June 7th, 1995. 1:15 AMYou arrive home after a year abroad. You expect your family to greet you, but the house is empty. Something's not right. Where is everyone? And what's happened here? Unravel the mystery for yourself in Gone Home, a story exploration game from The Fullbright Company.Gone Home is an interactive exploration simulator.
Valutazione degli utenti: Perlopiù positiva (12,901 recensioni) - 12,901 recensioni degli utenti (76%) per questo gioco sono positive.
Data di rilascio: 15 ago 2013

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

Acquista Gone Home

Acquista Gone Home + Original Soundtrack

Contenuti scaricabili per questo gioco

 

Recensioni

“Gone Home is the greatest video game love story ever told.”
The New York Times

“I never expected to see myself — or such a strong reflection of myself and my own life — in a video game.”
10/10 – Polygon

“Epic, personal and revelatory.”
5/5 – Giant Bomb

Commentary Mode now available!

Your copy of Gone Home now includes Developer Commentary Mode! More than an hour and a half of audio commentary from the developers of the game. Find it in the Modifiers menu when starting a new game! Enjoy!!

Informazioni sul gioco

June 7th, 1995. 1:15 AM

You arrive home after a year abroad. You expect your family to greet you, but the house is empty. Something's not right. Where is everyone? And what's happened here? Unravel the mystery for yourself in Gone Home, a story exploration game from The Fullbright Company.

Gone Home is an interactive exploration simulator. Interrogate every detail of a seemingly normal house to discover the story of the people who live there. Open any drawer and door. Pick up objects and examine them to discover clues. Uncover the events of one family's lives by investigating what they've left behind.

Go Home Again.

Key Features


  • A Personal Story: created by veterans of the BioShock series and the writer behind Minerva's Den, Gone Home offers the rich, nuanced details of one family's struggles to deal with uncertainty, heartache, and change.

  • An Immersive Place: return to the 1990s by visiting a home where every detail has been carefully recreated, and the sounds of a rainstorm outside wrap you in the experience.

  • No Combat, No Puzzles: Gone Home is a nonviolent and puzzle-free experience, inviting you to play at your own pace without getting attacked, stuck, or frustrated. This house wants you to explore it.

  • Fully Interactive Investigation: discover what's happened to the Greenbriars by examining a house full of the family's personal possessions, and the notes and letters they've left behind. Use your powers of observation to piece together a story that unfolds as you explore.

Requisiti di sistema

Windows
Mac OS X
SteamOS + Linux
    Minimum:
    • WindowsXP SP2 or higher
    • 1.80GHz Processor
    • 2GB Memory
    • Video card with 512MB of VRAM
    • (NOTE: Intel HD Graphic 4000 NOT CURRENTLY SUPPORTED on Windows 8)
    • 2GB HDD space
    Minimum:
    • OS X v10.7 Lion or higher
    • 1.80GHz Processor
    • 2GB Memory
    • Video card with 512MB of VRAM
    • 2GB HDD space
    • glibc 2.11 or newer
    • 1.80GHz Processor
    • 2GB Memory
    • Video card with 512MB of VRAM
    • 2GB HDD space
Recensioni utili
9 persone su 14 (64%) hanno trovato questa recensione utile
2 persone hanno trovato questa recensione divertente
2.1 ore in totale
Pubblicata: 16 dicembre 2015
Questo gioco fa finta di essere un horror per meta' del tempo, per poi rivelarsi un blando walking simulator improntato a comunicare altrettanto blandi valori progressisti relativamente all'omosessualita' della sorella minore della protagonista comandata dal giocatore. I giochi che fanno scherzi o mentono al giocatore in modo intelligente sono apprezzabili (vedi: The witch's house), ma questo non e' uno di quei casi.

L'esplorazione della casa e' estremamente lineare e l'interattivita' e' ridotta al minimo: note da leggere/ascoltare, chiavi da avere nell'inventario e ben 3 casi di armadi/cassaforti da aprire con una combinazione contenuta in una nota o simili. Fine. Certo si puo' prendere in mano ed osservare attentamente ogni scatola di salviette della casa o persino un preservativo nuovo di mamma e papa (cosa che la protagonista trova abbastanza sgradevole; tua sorella potra' essere una sgranocchiapassere e tutti devono farselo piacere, ma che schifo se mamma e papa alla seconda volta hanno capito che di figli ne hanno basta) ma praticamente nessun altro oggetto ha alcun utilizzo/valore all'infuori dall'essere ispezionato visivamente.

La linearita' dell'esplorazione e' data dal fatto che gli elementi raccontati della storia vengono mostrati al giocatore praticamente in perfetto ordine. Quando si esplora completamente un'ala si ottiene una chiave o una nota che permette di accedere alla zona successiva e non c'e' mai il bisogno di fare backtracking se non per dover transitare attraverso un'area gia' vista per accedere alla porta di una nuova.

Insomma dopo che si e' girato un po' per la casa praticamente e' come essere nel castello di supermario64 ma senza i quadri.

Il problema? E' che il giocatore ancora in quel momento non e' convinto di questo fatto.

Eh si', perche' il gioco e' ambientato in una notte di tempesta in una casa vuota. La sorella oggetto di tutta la narrazione e' scappata da casa lasciando un messaggio criptico nella porta principale dove chiede alla protagonista di non cercarla e di non cercare in casa informazioni relative a dove possa essere andata. Una vota dentro si sente scricchiolii ed altri rumori inquietanti (sedie trascinate) e come se non bastasse si trovano varie prove che in quella casa sono stati fatti vari esperimenti spiritici per comunicare con il fantasma di uno dei precedenti abitanti della casa (un simpatico bambino morto).

Ma la verita' e' che nessuna di queste cose viene approfondita o spiegata in alcun modo dal gioco. Siamo davvero da soli in casa. Tutto quanto e' un artificio per inquietare il giocatore e portarlo a credere che ci possa essere qualcosa che nel gioco non c'e'.

E' come essere nel castello di supermario64, senza quadri e senza fantasmi nel giardino.

Infine si arriva all'ultima ala della casa: l'attico. E' l'ultima chiave che si trova e quando ci si entra si trova quello che in qualche modo rappresenta il valore di questo gioco: praticamente niente. E cosi' il gioco si conclude: senza quadri, senza fantasmi e senza alcun segreto nascosto in cima al castello.


Questo gioco lo consiglio solo a chi sta contemplando il suicidio e gradirebbe un'ultima conferma del fatto che questo mondo non ha alcun valore.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
10 persone su 17 (59%) hanno trovato questa recensione utile
2.1 ore in totale
Pubblicata: 16 agosto 2015
Per tutto il gioco aspetti che succeda qualcosa...e invece nulla...
Nei panni della sorella maggiore torni a casa di notte e tutto quello che il gioco offre è leggere bigliettini della nostra sorella minore, che ci racconta la sua storia.

Meglio un buon libro.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
10.6 ore in totale
Pubblicata: 16 gennaio
Gone Home è uno dei più importanti giochi del filone sperimentale/narrativo aperto da Dear Esther. E’ un non-gioco in cui ci si chiede solo di esplorare un ambiente e interagire con qualche oggetto, alla maniera di quanto avvenuto di recente nel bellissimo Everybody’s Gone to the Rapture di The Chinese Room. La storia che ascolteremo e che leggeremo è toccante, struggente, dolce e coraggiosa. Il media videoludico non è fatto solo di sparatorie e di simulatori calcistici. C’è spazio anche per una narrativa che non potrebbe esistere in nessun altro media se non nei videogame.
+ Storia molto toccante
+ Grande atmosfera
+ Splendida colonna sonora
– Inadatto a chi cerca un “gioco” tradizionale
Recensione completa: http://www.nrsgamers.it/recensione-gone-home-sorelle/
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 3 (67%) hanno trovato questa recensione utile
3.2 ore in totale
Pubblicata: 30 dicembre 2015
Meraviglioso. Gone Home è una delle importantissime prove del fatto che i videogiochi possano essere opere d'arte. Non solo quello che è raccontato ma il modo in cui viene raccontato lo rende un capolavoro.
Questo è un gioco che emoziona sia nel momento in cui viene giocato sia quando, dopo averlo finito, si riflette su tutto ciò che si è letto e osservato per ricostruirne nella testa gli avvenimenti.
Mai come in questo gioco, forse, si comprende come i videogiochi, come tutte le forme d'arte, siano un riflesso della vita reale. I videogiochi possono e sanno raccontare la vita reale e, quando lo fanno, sanno essere potenti tanto quanto e forse di più di qualsiasi altra forma d'arte.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
3 persone su 5 (60%) hanno trovato questa recensione utile
6.7 ore in totale
Pubblicata: 7 novembre 2015
interessante, diverso, trascinante.
non è un fps, non è un rpg, un mmorpg, un rts, non è un'avventura grafica non è un puzzle game, non è nemmeno un hidden objects. dubito sia classificabile a malapena negli exploration game. eppure questo indie sconosciuto a pochi, amato da tanti e odiato da altrettanti, si differenzia e si arrampica in mezzo a tutti gli altri indie per trasportarvi in una storia, in una vita non vostra e vi attrae ad essa lasciandovi la sensazione che invece di tastiera e mouse abbiate in mano le pagine di un libro.. ..che a dirla tutta la vostra esperienza non sarà molto diversa perchè le uniche due azioni che svolgerete saranno camminare e leggere ..leggere ..leggere.. ..finchè non sarete diventati parte della storia e non la sentirete vostra ..finchè non vi affezionerete al personaggio di Sam, perchè alla fine vi affezionerete, perchè la doppiatrice è magica come non se ne trovano in titoli ben più famosi e costosi di questo.
questo gioco non è per tutti, è lento, dovrete cercare molto e leggere ogni cosa che trovate. questo gioco è lettura questo gioco è solo questo ..ma lo fa molto bene.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente