War Thunder è un MMO dedicato all’aviazione, ai veicoli corazzati e alle forze navali della Seconda Guerra Mondiale. Potrete prendere parte a tutte le principali battaglie combattendo con giocatori reali provenienti da tutto il mondo.
Recensioni degli utenti: Molto positiva (22,429 recensioni)
Data di rilascio: 15 ago 2013

Accedi per aggiungere questo gioco alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come titolo che non ti interessa

Gioca a War Thunder

Free to Play

Acquista War Thunder - Steam Pack

Il War Thunder Steam Pack include aerei premium, 2 campagne single player, 1 mese di premium account e 1700 Golden Eagle!

 

Consigliati dai curatori

"War Thunder is a very good WWII tank/air combat game, it lacks the accuracy of a full featured simulator, but is fun nonetheless."

Aggiornamenti recenti Visualizza tutti (540)

1 ottobre

[Special] William Edward Boeing's birthday

From October 1st 12.00 GMT to October 2nd 12.00 GMT

15% discount on B-17E, B-17E/L

15% discount on B-17G

20% discount for talisman for B-17E, B-17E/L & B-17G


The name Boeing, known across the world, it’s a name with a rich and intriguing history, not just for the company that bears the name to day, but for the man that would inject the world of aviation with a vision of scale and innovation for the future.

William Edward Boeing was born on 1st October 1881 in Detroit, Michigan to Wilhelm Böing, an immigrant from North-western Germany . The Böing family made their early fortune in mining and timber. Williams early education took place in both Switzerland and North America, William would anglicise his name to Boeing on his return to the United States after his fathers death.

Attending Yale’s Sheffield Scientific School in 1904, Boeing excelled at his studies but was soon bored and craved adventures beyond the confines of the establishment he found himself in. Determined to make his own path in life he left university with only a year of study to complete. Boeing made cunning use of industry contacts and established himself in the timber trade of Washington State making a small fortune on trading timber. Only seven years later, Boeings need for adventure seized him again and he moved to Seattle where he would continue to take part in adventures both in the outdoors and in business.

On the 4th of July 1914, Boeing was offered a ride in a Curtiss hydroplane, it did not go well, Boeing was frustrated at the experience. Boeing approached Conrad Westervelt, a friend and business partner and both agreed that they could build a superior aircraft.
Taking lessons from none other than Glenn Martin, Boeing hastily learned the basics of flight and then when his first solo flight was completed, he bought a Martin Model TA seaplane and flew it back to Seattle.

Soon after his arrival in Seattle at the Boeing & Westervelt shipyard, Boeing managed to crash the aircraft, determined that they could do better and Using the basic elements of the Martin design, Boeing set to work on his new aircraft. It featured a greater wingspan and a lighter construction, and new landing pontoons which were attributed by Boeing as to causing the initial accident. The Boeing & Westervelt shipyard in Seattle’s harbor was converted to an temporary aircraft factory employing the shipwrights from shipyard to construct the prototype. Boeing himself flew the Bluebill, B&W Model 1, on its initial flight on the 15th of June 1916

World War One loomed on the horizon, Boeing again used his contacts in government and business and the fledgling Pacific Aero Products company began to build Navy trainers, the Boeing Model C, But for the United states the war period was brief, and the resultant economic downturn endangered the Aero Plant and its operation, Boing diversified the business, even going back into the timber trade to ensure the business stayed afloat.

His determination paid off, in 1927 Boeing was awarded the lucrative government international airmail contract, from that point on despite many struggles Boeing and his business grew. In 1928, Boeing was quoted.

"It is a matter of great pride and satisfaction to me to realize that within the short space of 12 years, an infant company with a personnel of less than a dozen men, has grown to be the largest plant in America, devoted solely to the manufacture of aircraft, and at the present time employing approximately 1,000 men."

William E. Boeing died on the 28th of September, 1956, aboard his own personal ship that he had built himself the Taconite. He had remained actively associated in the boeing business even after being forced to break up the company he had built in 1934, he subsequently retired that year. He did not have a formal funeral, as was his way in life having his family scatter his ashes into the sea off British Columbia where he had spent so many years enjoying his time aboard the Taconite. The legacy of technical innovation, engineering excellence and scientific pioneering left by Boeing continues to this day, and is testament to this one mans endeavour.

Aaron “Anglomanii” Lentz

4 commenti Ulteriori informazioni

30 settembre

[Air Forces] The Hungarian Air Force

The beginnings of the Hungarian Air Force can be traced to the Austro-Hungarian Air Force. Hungarian aviators took part in the First World War, and pilots such as Ferenc Gräser, István Fejes and József Kiss became aces. After the dissolution of the Austro-Hungarian Empire in 1918 Hungary was for a short time a communist republic – however, the Hungarian Soviet Republic, which operated a small Hungarian Red Air Force, collapsed on August 1st 1919.

The Treaty of Trianon, signed on the 4th of June 1920, effectively banned Hungary from having it's own air force. However, similarly to Germany and Austria, the Kingdom of Hungary began rebuilding their own air force, disguising it as private air clubs. This fact was revealed to the world in 1938 when the Bled agreement revoked the arms restrictions placed on Hungary after Trianon. At the time, the Royal Hungarian Air Force's main fighter was the Italian made Fiat CR.32, with the German Junkers Ju-86 serving as the main bomber. A small Hungarian force was then dispatched to Czechoslovakia, with the aim of supporting ground units in the capture of the Upper Hungary province.

At first, Hungary did not actively participate in the Second World War. This did not stop it from upgrading its air force, replacing some of the CR.32 fighters with newer CR.42 models. On 20th November 1940, Prime Minister of Hungary Pál Teleki signed the Tripartite Act, which brought Hungary in line with other Axis powers. The Hungarians took part in the Invasion of Yugoslavia by sending the Third Army to occupy Vojvodina. The Hungarian Air Force would find itself in the thick of the action again after Germany invaded the Soviet Union on the 22nd June 1941.

The Royal Hungarian Air Force quickly found itself fighting on the Eastern Front with the Red Army Air Force. At the time some units were starting to retire their old CR.32 and CR.42 biplanes, with the replacement of another Italian fighter – the Reggiane Re.2000.

The heavy fighting on the Eastern Front took its toll on the Hungarians, with a lot of their original aircraft being shot down in fierce fights over Ukraine. However, Germany quickly set about rearming its ally – in October 1942, most units were reinforced with new German aircraft – Bf 109F-4 fighters, Ju87 dive bombers and Me210 heavy fighters.

The Bf109's were later upgraded to the G-2, and finally the G-6 version as the war progressed. Soon, the Hungarians had not only to fight in the USSR, but also defend their country from US bombing raids aimed at Hungarian industry. The top scoring ace of the Hungarian Air Force, Dezső Szentgyörgyi, ended the war with 29 confirmed victories, 6 of which against US aircraft.

The Royal Hungarian Air Force was disbanded after the fighting in Hungary ended, as the country was now in the Soviet sphere of influence. The new air force was supplied by the Soviet Union, with aircraft such as the MiG-15, Il-28 and MiG-21 forming the spearhead of their force for decades to come. Today, the Hungarian Air Force operates Swedish JAS-39 Gripen fighters in addition to post-Soviet MiG-29 aircraft.

Adam “BONKERS” Lisiewicz

10 commenti Ulteriori informazioni

Recensioni

"E' veramente facile scivolare nel vortice di War Thunder"
Rock, Paper, Shotgun

"Il modo piu storicamente istruttivo per distruggere aeroplani"
GameSpot

"Il grande divertimento, i combattimenti eccitanti e la miriade di personalizzazioni unite alla possibilita di modificare le skill personali renderanno questo gioco il preferito di molti giocatori"
http://www.mmorpg.com/gamelist.cfm/game/623/view/reviews/loadReview/266/Gaijin-Strikes-Gold.html

Riguardo questo gioco

War Thunder è un MMO dedicato all’aviazione, ai veicoli corazzati e alle forze navali della Seconda Guerra Mondiale. Potrete prendere parte a tutte le principali battaglie combattendo con giocatori reali provenienti da tutto il mondo.

War Thunder offre un’esperienza aeronautica ricca di personalizzazioni e dettagli per centinaia di aerei con cockpit estremamente dettagliati, dozzine di armi modificabili e flying skill che possono essere migliorate e personalizzate per ogni missione. Grazie alla scrupolosa attenzione ai dettagli vi sentirete dei veri piloti da combattimento ogni volta che vi getterete in battaglia.

L’esperienza di War Thunder non è limitata ai cieli della Seconda Guerra Mondiale, le immense battaglie che si svolgono in gioco non possono essere combattute dalla sola aviazione ed è proprio per questo che il gioco includerà combattimenti in terra e in mare.Attualmente il gioco è in open beta e le funzionalità complete devono ancora essere implementate.

Feature incluse


  • Esperienza PvP variegata con combattimenti su larga scala
  • Un gran varietà di impostazioni permetterà sia ai piloti esperti sia ai nuovi piloti di assaporare assieme il gioco
  • Ricchi contenuti PvE: campagne dinamiche, missioni in solitaria, mission editor e molto altro ancora per quanto riguarda il gameplay in single-player e cooperativo
  • Questa grande diversità vi permetterà di provare aerie con cockpit estremamente dettaglaiti, stessa cosa per quanto riguarda carri armati e navi
  • Una grafica sorprendente, effetti sonori autentici e belle musiche

Requisiti di sistema

PC
Mac
    Minimum:
    • OS: Windows XP SP2, Windows Vista SP1, Windows 7, Windows 8
    • Processor: 2,2 GHz
    • Memory: 1 GB RAM
    • Graphics: Nvidia GeForce 7XXX serie o superiore; AMD Radeon 1XXX serie o superiore
    • DirectX: Version 9.0c
    • Network: Broadband Internet connection
    • Hard Drive: 8 GB available space
    Recommended:
    • OS: Windows 7
    • Processor: dual-core 2,4 GHz
    • Memory: 4 GB RAM
    • Graphics: Nvidia GeForce 460 o superiore
    • DirectX: Version 9.0c
    • Network: Broadband Internet connection
    • Hard Drive: 8 GB available space
    Minimum:
    • OS: 10.9 Mavericks
    • Processor: Intel Core i7
    • Memory: 4 GB RAM
    • Graphics: AMD/Nvidia/Intel HD 4000
    • Network: Broadband Internet connection
    • Hard Drive: 8 GB available space
    Recommended:
    • OS: 10.9.2 Mavericks
    • Processor: Intel Core i7
    • Memory: 8 GB RAM
    • Graphics: AMD/Nvidia
    • Network: Broadband Internet connection
    • Hard Drive: 8 GB available space
Recensioni utili dai clienti
12 persone su 17 (71%) hanno trovato questa recensione utile
0.2 ore in totale
Veramente un ottimo gioco, c'è una scelta molto vasta di aerei, per essere un free to play presenta anche un'ottima grafica, lo consiglio per chi ama molto il confronto con altri giocatori e vuole divertirsi distruggendoli.
Pubblicata: 14 maggio
Questa recensione ti è stata utile? No
22 persone su 36 (61%) hanno trovato questa recensione utile
1,118.7 ore in totale
Dai e' ottimo come gioco pero' ha problemi seri, il ramo tedesco e' quello piu molestato del gioco con continui nerf brutali senza un motivo logico, i russi hanno i cannoni laser fotonici che ti spaccano pure lo schermo da quanto sono potenti non voglio andare oltre ma dico anche questo: ci sono bug da 1 anno e non sono stati mai fixati.
Pubblicata: 1 luglio
Questa recensione ti è stata utile? No
6 persone su 6 (100%) hanno trovato questa recensione utile
648.1 ore in totale
War thunder è sicuramente uno dei migliori giochi gratuiti disponibili.
La grafica è superiore a qualsiasi altro gioco del suo genere e gli effetti grafici sono abbastanza realistici.
Essendo un gioco free to play non mancano gli acquisti all' interno del gioco che consistono principalmente in veicoli esclusivi e un livellamento più rapido.
Tuttavia a differenza degli altri giochi l'abilità e l'esperienza del giocatore bastano a dominare il campo di battaglia anche contro giocatori con veicoli premium.

Il gioco è composto da 3 modalità di gioco ovvero:

1) Le battaglie multigiocatore casuali che possono essere giocate ad arcade ovvero con controlli molto semplificati ma danni e effetti realistici, e questa è la modalità principale perchè è l'unica che permette di sbloccare e comprare in un tempo ragionevole nuovi veicoli. Questa è anche la modalità più frenetica e certe volte irritante poichè avendo a disposizione diversi aerei per partita i giocatori sono più propensi ad attacchi suicida che possono rovinarti il punteggio.
Poi ci sono le battaglie multigiocatore casuali realistiche che si svolgono in contesti storici e con le nazioni corrette a differenza di quelle arcade in cui i gicatori con aerei di tutte le nazioni vengono messi nella medesima squadra.
In queste battaglie su può utilizzare un solo aereo e un solo carro per match, i comandi di volo sono verosimili l'aereo risponde in modo diverso anche a seguito di danni lievi compromettendo stabilità e velocità.
In fine si può giocare in simulazione in cui l'aereo è completamento controllato dal giocatore e la visuale interna all'abitacolo è obbligatoria, qui valgono le stesse cose dette sulle battaglie realistiche ma i costi di riparazione salgono vertiginosamente e i comandi sono ancora più difficili
2) Le missioni e le campagne che sono organizzate dai giocatori e sono solo pve.
3) Le schermaglie in cui i giocatori organizzano battaglie pvp con veicoli scelti dall' host.

Giocando senza account premium è possibile sbloccare facilmente tutti i veicoli fino al 4 livello su 5.
Il 5 livello dedicato agli aerei jet e ai veicoli del 45 e del dopoguerra e richiedono una quantità di punti ricerca raggiungibile ma piuttosto elevata: un mese o più di gioco costante e non esagerato per veicolo.
Nel gioco è possibile per tutti i giocatori ottenere monete premium senza particolare sforzo poichè vengono distribuite in eventi della durata di un giorno in cui vengono assegnate in base a un numero di vittorie ottenute.

Personalmente ritengo che sia una scelta obbligata per gli amanti dei simulatori di volo e degli fps non frenetici.
Voto personale 9/10
P.s:
Il gioco è in costante aggiornamento e potrebbero esserci vari cambiamenti sugli aspetti che vi ho illustrato prima.
Pubblicata: 4 agosto
Questa recensione ti è stata utile? No
3 persone su 3 (100%) hanno trovato questa recensione utile
645.8 ore in totale
Un gran bel gioco. Ha ancora molta strada da fare per essere perfetto e storicamente preciso ma diamo un pò di fiducia agli sviluppatori! Consigliato a tutti coloro a cui piacciono aerei , carri e ( in futuro ) navi della seconda guerra mondiale e guerra di Korea!
Un paio di Note negative : Il ramo dei tedeschi è quello più buggato dove un FW 190 non supera i 500km/h e non manovra un accidenti. Al contrario i russi sono dei mostri che con 2 colpi ti fanno saltare via un'ala. Su questo hanno moooolto da lavorare ma ripeto, siamo fiduciosi!
Pubblicata: 23 settembre
Questa recensione ti è stata utile? No
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
271.7 ore in totale
Veramente un bel gioco con cui pasare le giornate, attualmente è in beta ma sembra completo, la cosa più importante sono gli aggiornamenti continui e pieni di nuovi aerei e carri
Pubblicata: 22 agosto
Questa recensione ti è stata utile? No
37 persone su 44 (84%) hanno trovato questa recensione utile
115.7 ore in totale
Magnifico!
E' il migliore sul mercato ed è pure gratis, grafica mozzafiato nonostante le basse richieste hardware, 3 modalità di gioco (arcade, simulatore o via di mezzo) per venire in contro a tutti, grandissimo parco mezzi di ogni nazione partecipante al conflitto (sebbene non presente come nazione a se stante, un'intero ramo tedesco è incentrato sugli aerei italiani! e forse un giorno aggiungeranno l'Italia come nazione), ogni aereo è personalizzabile sia esteticamente sia tecnicamente migliorandone prestazioni e resistenza (niente super bonus, tutte le modifiche sono realistiche e si tratta di miglioramenti alla manovrabilità o alla resistenza ai colpi nemici).
Niente punti vita, se il nemico colpisce il pilota sei morto, se spara al motore se sei fortunato perdi benzina, se sei sfortunato si spegne e precipiti, e se i colpi sono potenti c'è il rischio di perdere parti dell'aereo fondamentali, come ali, flap o se presenti i mitraglieri coassiali.
Free to play è spesso (e gisutamente) associato al pay to win, ma state pur certi che su War Thunder non è assolutamente così, si può pagare per avere monete d'oro con le quali poter velocizzare qualche ricerca per le modifiche agli aerei o per accedere alla versione premium che aggiunge solo 2 slot di personalizzazione agli aerei e un aumento di esperienza e punti ricerca ottenibili in battaglia, volendo si possono usare soldi reali per velocizzare anche lo sblocco di nuovi aerei, ma la richiesta monetaria è davvero assurda e a meno che non vogliate aprire un mutuo solo per sbloccare aerei non è per nulla consigliato, ed in ogni caso il bello è migliorare i propri aerei e non sbloccarne altri.
Ora stanno facendo l'ultima closed beta dei carri armati, quindi fra pochi mesi verranno aggiunti pure alla versione base, e quindi si parla di missioni che prevedono giocatori umani sia in aria che sulla terra, non vedo motivi quindi per non scaricare War Thunder...

Pubblicata: 14 marzo
Questa recensione ti è stata utile? No