con un titolo letteralmente mozzafiato.
Mi sono innamorato di questo action-rpg dal primo istante, grazie anche alla sua marcata componente strategy.
La ormai rodata (in questo campo, da altri "giganti" del mondo videoludico) visuale isometrica, va a completare
l'insieme. Formato da sessioni in tempo reale, o eseguibili tramite la pausa tattica, paesaggi distopici e futuristici
in costante cambiamento, incalzato da una colonna sonora magistrale, che scandisce il ritmo e l'atmosfera di
un titolo che non ha nulla da invidiare a nessuno. Come nel suo predecessore, ritroviamo un sistema di levelling
basato su albero di malus, dove installeremo sul nostro Transistor delle funzioni che andranno, di fatto, a potenziare
le file nemiche, ma al contempo ci daranno una piccola percentuale in più di esperienza da ogni uccisione.
Una semplice, ma al contempo dedalica trama, regola le 15 ore mediamente impiegate per terminarlo.
Dopodichè, si potrà scegliere se rigiocarlo da zero, oppure ricominciare con tutte le abilità e i limitatori che avremo sbloccato e il livello raggiunto fino a quel momento.
L'AI dei nemici (già di per sè piuttosto sviluppata) si comporterà di conseguenza, aumentando il livello di sfida di ogni incontro.
Non aspettate, prendetelo!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
3 persone su 3 (100%) hanno trovato questa recensione utile
20.0 ore in totale
Pubblicata: 18 marzo
Bastion è riuscito a rubare uno dei primi posti nella mia classifica personale dei migliori videogiochi che abbia mai giocato.

Transistor non c'è riuscito: è difficile ripetere lo spettacolo due volte ed avere le stesse impressioni di averlo visto per la prima volta... un gioco spettacolare, cura artistica, sonora, grafica e gameplay da urlo (migliorato ed ora anche rigiocabile).

E' la trama che, sebbene interessante e caratterizzata, lascia un po' a desiderare... la narrazione, spesso indiretta e che quindi costringe il giocatore a cercare indizi nel mondo di gioco per apprezzarla meglio, rende il titolo meno "semplice e diretto" come fu Bastion ai tempi, una vera e propria fiaba videoludica.

Straconsigliato, titolo indipendente di altissimo livello e capace di trasmettere tantissime emozioni e divertimento.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
17.8 ore in totale
Pubblicata: 15 febbraio
Un gioco validissimo.
Degno di essere giocato e rigiocato sia per la storia che il gameplay.
Lo consiglio vivamente!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
7.2 ore in totale
Pubblicata: 14 marzo
Inizio il gioco.
"Hey Red. Mi sa che stavolta non la passiamo liscia..."
Sulle note di "Old Friends", tristissime, nostalgiche, cupe, inizia la mia avventura.
No, non ce la faccio a "recensirlo". Non posso tenere da parte ciò che sto provando al ricordarlo. Fanculo pure il commento per la sospedia o quel che è. E' il miglior gioco che abbia mai giocato, che supera tranquillamente Black & White e The Wonderful 101, che fino ad oggi erano gli unici due ad essere imprescindibili, e in alto, MOLTO in alto, rispetto a qualsiasi altro gioco potessi ritenere imprescindibile. Della serie che se Black & White e TW101, a pari merito, erano sull'olimpo, il terzo gioco a seguire della classifica (che non saprei dire quale fosse) si sarebbe trovato su Saturno.
Ecco.
Transistor non si trova da nessuna parte. E' sempre esistito ed è l'Unico Creatore del Tutto.
Black & White e TW101 rimangono sull'Olimpo. Olimpo creato nella notte dei tempi da Transistor.
Sì, direi che è una visione ottimale di ciò che provo per Transistor.

Ha la miglior OST che abbia mai sentito. We all become one è la miglior canzone che abbia mai sentito. Muoio dentro ogni volta che l'ascolto. E' come se mi portasse via dal mondo. Mi fa star bene. E in-game, l'OST ti trascina in tutto ciò che succede. Puoi chiudere gli occhi e sapere cosa sta succedendo solo ascoltando l'OST.
Il gameplay è tra i più geniali mai visti: il Turn(), inizialmente, mi sembrava troppo op. Il tempo di capire che non lo potevo spammare e, meanwhile, i nemici mi shottavano. Quindi scatta il pensiero "diamine, ma quelle sono coperture! Fammi rigenerare il Turn() mentre mi difendo con quelle coperture, finché durano agli attacchi nemici." Ah, il "Turn()" è un metodo che blocca momentaneamente il tempo permettendoti di concatenare tutte le mosse che vuoi. Mosse che occupano un certo *spazio* nella barra del Turn(), che a sua volta si esaurisce quando gli spazi (grandi a seconda della skill attivata o dello spazio utilizzato a camminare) finiscono, senza avere nessun tempo di sorta. Puoi pianificare in tutta calma.
GENIALE.
Ok, figo come gioco. Ma ancora non ho visto niente. Vedo la Luce quando mi ritrovo con cinque, sei, sette, otto, nove, dieci skills. Vedo la Luce quando capisco che posso avere solo quattro skills attive per volta, ma che ogni skill può esser utilizzata per potenziare le skills attive o se stessi.
Spiego meglio: hai quattro slot passivi, quattro slot attivi, e due slot potenziamento per ogni slot attivo (per un totale, quindi, di otto slot potenziamento). Tutti da sbloccare tramite "blocchi" da prendere durante il level-up, ma tant'è.
Ciò da vita a una serie di combinazioni diverse, ESTREMAMENTE diverse, in base a come combiniamo le skills che mettiamo attive con le skills che mettiamo per potenziare le attive. E tutte le skills, manco a dirlo, può fungere sia da attiva, sia da passiva, sia da potenziamento, cambiando "bonus" in base alla tipologia che scegliamo in quel momento.
Ad esempio esiste una skill che, se attiva, permette di chiamare un alleato a darci una mano. Ma se messa come passiva, dà la possibilità (25%) al giocatore di diventare un "SuperUtente" (che è OP) quando attiva Turn(), e se messa come potenziamento ha il 50% di possibilità, quando si termina un nemico con la skill che ha questo potenziamento, di non far generare determinate cose. Determinate cose che non vi sto a spiegare, ci perderemmo nelle meccaniche di Transistor; l'importante è farvi capire che ci sono una miriadi di skills che cambiano potere in base a come le installiamo, dando vita, ripeto, a melioni de melioni di combo.

Tutto questo con dei limiti di MEMORIA: ogni skill consuma tot memoria se installata (indipendentemente da come/dove la si installa, consuma sempre lo stesso). La skill X consuma 2 slot memoria, la skill Y ne consuma quattro, e così via. Quindi bisogna tenere a mente la combinazione migliore con la "poca" memoria a disposizione.

Per concludere il mio "ordine imperativo stile Lelouch vi britannia vi ordina: !" di comprare Transistor se ancora non lo avete fatto, indipendentemente da TUTTO, una breve parentesi sulla storia. Il gioco parte con la storia già avviata, prosegue spiegandone pezzi, ti mostra dei personaggi, non te li mostra più, pensi di aver capito una cosa, in realtà poi realizzi che sei ancora col dubbio, arrivi alla fine, miglior fine mai vista, piangi perché sai che non potrai mai più giocare una cosa simile. Quindi smetti di piangere, ti incazzi, e inizi la New Game + perché sai che è il miglior gioco di sempre e che dovrai giocarlo finché e che dovrai giocarlo finché e che dovrai error error error
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 1 (100%) hanno trovato questa recensione utile
23.1 ore in totale
Pubblicata: 20 febbraio
Un piccolo grande gioco.

Transistor è uno di quei giochi che va provato, assaporato in ogni sua forma e poi riscoperto per assimilare ogni pezzo della trama. Il gameplay è molto vario e divertente con un sistema di skill molto intelligente, la trama e le colonne sonore malinconiche fanno da assoluto protagonista del titolo. Un gioco davvero straordinario che riesce a stupire con poco, Supergiant si riconferma dopo il grande Bastion

8/10
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 1 (100%) hanno trovato questa recensione utile
6.5 ore in totale
Pubblicata: 19 febbraio
Dai creatori di Bastion un'altra perla di design , appena acceso il gioco ci si trova un pò spaesati , sia dal design molto particolare che dal gameplay che subito appare complesso , ma poi giocando si rivela semplice da capire .
Il gioco ha una difficoltà scalabile e personalizzabile in molti modi per adattarsi a tutti i giocatori .
La narrazione è forse il punto debole del gioco , perche risulta un pò confusa e difficile da capire all'inizio .
Invece lode al comparto grafico e sopratutto sonoro , con musiche stupende e delle voci spettacolari .
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 1 (100%) hanno trovato questa recensione utile
17.0 ore in totale
Pubblicata: 10 febbraio
Dagli autori di Bastion ecco un altro capolavoro, gioco bellissimo, grafica stupenda, audio di buona fattura, trama fantastica.. peccato solo che duri così poco.. Al contrario di Bastion, completare questo gioco sarà molto più semplice (l'ho completato in sole 17 ore, finendo tutti gli achievements).
Le morti, soprattutto all'inizio saranno tantissime, ma quando troverete la combo perfetta la userete allo sfinimento.
Solamente le sfide daranno quella difficoltà in più al gioco, ma resteranno comunque fattibili.
Nonostante la longevità non altissima resta comunque un gioco da avere.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 2 (50%) hanno trovato questa recensione utile
13.9 ore in totale
Pubblicata: 23 dicembre 2014
One of the best game I've ever played. Artistically impressive, a stunning soundtrack and a very good story with an unexpected final!
10/10, I strongly recommed this!!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
294 persone su 330 (89%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
11.8 ore in totale
Pubblicata: 24 ottobre 2014
"Hey, Red... we're not gonna get away with this, are we?" -Mr. Nobody

[Spoiler Free]
It's time I've finally reviewed Transistor, you know... the game with the talking sword and the mute lady? Yeah that one. Let's begin:

Aesthetics: 10/10
Well as you can CLEARLY see from the screenshots and the given link above, Transistor is absolutely breathtaking. The game takes the cake for visual and musical extravagance, as both mix so perfectly well with one another, that it become evidently difficult to express in objective terms the splendor that it creates in the brain, how so very atmospheric this game is, it's more of an emotional virtue than one being explainable through words alone. People have been coining the term 'art', which by no means is an understatement, the aesthetics of the game, voice acting (haha three actors, funny), music and graphics are as I rarely say, perfect.

Story/Characters: 9.50/10
Rarely does the medium of gaming (especially in this day & age) employ such precocious writing and superb storytelling, Transistor applies to this small margin of games. A game that truly respects the intellect and free thinking of it's players, requires an intelligent producer, no? Supergiant deserves an excellent applause for their creative usage of the mechanic of replayability. To truly cherise the game's universe, one must complete the game several times to unlock all of the information that is present. A truly cherishable quality Transistor has, is it's two characters which create a sense of dread and unknowingness with each other. Their relations throughout the game serve to state implicit subjectations on the world around them, Red through her interactions on the OVC and the Transistor's commentary. A huge contrast to each other which creates a sense of accepting lack, one without a body and one without a voice.

Mechanics/Gameplay: 8.75/10
As an RPG game, Transistor holds a creative candle in the rat saturated tunnel that is the RPG industry. Of recent years, the well known RPG's of it's time have begun to show how dated their mechanics hold up in our era (yes you, Final Fantasy). This is why the liberty to experiment and employ new ideas is so vital in our industry today. Transistor is unique in which that profiles become the tools of the trade. Transistor can be played as a turnbased game or as a free action one, which by the way, both work very well in concurse with another. You have 13 functions (abilities) to use in your kit, yeah I know that's a small amount, but guess what? for every function you have, you get the ability to fuse with another, and for every fusion you have with another function, you get to fuse with another! So this means there are roughly 22,283,705,698,113 combinations of Transistor functions. (Transistor Wiki, Cited) That's a lot of unique ways to fight your enemies.

Final Verdict: 9.50/10
It's hard to see why in this day and age producers don't want to experiment with their products given that the industry would absolutely kill for it, but then again, since when do producers even listen to the demands of the consumers? Transistor is a beacon of hope in the dark hallway that is the gaming industry, and hopefully you can agree with me, that this game is something special.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
119 persone su 138 (86%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
10.4 ore in totale
Pubblicata: 1 novembre 2014
This game is short.
Real short. I finish this game in about 5 hours
But those 5 hours really worth the damn money!

The Music or Soundtrack or whatever is just Amazing!!
The Graphic in this game is kinda artistic. looks different and original
Combat system is superb. you can plan your attack rather than charging ahead!!!

The story is so f*cking good i had a great time with this game storyline and it's really something.
Word of warning though this game made me had a Great F**king existential crisis
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
113 persone su 130 (87%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
17.3 ore in totale
Pubblicata: 11 ottobre 2014
Transistor made me cry.
Not okay.
At all.

The game may start slow, but as soon as you hit the first boss... boom- I couldn't stop. This game was so beautiful and entrancing that I played through twice, with 9 limiters my second run: it's the first steam game I've gotten every achievement for. The story is tragic and twists to dark areas I didn't know that the game could even consider twisting. The bosses are all interesting and fun to fight, though the first two become rather simple once you get their strategy down.

Buy the game, play it, listen to the soundtrack, find all the news broadcast stations, and experience some major feels.

9.5/10
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
118 persone su 153 (77%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
2.0 ore in totale
Pubblicata: 10 ottobre 2014
This isn't a game, it's a piece of art. Really creative setting, combat, story, artwork. A must have for people that like games with a good story and/or action rpg's.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
67 persone su 80 (84%) hanno trovato questa recensione utile
40.7 ore in totale
Pubblicata: 8 novembre 2014
Uniting both action RPG mechanics and an engrossing world, Transistor isn’t just a spiritual successor to Bastion, it’s a full blown messianic triumph of beautiful art and sublime game design. Supergiant Games have exceeded their previous work with a game that marries fluent action RPG combat with sublime tactical planning & customisation. Yet that would be just half of Transistor's charm as the world, characters and narrative unfolds like an origami swan, leaving you to marvel at its gorgeous art design, intricate architecture and unique atmosphere.

The story begins with you, Red, claiming the Transistor from the body of a dead man. From there you begin to uncover the city of Cloudbank, why everyone has gone and what The Process is - sentient machine aggressors within this fallen Rapture. That reference is deliberate as there’s a little touch of Bioshock within Transistor - a fallen city, the mystery of its unravelling and tragedy yours to discover if you’re willing to put in the work to unlock its true secrets. This is made all the more acute by how Transistor welcomes you into its world with no fanfare, no menu screen. Just a fade from black opening up on your journey with the Transistor, voiced by the rich tones of Logan Cunningham, against The Process and their mysterious overlords - The Camarata.

To say any more would spoil the joy of discovering the details for yourself. Supergiant ames had deliberately kept details of Transistor to a minimum until release and it’s thanks to this blackout that’s made discovering the games systems, people and places a genuine joy.

It’s difficult to review Transistor without referencing Supergiant Games previous work - Bastion. That’s because its influences are plain to see with the same isometric-style viewpoint, similar art-style and even the same narrator. While those similarities may appear as merely iterative steps on paper for Transistor, they are in practice the opposite. The art style has evolved to be not just gorgeous, moody and atmospheric, it now conveys the spirit of Cloudbank without ever explicitly showing it in such a way that you feel part of that city, not just an observer with a controller.

Combat is real time action-RPG based with four main skills available at one time. You can freeze the action once your Turn() bar has filled at any time and then plan out your attacks methodically. Once done you can unfreeze the game and Red will perform her balletic combat attacks with the Transistor. This appears at first to just be a cool looking feature to break up combat scenarios but very soon it becomes essential to besting The Process.

In this frozen state you can see the damage you are likely to cause, the effect different attacks can have in combination with each other and use it to quickly get behind enemies to deliver backstab moves. There’s nothing quite like positioning yourself correctly, freezing time and then delivering a quick series of moves to destroy everything. I’m not especially clever but by Jove, Transistor made me feel like a combat genius.

As the story progresses you’ll acquire more skills and this is where the combat evolves from those mechanics set down originally by Bastion. Instead of just swapping out skills when you want a change, every skill can be slotted into a secondary or tertiary upgrade slot to augment an already installed ability.

For instance, the basic attack move you start with is Crash(). You can then modify it with a skill like Bounce() which will chain attacks to multiple targets. Or with Cull() that sends enemies into the air. Or you could use either of those modifiers as one of the four main abilities. Cull(), a basic uppercut move and Bounce(), a skill that sends out pulses of energy.

This enables you to define the combat system in any way you want it. Like aggressive frontal-assault tactics or stealthy concealment? Perhaps turning a few enemies on to your side floats your boat? Or maybe just a blend of different styles? Transistor allows you to do what you like with this combat system rather than force you down a particular road.

The only restriction is if your health is reduced to zero in combat. Instead of death, one of your abilities is overloaded and will require at least two trips to an access point in order to recover. Then there are the Limiters - status effects that reduce your capability in combat but with the rewards of increased experience. As you can tell, what appears as a simple combat system in the beginning soon evolves into a complex and involving way to deal with The Process.

The way that combat is combined with the narrative is just as intriguing. As you use these new abilities in different ways or combinations it unlocks more about the person you acquired them from in the first place. Slowly the pieces of this mysterious world start to come together as you become more adept at combat. It encourages creativity and a deeper understanding of the mechanics you're working with on order to unlock the secrets of Cloudbank.

But It’s not all dark alleyways and moody lighting as you’ll have access to a ‘backdoor’ - a safe haven separated from the unrelenting assimilation of the Process. This serves as a menu to access the different challenge rooms Transistor offers. Here you can test and refine your combat skills and increase your level. Or you can just kick back and listen to the ridiculously awesome soundtrack while lounging in a hammock.

This densely packed experience is made up of small touches like that. From the way Red drags around the weighty Transistor, to how she combs her hair with her fingertips when admiring a view, with the best of all being her ability, at the touch of a button, to hum along to the excellent soundtrack.

Before playing I didn’t expect to be fully enraptured by Transistor, thinking the spectre of Bastion would haunt the experience too much. But neither did I expect Transistor to take that formula and evolve it into something so sublime and handcrafted that tears would roll down my cheek as the credits rolled. From its combat mechanics and customisation, to the narrative and the visually appealing art-style, this is an experience to be savoured, to lock yourself away in the confines of your gaming boudoir and revel in its luxurious design and perfection.

A Must Play

Be sure to check out Nerd House Gaming for more reviews!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
92 persone su 121 (76%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
4.1 ore in totale
Pubblicata: 30 ottobre 2014
Hell, It's worth it just for the music!

Fans of Bastion should find themselves at home here. Although the game is a little short (but also cheap!), it is incredibly fun.

Honestly, I bought this game primarily for the soundtrack, and the game was just an awesome extra for me.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
50 persone su 58 (86%) hanno trovato questa recensione utile
19.9 ore in totale
Pubblicata: 30 ottobre 2014
There is a legitimate argument to be made that Transistor is too short for its price. I beat it in about 11 hours, although I'm only about halfway through with Achieves. I think this is a bit of a silly metric, though. The more key question to me is "was it a good experience?" I would say "absolutely".

Transistor is a deeply beautiful and atmospheric game, with a bittersweet story told through powerful narration and themes. It also effectively uses game mechanics to pull you 'into' the story and world. It has a 'hum' button. There are several scenes where the controls and gameplay shift to make the player 'feel' the scenes. It is one of the best examples I've played of a game avoiding ludnarrative dissonance and in fact using gameplay as a narrative aid.

Transistor left me with that same feeling of satisfaction I get after finishing a good book. I like that feeling. I liked Transistor. Definitely recommended.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
51 persone su 64 (80%) hanno trovato questa recensione utile
7.7 ore in totale
Pubblicata: 11 ottobre 2014
"Short but Sweet" Review... Transistor

Pros-
+Beautiful art style
+Phenomenal music and sound design
+Masterfully integrated lore
+Exhilarating and deep combat
+Great writing
+Great world design
+Enthralling narrative
+Amazing "back-door" area to relax
Cons-
-Illusion of choice
-Some characters were over-the-top and underdeveloped

Final Thoughts: Transistor is an audiovisual masterpiece and is a joy to play! It's enthralling narrative and exhilarating combat make this a near perfect game! It will most probably win multiple GOTY awards and will be remembered for years to come!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente