Proteus is a game about exploration and immersion in a dream-like island world where the soundtrack to your play is created by your surroundings. Played in first-person, the primary means of interaction is simply your presence in the world and how you observe it.
Valutazione degli utenti:
Recenti:
Nella media (15 recensioni) - 53% delle 15 recensioni degli utenti pubblicate negli ultimi 30 giorni sono positive.
Complessivamente:
Perlopiù positiva (2,221 recensioni) - 2,221 recensioni degli utenti (73%) per questo gioco sono positive.
Data di rilascio: 30 gen 2013

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

non disponibile in Italiano
Questo prodotto non è disponibile nella tua lingua. Prima di eseguire l'acquisto, controlla la lista delle lingue disponibili.

Acquista Proteus

 

Recensioni

“In a way, its lack of progression – the absence of skill trees, difficulty levels and save points – works in its favour; you won’t dive back in to mop up the last few achievements, or to climb leaderboards, but simply because you want to play Proteus. Because you want to open your eyes and be up to your waist in seawater, to walk to shore and wander through fields that sing. And that’s an itch only Proteus can scratch.”
8/10 – Edge

“I come away from it feeling elated. And that makes Proteus feel very special to me. It’s such a pleasure knowing it will be the same for so many others.”
Rock Paper Shotgun

“Its randomness and secrets make it worth playing through a few times, and beyond that, it's easy to imagine wanting to return to it just for respite from a stressful day or a noisy city.”
8/10 – The Guardian

“Proteus is beautiful, a beautiful thing. […]If it must be catgorised, Proteus perhaps is best filed alongside last year's similarly oblique but fascinating experimental games – Dear Esther and Journey.”
5/5 – Eurogamer

Steam Big Picture Mode

Informazioni sul gioco

Proteus is a game about exploration and immersion in a dream-like island world where the soundtrack to your play is created by your surroundings. Played in first-person, the primary means of interaction is simply your presence in the world and how you observe it. The procedurally generated islands are home to creatures natural and imagined, tranquil valleys and ruins with magical properties.

Key Features:

  • Meditative play: the responsive world and lack of any text or hints distils an essence of curious, investigative play, and rewards patience and immersion.
  • Dynamic soundtrack composed by award-winning musician David Kanaga follows the mood of the world and will appeal to fans of Boards of Canada, Brian Eno.
  • A distinctive 2D-but-3D graphical style with wild shifting palettes that sits somewhere between 8-bit videogames and early 20th century modernist painting.
  • Islands are uniquely generated every time, and although it's theoretically possible to see everything in one playthrough, no-one ever does.
  • Built-in "postcard" function encodes world data into each screenshot, allowing islands and discoveries to be saved and shared.

Requisiti di sistema

Windows
Mac OS X
SteamOS + Linux
    Minimum:
    • OS: Windows XP SP3
    • Processor: 1.8GHz
    • Memory: 3 GB RAM
    • Graphics: Intel HD Graphics 3000
    • Hard Drive: 100 MB HD space
    Recommended:
    • Processor: 2.2GHz Dual Core
    • Memory: 4 GB RAM
    • Graphics: 512 MB NVidia or ATI graphics card
    • Hard Drive: 100 MB HD space
    Minimum:
    • OS: 10.6
    • Processor: 1.8GHz
    • Memory: 3 GB RAM
    • Graphics: Intel HD Graphics 3000
    • Hard Drive: 250 MB HD space
    Recommended:
    • Processor: 2.2 GHz
    • Memory: 4 GB RAM
    • Graphics: 512 MB NVidia or ATI graphics card
    • Hard Drive: 250 MB HD space
    Minimum:
    • OS: Ubuntu 12.04 LTS, Mint 13 LTS, Fedora 16, fully updated
    • Processor: 1.8GHz
    • Memory: 3 GB RAM
    • Graphics: Intel HD Graphics 3000
    • Hard Drive: 250 MB HD space
    Recommended:
    • OS: Ubuntu 12.04 LTS, Mint 13 LTS, Fedora 16, fully updated
    • Processor: 2.2 GHz
    • Memory: 4 GB RAM
    • Graphics: 512 MB NVidia or ATI graphics card
    • Hard Drive: 250 MB HD space
Recensioni dei giocatori
Sistema delle recensioni degli utenti aggiornato! Ulteriori informazioni
Recenti:
Nella media (15 recensioni)
Complessivamente:
Perlopiù positiva (2,221 recensioni)
Pubblicate di recente
riccardoferraro98
11.5 hrs
Pubblicata: 22 marzo
Game is beatiful but is not free software/open source. This post maybe will be deleted from Steam because I don't know if they own the rights of the game but I don't think so aniway david key and ed ganaka should release the source of the game and should be also release the "artistic part of the game" because you've selled the game enough and I think you'll keep selling the game. If you don't want to do know please do in a later moment because is important. Anyway I don't like the game because you're nearly enforced to change season in the game and winter musice is "too awful" for me. I critiqued you also because you posted that in your credits. In the end the game it should be buyed also as for relax or exploration but it should be free/libre software /open source and you should change winter music and let the player don't change season like with ninbus under the sky, and get better support for mouse because I can't see up or down with joypad i can just move.
Demoncard
2.4 hrs
Pubblicata: 13 marzo
E' difficile trovare sul mercato un titolo così radicale come Proteus, e questa sua conformazione si porta dietro tutti i pro e i contro del caso. Sviluppato in un primo momento da Ed Key come RPG non-violento incentrato sul concetto di "missione", Proteus diventa in seguito all'arrivo di David Kanaga (e alla realizzazione dell'effettiva limitatezza dei mezzi economici degli sviluppatori) una sfida a sfrondare il più possibile l'idea di "videogioco", fino a scovare con un estremo metodo a sottrazione le forme più pure, più "nude", dell'interazione. Proteus può essere definito la matrice di tutti gli "walking simulator": non troverete ad accompagnare la vostra esplorazione né trama, né accenni di piattaforme, né puzzle elementari, né tantomeno oggetti con cui interagire "attivamente" (intendendo tramite premeditata selezione e conseguente input). In Proteus giocare è "esserci". La nostra presenza determina il mondo, acusticamente e cineticamente: noi siamo la coscienza che quantisticamente determina l'onda, e la conformazione della materia. La casualità probabilistica delle realizzazioni è in realtà in Proteus un atto di generazione procedurale, ma splendidamente inserito in un quadro di metafora di vita. Per quanto le situazioni possano essere diverse e la "morfologia" del nostro campo osservabile desueta, l'esistenza è composta dagli stessi pochi elementi. E l'unico elemento soprastante, incondizionabile (se si considera il vortice puro espediente ludico), è la quarta dimensione del tempo, atmosferico e della crescita. Significativo è l'inizio primaverile in cui ancora si deve "entrare" nel nostro campo di decisioni (il gioco inizia lontano dall'isola, nel mare); splendido è il valore attribuito all'autunno, che mettere in risalto l'importanza dei penultimi atti negli esseri finiti, i più magici, nebulosi, ma al tempo stesso dinamici e capaci di generare: autunno già tristemente, ma ancora in un certo senso ottimisticamente, capace di visioni sull'ultimo inverno. Il finale è l'unica chiave di interpretazione che Proteus fornisce al giocatore, che si identifica alla fine in un essere fatto di pura osservazione, il cui ciclo si conclude al termine degli elementi stessi da osservare. Proteus si giova estremamente del fatto di non avere metri di paragone. Essendo un concept game pressoché unico nel suo genere, valutarlo in modo diverso da "positivo" equivarrebbe a non valorizzare a sufficienza simili lodevoli esperimenti: ciò non vieta che ci siano in Proteus dei forti limiti che minano profondamente l'esperienza di gioco. L'idea di base dell'interazione passiva è troppo poco sviluppata per la pretesa di durata "base" che ha il gioco. Sebbene la durata delle giornate possa essere cambiata manualmente dal menu, il piano originale prevede 15 minuti che, soprattutto nelle stagioni più "vuote", tendono a diventare tediosi. E pensare che sarebbe bastato aprire un poco di più il rubinetto del linguaggio figurato per far fluire un più costante "effetto meraviglia". Lo stile pixel art è adatto a sorprendere per le scelte coloristiche, ma non aiuta a fornire un aspetto di consistenza. La colonna sonora creata "passo passo" è avvolgente e si fonde perfettamente con gli effetti ambientali, di una profondità ancestrale: sfido chiunque a dimenticarsi in fretta i corni seguiti dal fruscìo del vento passando accanto alle lapidi. In definitiva Proteus è un bell'esempio di "gioco a tema". Tuttavia, la componente ludica ridotta all'osso non è supportata da una sufficiente varietà dei contenuti, e resa dunque in parole molto povere noiosa. Questa constatazione è aggravata dal fatto che risulta deleteria alla trasmissione dello stesso messaggio di fondo: il giocatore ha l'impressione che la nostra semplice presenza nel mondo possa muovere ben poco. Coinvolgente ma distaccato, commuovente ma giocherellone, Proteus è senza dubbio più adatto a chi si interessa al videogioco come mezzo d'espressione che non a quelli che cercano una buona esperienza videoludica in sé.
Ryu [ITA]
0.5 hrs
Pubblicata: 21 settembre 2015
bad, boring
AtroX
1.7 hrs
Pubblicata: 4 settembre 2015
Relax, take your time
Effettivamente ero piuttosto scettico su questo gioco, anche se la critica lo acclamava come indiegame dell'anno e abbia vinto anche dei premi, perchè fondamentalmente dovevi solo camminare ed ascoltare "la natura" che ti circondava in questa isoletta deserta. E infatti la prima volta che ci giocai lo finii in 20 minuti, questo perchè non "ascoltavo".
Riprovandolo mi son accorto che in realtà questo gioco serve a rilassarti e lo fa anche piuttosto bene se ti metti d'impegno per rilassarti e scordarti dei problemi che ti circondano anche solo per un'oretta, per staccare da tutto.
Graficamente non è bello e non ci sono troppe cose da fare apparte camminare e sedersi però non è quello che importava, la cosa importante era far coinvolgere il giocatore in questa camminata nella natura.
Percià, per concludere, se volete comprare un gioco in cui dovete competere o finire missioni non è questo che fa per voi ma se avete bisogno di staccare da tutto anche per poco allora potrebbe essere la vostra soluzione...economica...
willKane
1.5 hrs
Pubblicata: 31 marzo 2015
In pieno inverno si confonde il cielo con la neve, è notte e il deserto bianco confonde ogni cosa, qualche albero ghiacciato, in ipotermia e nient'altro nei pressi; allora dritti verso l'orizzonte, magari un cerchio bianco spigoloso molto più in là e, noncuranti di girar le spalle, si cammina... cammina... fino a restare sospesi nell'aria, sovrastando le nubi, chiudendo gli occhi rivolti alla luna.
Saint of Killers
1.3 hrs
Pubblicata: 24 marzo 2015
Come Morrowind, ma senza la rottura di doverlo giocare
Nick .
4.7 hrs
Pubblicata: 15 marzo 2015
Personalmente ho amato il gioco.
L'ho provato prima di comprarlo, e mi è piaciuto talmente tanto che ho deciso di supportare gli sviluppatori prendendolo su steam.
Cosa aspettarsi? Sicuramente non un gioco ordinario.
Il gioco è godibile solo se gli dedicate tempo: vi rilassate e vi mettete a giocarlo tornando bambini, ascoltando tutti i suoni e i rumori.
Il gioco è per cogliere particolari che nella vita frenetica di tutti i giorni non cogliamo mai.
Nella semplicità c'è la godibilità del gioco.
Inoltre il gioco piace moltissimo a mio cugino di 4 anni e ho una scusa per tornare a visitare il mondo di gioco ogni tanto =)
Non vi dico che è il capolavoro del secolo, che ci spenderete 1000 ore sopra o altro, sappiate semplicemente che ho apprezzato il titolo molto di più di titoli tripla A
Norea ☯
0.9 hrs
Pubblicata: 25 febbraio 2015
Più che un gioco e' un'esperienza videoludica. Particolare, senza scopi, immersiva e banale, ma interessante allo stesso tempo. Non vale i soldi che costa se non per chi, come da un quadro particolare, e' attrato da un qualcosa di strano e originale.
ilbodoz
1.0 hrs
Pubblicata: 14 ottobre 2014
Non mi sento di consigliare questo titolo.
E' vero che non è un videogioco e gli sviluppatori lo dichiarano espressamente, è anche vero che dal pdv dello stile grafico 8bit ma curato e della colonna sonora l'atmosfera viene resa bene, ma pagare 7 euro per uno screensaver interattivo in cui non c'è davvero nulla di interessante da scoprire (l'isola viene generata casualmente ma i "segreti" presenti al suo interno sono sempre gli stessi e si ripetono..) non mi pare una scelta saggia.

Apprezzabile lo sforzo dal lato tecnico di riprodurre un mondo con uno stile fine anni 80, ma non c'è davvero nient'altro di positivo in questo prodotto.
Potrei consigliarvi l'acquisto solo a meno di 1€, se proprio non potete fare a meno di vivere questa mini (e discutibile) esperienza interattiva.

IDML
Road to 8000 m&m's
0.3 hrs
Pubblicata: 24 settembre 2014
Un indie game sperimentale molto bello: le atmosfere e le musiche sono dinamiche e permettono un'immersione pressocché completa.
Consiglio: mettetelo nella vostra lista desideri e prendetelo non appena è in saldo.
Recensioni più utili  Complessivamente
8 persone su 11 (73%) hanno trovato questa recensione utile
Sconsigliato
0.3 ore in totale
Pubblicata: 6 gennaio 2014
se avete un minimo di amore per voi stessi non comprate questo gioco... rientra nella categoria del masochismo
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
4 persone su 5 (80%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
1.7 ore in totale
Pubblicata: 4 settembre 2015
Relax, take your time
Effettivamente ero piuttosto scettico su questo gioco, anche se la critica lo acclamava come indiegame dell'anno e abbia vinto anche dei premi, perchè fondamentalmente dovevi solo camminare ed ascoltare "la natura" che ti circondava in questa isoletta deserta. E infatti la prima volta che ci giocai lo finii in 20 minuti, questo perchè non "ascoltavo".
Riprovandolo mi son accorto che in realtà questo gioco serve a rilassarti e lo fa anche piuttosto bene se ti metti d'impegno per rilassarti e scordarti dei problemi che ti circondano anche solo per un'oretta, per staccare da tutto.
Graficamente non è bello e non ci sono troppe cose da fare apparte camminare e sedersi però non è quello che importava, la cosa importante era far coinvolgere il giocatore in questa camminata nella natura.
Percià, per concludere, se volete comprare un gioco in cui dovete competere o finire missioni non è questo che fa per voi ma se avete bisogno di staccare da tutto anche per poco allora potrebbe essere la vostra soluzione...economica...
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
0.1 ore in totale
Pubblicata: 23 giugno 2014
Amazing game, you can do everything you want like walk, walk AND walk, if you like to walk, it's the best game you can play
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 1 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Sconsigliato
1.0 ore in totale
Pubblicata: 14 ottobre 2014
Non mi sento di consigliare questo titolo.
E' vero che non è un videogioco e gli sviluppatori lo dichiarano espressamente, è anche vero che dal pdv dello stile grafico 8bit ma curato e della colonna sonora l'atmosfera viene resa bene, ma pagare 7 euro per uno screensaver interattivo in cui non c'è davvero nulla di interessante da scoprire (l'isola viene generata casualmente ma i "segreti" presenti al suo interno sono sempre gli stessi e si ripetono..) non mi pare una scelta saggia.

Apprezzabile lo sforzo dal lato tecnico di riprodurre un mondo con uno stile fine anni 80, ma non c'è davvero nient'altro di positivo in questo prodotto.
Potrei consigliarvi l'acquisto solo a meno di 1€, se proprio non potete fare a meno di vivere questa mini (e discutibile) esperienza interattiva.

IDML
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 3 (67%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
5.3 ore in totale
Pubblicata: 6 giugno 2013
Proteus richiama istantaneamente Dear Esther: in entrambi i giochi guidate, senza poter fare altro che camminare, un personaggio sconosciuto all'esplorazione di un isola. Le similitudini finiscono qua, perché mentre l'isola di Dear Esther ha una storia da scoprire, raccontata attraverso una quantità importante di monologhi, lettere, diari, e un percorso sostanzialmente unico e lineare (ma dalle infinite interpretazioni) Proteus lascia il giocatore solo, e libero di andare dove vuole, di fronte alla natura (quasi) incontaminata di un ambiente generato ogni volta casualmente rimescolando gli elementi base. Vedrete l'isola attraversare le quatto stagioni, mentre la colonna sonora cambierà e si mescolerà ai suoni creati dai luoghi che troverete e dalla creature che infastidirete, creando una esperienza artistica rilassante e curiosa, capace a volte di stupire e sorprendere ma che non si presta a essere "giocata" più volte per via della sua esagerata ripetitività. Peggiore di una vera passeggiata in campagna quanto "Le déjeuner sur l'herbe" di Manet è peggiore di una vera colazione con due donne nude.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 6 (33%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
0.4 ore in totale
Pubblicata: 25 giugno 2014
Gioco/non gioco davvero rilassante, per chi cerca quei 10 minuti di tranquillità.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
0 persone su 2 (0%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
4.7 ore in totale
Pubblicata: 15 marzo 2015
Personalmente ho amato il gioco.
L'ho provato prima di comprarlo, e mi è piaciuto talmente tanto che ho deciso di supportare gli sviluppatori prendendolo su steam.
Cosa aspettarsi? Sicuramente non un gioco ordinario.
Il gioco è godibile solo se gli dedicate tempo: vi rilassate e vi mettete a giocarlo tornando bambini, ascoltando tutti i suoni e i rumori.
Il gioco è per cogliere particolari che nella vita frenetica di tutti i giorni non cogliamo mai.
Nella semplicità c'è la godibilità del gioco.
Inoltre il gioco piace moltissimo a mio cugino di 4 anni e ho una scusa per tornare a visitare il mondo di gioco ogni tanto =)
Non vi dico che è il capolavoro del secolo, che ci spenderete 1000 ore sopra o altro, sappiate semplicemente che ho apprezzato il titolo molto di più di titoli tripla A
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
0 persone su 2 (0%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
0.9 ore in totale
Pubblicata: 25 febbraio 2015
Più che un gioco e' un'esperienza videoludica. Particolare, senza scopi, immersiva e banale, ma interessante allo stesso tempo. Non vale i soldi che costa se non per chi, come da un quadro particolare, e' attrato da un qualcosa di strano e originale.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 7 (29%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
3.2 ore in totale
Pubblicata: 28 dicembre 2013
Nell'articolo sui migliori indie dell'anno secondo la redazione di indievault io ho parlato di Proteus: http://www.indievault.it/2013/12/27/i-giochi-indie-del-2013-per-la-redazione-di-indie-vault/
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
0 persone su 4 (0%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Sconsigliato
0.1 ore in totale
Pubblicata: 5 febbraio 2013
Un gioco emozionante, la mia durata di gioco ne è una testimonianza.

FOTTUTI HIPSTER GAME.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente