Elementi in evidenza
Giochi
Software Demo Consigliati NOTIZIE
June 7th, 1995. 1:15 AM You arrive home after a year abroad. You expect your family to greet you, but the house is empty. Something's not right. Where is everyone? And what's happened here? Unravel the mystery for yourself in Gone Home, a story exploration game from The Fullbright Company.
Data di rilascio: 15 Ago 2013
Etichette popolari definite dagli utenti per questo prodotto:
Guarda tutti e 2 i trailer

Acquista Gone Home

Aggiornamenti recenti Visualizza tutti (1)

Game of the Year

13 Febbraio 2014

Polygon: Game of the Year. "A profoundly simple and deeply human experience, one that we can relate to in a way that video games don't normally allow."
PC Gamer: Best Narrative Game of the Year. "A drama that celebrates the things your brain is doing when you’re switched on and engaged with the world."
IGN: Best PC Game of the Year, Best Story of the Year, Best Indie Game of the Year. "Gone Home accomplishes in just two hours of total game time what most games with 20 times the length and development cost fail to muster: heartfelt human emotion."

20 commenti Ulteriori informazioni

Recensioni

“Gone Home is the greatest video game love story ever told.”
The New York Times

“I never expected to see myself — or such a strong reflection of myself and my own life — in a video game.”
10/10 – Polygon

“Epic, personal and revelatory.”
5/5 – Giant Bomb

Commentary Mode now available!

Your copy of Gone Home now includes Developer Commentary Mode! More than an hour and a half of audio commentary from the developers of the game. Find it in the Modifiers menu when starting a new game! Enjoy!!

Informazioni sul gioco

June 7th, 1995. 1:15 AM

You arrive home after a year abroad. You expect your family to greet you, but the house is empty. Something's not right. Where is everyone? And what's happened here? Unravel the mystery for yourself in Gone Home, a story exploration game from The Fullbright Company.

Gone Home is an interactive exploration simulator. Interrogate every detail of a seemingly normal house to discover the story of the people who live there. Open any drawer and door. Pick up objects and examine them to discover clues. Uncover the events of one family's lives by investigating what they've left behind.

Go Home Again.

Key Features


  • A Personal Story: created by veterans of the BioShock series and the writer behind Minerva's Den, Gone Home offers the rich, nuanced details of one family's struggles to deal with uncertainty, heartache, and change.

  • An Immersive Place: return to the 1990s by visiting a home where every detail has been carefully recreated, and the sounds of a rainstorm outside wrap you in the experience.

  • No Combat, No Puzzles: Gone Home is a nonviolent and puzzle-free experience, inviting you to play at your own pace without getting attacked, stuck, or frustrated. This house wants you to explore it.

  • Fully Interactive Investigation: discover what's happened to the Greenbriars by examining a house full of the family's personal possessions, and the notes and letters they've left behind. Use your powers of observation to piece together a story that unfolds as you explore.

Requisiti di sistema (PC)

    Minimum:
    • WindowsXP SP2 or higher
    • 1.80GHz Processor
    • 2GB Memory
    • Video card with 512MB of VRAM
    • (NOTE: Intel HD Graphic 4000 NOT CURRENTLY SUPPORTED on Windows 8)
    • 2GB HDD space

Requisiti di sistema (MAC)

    Minimum:
    • OS X v10.7 Lion or higher
    • 1.80GHz Processor
    • 2GB Memory
    • Video card with 512MB of VRAM
    • 2GB HDD space

Requisiti di sistema (Linux)

    • glibc 2.11 or newer
    • 1.80GHz Processor
    • 2GB Memory
    • Video card with 512MB of VRAM
    • 2GB HDD space
Recensioni utili dai clienti
13 di 13 persone (100%) hanno trovato questa recensione utile
144 prodotti nell'account
1 recensione
1.7 ore in totale
E' un gioco totalmente esplorativo e narrativo non bisogna risolvere nessun puzzle e fare nulla di diverso che girare per casa e leggere pezzi di carta. Per quello che costa, e la durata (due ore scarse) non lo consiglio affatto. In più la storia che tutti osannano è estremamente banale e scontata, altro che storia d'amore. In un gioco come questo ti aspetti come minimo una storia che ti prenda e sia almeno minimamente avvincente non sta roba. Comprateci altro con quei soldi.
Pubblicata: 4 Gennaio 2014
Questa recensione ti è stata utile? No
14 di 15 persone (93%) hanno trovato questa recensione utile
664 prodotti nell'account
14 recensioni
3.3 ore in totale
In realtà è un ni, e quando è un ni bisogna pendere per il negativo. Gone Home, più che un gioco, è un esercizio narrativo all'interno del quale sono inseriti un paio di puzzle. Il punto di vista è quello di cliccare meramente su ogni oggetto nella casa, per capire un po' cosa è successo all'interno della propria famiglia. Funziona?Anche qui, non mi viene da dire nemmeno "sì, best narrativa evah in un videogioco". Considerate che ogni stanza è piena di oggetti interagibili, e per timore di non far partire un audiolog mascherato, starete lì a cliccare su tutto, manco fosse Diablo. Non posso dire nemmeno che non mi sia piaciuto, e che per i 3 euro che l'ho pagato, va anche bene. Ma 19 euro mai nella vita, già a 6,45 euro scontato sarei ancora più stronzo, scrivendo queste righe.
Pubblicata: 29 Dicembre 2013
Questa recensione ti è stata utile? No
20 di 29 persone (69%) hanno trovato questa recensione utile
260 prodotti nell'account
21 recensioni
3.6 ore in totale
Esiste uno strano procedimento dell’anima che ci fa provare nostalgia per ciò che in realtà non si è mai vissuto. La mia generazione, che più che perdersi forse non si è mai trovata, è figlia degli anni ’80 (ma nel senso che ci è nata, non che eravamo paninari al Burghy) ed è cresciuta all’inizio degli anni zero in un clima di post-modernità che stava già quasi suonando stantio. In mezzo ci sono loro: quegli anni ’90 che per molti ambiti artistici hanno segnato un vero e proprio spartiacque non solo per l’ovvio significato cronologico, la fine del millennio era lì dietro l’angolo, ma anche e soprattutto perchè sono stati gli ultimi anni completamente de-tecnologizzati: niente social network, Internet nel 1996 ce lo avevano 40.000 persone in tutta Italia e ci si regalava le cassettine registrate dalla radio perchè i masterizzatori costavano milioni e l’mp3 era ancora soltanto un acronimo dal vago sapore fantascientifico.

All’incirca è stato questo quello che ho pensato quando mesi fa ho scoperto l’esistenza di questo Gone Home, interessantissimo esperimento di The Fullbright Company. La promessa era quella di poter rivivere in pieno gli anni ’90, non in modo didascalico ma tramite un’esperienza reale che ci trasportasse indietro di vent’anni tramite l’interazione con un’intera casa piena di cose. Quest’ultima definizione non è frutto di una mia mancanza di ispirazione, con conseguente scelta del vago termine “cosa”, ma una precisa scelta: perchè in Gone Home a farla da padrone sono proprio gli oggetti, le generiche cose che possono essere presenti nella casa di ciascuno di noi, e ciò che colpisce immediatamente è l’enorme potere evocativo che da essi viene scaturito nel corso della narrazione e della nostra esplorazione. Ed è proprio qui che arriva la nostalgia, fortissima, di un periodo che ho vissuto solo marginalmente da bambino, prima, e da ragazzino brufoloso e con la fotta masturbatoria, dopo. Il merito, invero, non è soltanto della mia sempre viva passione per quel decennio che ha contenuto a livello artistico-culturale tutto ciò da cui sempre sono stato affascinato, ma anche e soprattutto del lavoro fatto dai ragazzi di Gone Home abilissimi demiurghi di un mondo ormai perso ma che questa sua incarnazione videoludica ci permette di rivivere sulla nostra pelle.

Vieni a leggere la recensione completa su TheShelterNetwork.com: http://theshelternetwork.com/gone-home-nostalgia-canaglia/
Pubblicata: 27 Novembre 2013
Questa recensione ti è stata utile? No
8 di 11 persone (73%) hanno trovato questa recensione utile
333 prodotti nell'account
22 recensioni
2.6 ore in totale
È una storia interattiva raccontata tramite audiolog, diari ed altri oggetti.
Il gameplay si riduce ad un click-click sugli oggetti (diciamo pure che è assente), quindi a mantenere vivo l'interesse del giocatore ci sono solo la trama (e sottotrame) e l'esplorazione della casa.
La storia è molto semplice alla fine, non vi aspettate nulla di trascendentale, ma è bella e ricca di dettagli.
Se vi piace questo genere di giochi prendetelo scontato (20 euro sono troppi) e non ve ne pentirete.
Ah dura circa 2 ore e il motore grafico è un mattone.
Pubblicata: 3 Gennaio 2014
Questa recensione ti è stata utile? No
1 di 1 persone (100%) hanno trovato questa recensione utile
369 prodotti nell'account
2 recensioni
1.5 ore in totale
Costa troppo per quel che rende. La storia d'amore può piacere o meno, a me è piaciuta, ma a parte questo? Il gioco dura meno di due ore ed è capace di lasciare delle domande senza risposta. Dalla descrizione poi sembra una cosa molto più trascendentale, alla fine si tratta di un discreto esercizio di stile, ma farlo pagare 18€ è veramente da bestie. Se lo (ri)trovate a 3€ ok, già a 6€ invece dovreste pensarci su.
Pubblicata: 4 Aprile 2014
Questa recensione ti è stata utile? No