Set in futuristic Tokyo, take control of the robotic community before they control everything!
Valutazione degli utenti:
Recenti:
Molto positiva (24 recensioni) - 91% delle 24 recensioni degli utenti pubblicate negli ultimi 30 giorni sono positive.
Complessivamente:
Molto positiva (2,448 recensioni) - 2,448 recensioni degli utenti (88%) per questo gioco sono positive.
Data di rilascio: 27 apr 2012

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

Acquista Binary Domain

Pacchetti che includono questo gioco

Acquista Binary Domain

Include 3 articoli: Binary Domain, Binary Domain - Dan Marshall Pack, Binary Domain - Multiplayer Map Pack

 

Informazioni sul gioco

THE MACHINE AGE HAS BEGUN in this immersive and atmospheric squad-based shooter in which you need to regain control of a futuristic Tokyo from an emerging robotic threat.

Set in 2080, the story starts when Dan Marshall and his squad are sent to bring the robotic community under control as they begin to infiltrate society and slowly take over undetected, leaving humans redundant in their wake.

Thrilling encounters with highly intelligent robotic enemies require you to think tactically, make challenging, real-time moral decisions and build up trust with your team mates in order to guide your squad to safety and success.

Key Features:

  • A NEW TAKE ON FUTURISTIC TOKYO - Experience dual layered Tokyo with a run down and derelict lower city and a clean and affluent upper city.
  • THE CONSEQUENCE SYSTEM - Under the pressures of battle every action, every choice and every word affects everything.
  • PROCEDURAL DAMAGE - Fully destructible and highly resilient robots adapt to the damage they sustain encouraging you to analyse each enemy, find their weaknesses and dispose of them in the most efficient way.
  • WEAPON MODIFICATION AND SKILL SELECTION - Alongside a full armoury of unique weapons, put emphasis on the skills that will benefit you.

Requisiti di sistema

    Minimum:
    • OS: Microsoft Windows 7/Vista/XP
    • Processor: Intel Core 2 Duo @ 2.66 GHz or AMD equivalent
    • Memory: 2GB RAM (XP)/3GB RAM (Windows 7 / Vista)
    • Graphics: NVIDIA GeForce GT220 (512MB) / ATI Radeon HD 2600 XT (512MB)
    • Hard Drive: 8 GB free hard drive space
    Recommended:
    • OS: Microsoft Windows 7
    • Processor: Intel Core i5 @ 2.66 GHz or AMD equivalent
    • Memory: 3GB RAM
    • Graphics: NVIDIA GeForce GTX 460 (1GB) / ATI Radeon HD 5750 (1GB)
    • Hard Drive: 8 GB free hard drive space
Recensioni dei giocatori
Customer Review system updated Sept. 2016! Learn more
Recenti:
Molto positiva (24 recensioni)
Complessivamente:
Molto positiva (2,448 recensioni)
Tipo di recensione


Tipo di acquisto


Lingua


Display As:


(what is this?)
66 reviews match the filters above ( Molto positiva)
Recensioni più utili  Negli scorsi 30 giorni
3 persone su 3 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
8.3 ore in totale
Pubblicata: 7 settembre
Un gioco che a mio avviso è stato sempre sottovalutato. Nonostante sia passato qualche anno dalla release questo prodotto riesce ancora ad attirare nuovi giocatori, poichè sempre più persone si stanno accorgendo di essersi persi per strada un prodotto degno di essere chiamato tale.

4 anni e non sentirli! Il comparto grafico è piacevole e curato, anche se non eccellente e le ambientazioni sono varie e differenti.

Il comparto sonoro non spicca più di tanto e c'è da dire che una colonna sonora è quasi del tutto assente.

La storia non è complessa, tuttavia gli sviluppatori hanno creato una trama ricca di conversazionim cutscene e ironia che vi farà pensare: dai, vediamo che c'è dopo, per curiosità; continuerete così per tutto il tempo.

L'unica reale pecca di questo gioco sono i controlli; essendo un porting da console, mi sarebbe piaciuto vedere dei controlli fatti meglio e una sensibilità migliore sul mouse; nonostante io abbia provato a settare il tutto ingame al minimo, trovavo il puntatore ancora eccessivamente veloce (alla fine l'ho dovuta cambiare direttamente da Windows solo per giocarci, mi stava dando TROPPO fastidio).

Personalmente, inizialmente avrei voluto disinstallarlo visto il fastidio che mi stavano arrecando i controlli in generale; ma dopo due diversi round sono riuscito a prendere in mano la situazione e poterlo godere come meritava.

In finale, una storia e un prodotto che merita molto di più rispetto a molti altri titoli disponibili oggigiorno, che non va giocato con troppa tranquillità, poichè rischierete sicuramente di scordarvi la mappatura dei tasti. CONSIGLIATO

Voto 7,5/10
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 1 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
12.0 ore in totale
Pubblicata: 3 settembre
"We get to knock out any scrap-heads that try to stop us along the way. I sure hope they try."

PROS:
-Trama ben articolata, coinvolgente, ricca di momenti sopra le righe che sapranno strapparvi più di una risata, un susseguirsi di colpi di scena ben riusciti e una riflessione di fondo che rende il titolo più profondo di quanto ci si potrebbe aspettare
-Il gameplay è sicuramente il punto di forza di Binary Domain: alla base, ci troviamo di fronte al più classico dei TPS: ottimo feeling delle armi, hitbox precisa, animazioni fluide che permettono di diversificare le proprie azioni e una buona risposta dell'intelligenza artificiale dei compagni di squadra. Se a questo aggiungiamo le parecchie fasi di gioco (dalle corse in auto alle rampicate sull'arto di un robot gigante) girate come se fossero scene di un film, le boss fight riuscitissime e complesse, posso dire senza ombra di dubbio che l'esperienza generale è estremamente divertente e appagante
-Visivamente è molto gradevole: modelli dei personaggi ben definiti, espressioni facciali credibili, design dei nemici (sopratutto i boss) straordinario e vario, carente solo il livello di dettagli
-Comparto sonoro ricco di tracce molto azzeccate ed esaltanti, nonché un discreto campionario di suoni

CONS:
-La feature di impartire gli ordini tramite microfono si rivela poco pratica e funzionale
-In un gioco come Binary Domain la modalità multiplayer è pressoché inutile

Non fatevi scoraggiare se non ne avete sentito parlare: Binary Domain è uno di quei titoli che inspiegabilmente passano in sordina nonostante sia un ottimo gioco sotto ogni punto di vista. Uno dei migliori TPS che potreste trovare in circolazione. Assolutamente consigliato.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 1 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
9.3 ore in totale
Pubblicata: 12 settembre
Prodotto ricevuto gratis
Rivelazione incredibilmente piacevole, forse fra i titoli più sottovalutati del genere. La storia è intensa e tutt'altro che banale, il doppiaggio eccellente ed il gameplay sempre frenetico, specie durante le battaglie con i boss.
Viene penalizzato da alcuni elementi inutili, come la personalizzazione superficiale dei partner e la possibilità di comunicare con loro vocalmente. Bisogna fare attenzione anche ai tasti, settati in maniera imprecisa nel menù principale.

Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Recensioni più utili  Complessivamente
20 persone su 24 (83%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Consigliato
32.5 ore in totale
Pubblicata: 8 ottobre 2015
Cosa accadrebbe se in un prossimo futuro ci fossero robot indistinguibili dagli umani? E se non ne fossero consapevoli? E se un'azienda senza scrupoli avesse volontariamente violato i trattati internazionali? E se il male si formerebbe dentro di te?
Domande a cui Binary Domain risponde con l'invio di una squadra altamente specializzata in Giappone per cercare le prove di questo misfatto, composta dal protagonista Dan e altri membri che via via si aggregano. Ma non sarà affatto un'impresa facile.

La trama di BD ha spunti molto interessanti e svolti bene, ma a parte all'inizio e alla fine non ha poi questo ruolo centrale nel contesto del gioco. "Raggiungiamo l'Amada Corporation" diventa quindi un po' un obiettivo vago per buona parte del gioco, che preferisce concentrarsi sulle peripezie della nostra squadra. Come si dice, l'importante è il viaggio e non la destinazione, ecc.. Insomma, è una scusa per fare casino. Sebbene fatto da giapponesi, BD ha infatti una classica impostazione da americanata, ma non in senso negativo: ci sono americanate squallide e altre fatte con intelligenza e che divertono un sacco, come in questo caso.
I personaggi sono variegati e un po' stereotipati (il duro, il più duro, l'imperturbabile, la tipa figa, la maschiaccia, ecc.) e lo script è pieno di "cazzo!" "merd.a!" "figlio di puttana!" e altre tipiche esclamazioni e frasi da film d'azione, il tutto mentre si affrontano nemici grossi, nemici più grossi e nemici enormi non risparmiandosi in schianti ed esplosioni stile Michael Bay, salvataggi per il rotto della cuffia e improbabili acrobazie degne di Bruce Willis, e distruzione varia e eventuale di qualsiasi cosa. Eppure, i personaggi sono credibili, ben delineati, e tutto l'insieme funziona alla grande, rendendo il gioco simile a un lungo ed esaltante giro sulle montagne russe.

La cosa che più beneficia di questo è senz'altro il ritmo: i momenti di calma sono pochissimi, e quelli in cui non succede niente ancora meno, riducendo al minimo il rischio di annoiarsi. Dan e i suoi amici alternano scontri a fuoco, inseguimenti, piccoli boss, sezioni di guida, grandi boss e così via fino alla fine, quasi sempre in un crescendo di pura, semplice e divertente azione con un'ottima varietà di situazioni diverse.
Ma a parte questo, uno degli aspetti più originali e meglio riusciti di BD è senz'altro la.. fragilità dei nemici. Essendo praticamente tutti robot, dalle forme e misure più diverse, sparandogli è possibile farli letteralmente a pezzi, smontandogli la testa, gli arti e altro, utile sia per rallentarli che per scoprirne i punti deboli (come nel caso dei boss supercorazzati).

Non ci sono particolari difetti seri che rovinano il titolo, giusto alcune cose riuscite a metà, come ad esempio la gestione della squadra. Non avendo un microfono non so esattamente se impartire loro degli ordini funzioni bene (su console non molto, non riconosceva molte parole e altre andavano a caso), in ogni caso è possibile farlo tramite frasi preimpostate, ma anche così non è che cambi poi molto, a parte in rare situazioni. Sparavano autonomamente prima, e lo fanno anche dopo. L'importante è che sparino.
Durante il gioco si può anche rispondere alle domande dei compagni per guadagnarne la fiducia, ma su 4 frasi di solito 2 sono insulti, una è "OK" e l'altra "No", perciò non è mai molto complesso capire qual è quella giusta per la situazione. Fiducia che in teoria serve per farsi obbedire di più, e che cala se si risponde male o se gli si spara - tutt'altro che difficile, visto che la cosa che adorano fare più di tutte è fiondarsi in mezzo alle nostre raffiche.
Anche la personalizzazione non è granché sviluppata, si possono spendere dei soldi per potenziare alcuni parametri dell'arma principale di ognuno, impostare delle nanomacchine per aumentare vita, difesa, ecc., e poco altro. Funziona senza problemi, ma almeno nel caso delle armi si sarebbe potuto osare di più e permettere una maggiore libertà.
Nota a margine anche per un paio di boss un po' troppo coriacei e che potrebbero risultare fastidiosi, specialmente se decidono di concentrarsi su di te per tutto il tempo impedendoti di curarti o di fare qualsiasi altra cosa.

Sul lato tecnico, ottimo lavoro specialmente nella realizzazione dei nemici robotici, molto ricchi di particolari, mentre è discreto anche il doppiaggio italiano, eseguito da gente non troppo conosciuta ma che ha fatto bene il proprio lavoro, e eccellenti le tracce techno/rock che accompagnano le fasi più concitate.
Soddisfacente anche la longevità, sulla decina di ore con una buona rigiocabilità, tra collezionabili, scene diverse in base alla fiducia con i compagni e diversi livelli di difficoltà. È anche presente un corposo multiplayer, a cui però non gioca più nessuno.

Insomma una bellissima sorpresa di qualche anno fa che è passato un po' in sordina, ma che è entrato di certo tra i miei TPS preferiti di sempre, senza pretendere di essere altro che questo: un puro e semplice concentrato di azione finalizzato a ciò che a volte tra trame ingarbugliate e gameplay lento passa in secondo piano. Il divertimento.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
14 persone su 14 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
17.1 ore in totale
Pubblicata: 17 giugno 2013
Ottimo titolo, inspiegabilmente poco pubblicizzato

Storia: il contesto pre-gioco è corposo. Il surriscaldamento globale ha fatto sciogliere le calotte polari che hanno invaso gli oceani, incrementandone altezza e causando catastrofi naturali, dimezzando la popolazione. Per ricostruire in fretta i governi hanno investito sulla robotica creando manovalanza cibernetica. La partita più importante è stata vinta dall’americana Bergen che ha monopolizzato il mercato mondiale, crescendo al punto d’influenzare la scena politica mondiale. La rivale Amada Corporation afferma di aver subito dello spionaggio industriale, ma non riesce a dimostrare la sua tesi per cui decide di portare avanti il progetto di unità sintetiche senzienti; chiaramente in contrasto con l’articolo 21 del trattato di Ginevra del 2040. Il risultato si palesa solo in seguito, quando i primi figli del nulla -così viene chiamata la nuova specie ibrida esternamente identica agli umani, ma internamente costituita d’ingranaggi- vengono svelati al Mondo.
Veniamo a noi. Tokyo anno 2080, una task force internazionale denominata Rust Crew, nasce con l’unico scopo di prelevare vivo Yuji Amada, l’artefice di tutto ciò, per identificare e terminare la nuova “razza”. Impersoniamo dunque il comandante del commando: Dan Marshall, ex forze speciali americane ora associato IRTA (International Robotics Association). Il resto del team, dai connotati stereotipati, è costituito da: Roy “Bo” Boateng, Charlie e Rachel (2 ex agenti della britannica MI-6), una sexy tiratrice scelta cinese, soldato robotico francese. Tutti sono specialisti in un’arma, ciò è fondamentale poiché a ogni inizio missione dovremo scegliere chi portarci dietro per formare un party da 3 membri.

Gameplay: cover system alla Gears of War ,non sempre implementata perfettamente (ma nulla che infici la produzione sia chiaro); feeling con le armi altalenante, poca differenziazione nel peso tra le diverse bocche da fuoco (varierà palesata invece nel danno e nel rateo di fuoco).
A personalizzare le skill dei protagonisti ci pensano i nanorobot, con upgrade sparsi nei numerosi shop delle mappe da cui reperire anche kit medici e munizioni. Potremo decidere di spendere la moneta virtuale anche sui compagni d’avventura; una scelta non di poco conto visti i differenti approcci disponibili da personaggio a personaggio, ma incanalati in rami d’abilità rigidamente tracciati per ognuno di essi (vale anche per noi: non possiamo scegliere tra un vasto arsenale ma dobbiamo sopperire alle mancanze con le diverse specialità della squadra).
Eccellente il lavoro svolto sui robot: in particolare sulle zone interessate dalla raffica dei colpi, danneggiando: la testa, si debilita il sistema di riconoscimento nemico con l’effetto subito di colpire qualsiasi player nelle vicinanze (alleati e non); entrambe le braccia, lo si rende inoffensivo impedendogli di far leva sulle armi, colpendone solo una però esso sfrutterà intelligentemente l’altro arto; le gambe, i mech si trascinano pesantemente sul terreno facendo forza sulle braccia come visto col T-800 in Terminator. Questa profondità tattica negli scontri mi ricorda le basi che sottendono lo S.P.A.V. di Fallout 3, ma ovviamente qui non ci sono pause tattiche e il tutto è dinamico essendo uno shooter.
Sono presenti anche fasi a bordo di veicoli da cui far piovere tonnellate di proiettili, nulla d’innovativo ma in grado di mutare scenario.

I.A: nemica finalmente agguerrita. Nei giochi moderni si assiste sempre più spesso ad algoritmi d’attacco e accerchiamento vecchi e mal implementati con gli scenari di gioco. Qui affrontiamo robot aggressivi e pronti a tutto, dotati di attacchi secondai e primari. Ci confrontiamo con pattern d’attacco freschi, in grado di pesare gli elementi di contorno per imbastire tattiche d’accerchiamento. Le Boss Fight ci mettono dinanzi ad avversari titanici dalle precise routine da apprendere, con i compagni a suggerisci talvolta come affrontare queste avvincenti sfide.
Viste le premesse e le scelte di game design restrittive nell’arsenale, mi sarei aspettato un maggior sforzo per innovare il coordinamento attivo in battaglia con gli altri compagni di gruppo, limitato invece a poche fasi pre-impostate (comunque spesso efficaci).
Ma ho apprezzato quella leggerezza e stravaganza del tutto orientale nei dialoghi sopra le righe -che non piacerà a tutti, visto che il loro humour è differente dal nostro- con cui interfacciarsi col gruppo: rispondendo a tono, con gentilezza o con sarcasmo a seconda della personalità dell’elemento del commilitone, otterremo un certo grado di fiducia che si rivelerà importante nell’impegno generato in battaglia e in particolari azioni messe in essere. L’affiatamento nelle relazioni da conseguire, porterà anche a differenti scelte narrative nel proseguo dell’avventura.
Alla lunga le frasi in-game si mostreranno però ripetitive.

Comparto grafico: merita un plauso il lavoro encomiabile svolto sul design dei robot, di chiara ispirazione cinematografica (I, Robot), capace di dare spessore all’intera opera grazie a modelli splendidi e funzionali; caratterizzanti specifici punti deboli e forti delle temibili macchine. La paletta cromatica non è ricca di profondità: privilegia i colori sobri dei mecha, ma poteva essere usata meglio per arricchire maggiormente gli ambienti.

Comparto tecnico: animazioni umane e sintetiche sono altalenanti, ma in generale sono soddisfacenti; i volti umani rendono bene le emozioni dei protagonisti. Le texture ambientali sono in bassa definizione rispetto ai modelli di robot e umani. Il sistema d’illuminazione si limita al compitino. Gli effetti particellari non brillano particolarmente e c’è della compenetrazione poligonale.

Comparto audio: il doppiaggio italiano non è sempre all’altezza della situazione. L’effetistica ambientale è sufficiente, sottotono quella delle armi che non brilla per differenziazione. Bella l’idea di rispondere ai compagni col proprio microfono, sembra una cosa di poco conto ma cambia l’esperienza nelle battaglie poiché non rompe il ritmo dovuto alla scelta dell’opzione di dialogo più adatta.

Commento finale: la trama è ottima, si respira l’atmosfera alla Blade Runner. Il Team Yakuza partorisce un plot privo di buchi narrativi, non lesinando empatia verso la produzione sfruttando intelligentemente alcuni cliché di sicuro impatto emozionale. Il gameplay è stimolante e divertente, ma non punitivo. I tps di qualità sono merce rara, e questo lo possiamo annoverare tra questi senza remore. Il design dei robottoni è encomiabile. Se gli sviluppatori ci avessero messo maggiore cura nei dettagli, e magari avessero osato di più nella coordinazione del team, avrebbero potuto sfornare un titolo eccezionale. Se siete amanti di setting sci-fi non lasciatevi sfuggire questo titolo.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
7 persone su 7 (100%) hanno trovato questa recensione utile
2 persone hanno trovato questa recensione divertente
Consigliato
9.2 ore in totale
Pubblicata: 26 ottobre 2014
✮✮✮✰✰

Gioco che mi ero perso tempo ma che ho recuperato cogliendo un'offerta, senza avere troppe pretese e che dire: parte come un gioco di serie B, in maniera sciapa e banalotta, ma man mano la trama si evolve, i personaggi si caratterizzano e l'intero gioco assume toni etici (mi piacciono i giochi dove non si spara e basta). Il gameplay è il classico da tps ma per una volta invece di sparare agli umani si spara ai robot, che si distruggono in ogni loro parte (si fa per dire) in maniera sublime. Una bella sorpresa insomma, acquisto consigliato ad un prezzo non troppo elevato.

PRO
- Bel design dei robot nemici
- Bello il sistema dei danni
- Trama piacevole che si fa seguire
- Odio il dover star a parlare coi personaggi di ogni sciocchezza in stile gioco di ruolo

CONTRO
- Personaggi poco carismatici
- Comandi vocali inutili
- Location anonime
- Mancanza di una campagna coopertiva
- È un buon titolo ma non eccelle in niente
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
6 persone su 6 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
9.8 ore in totale
Pubblicata: 7 gennaio
Binary Domain bussa alla porta dei giochi AAA; me lo son mangiato con 9 ore di gioco in 2 giorni e lo consiglio vivamente a tutti perchè:

+ grafica (anche se lineare) molto bella in stile leggermente giapponese
+ divertimento assicurato al 100% sia per i dialoghi che sono tradotti benissimo (ad eccezzione di un personaggio che non è il massimo) che per le miliardi di "teste di latta" che ammazzeremo in molti modi diversi
+ lo possiamo classificare come un frenetico TPS con quel tocco GDR che ci permette di incrementare le abilità della nostra squadra tramite i punti abilità che si fanno nel modo di uccidere i robot (tipo Bulletstorm)
+ storia innovativa e stupenda con colpi di scena avvincenti

- ci potevano essere una varietà maggiore di armi e di nemici (punto a sfavore ridicolo di fronte alla bellezza di questo gioco)

8.5/10
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
6 persone su 6 (100%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Consigliato
9.6 ore in totale
Pubblicata: 15 settembre 2014
Per me è la sorpresa del 2012.

Dal punto di vista della narrazione è ottimo, ben oltre gli standard del genere. La storia, nonostante un po' di stereotipi, mi ha coinvolto dall'inizio alla fine, cosa che in genere mi capita solo negli rpg.

Il gameplay è classico, ma ci sono alcune aggiunte interessanti, prima fra tutte la distruzione strategica dei robot. Un plauso anche alle boss fight, una più spettacolare dell'altra. Peccato che il sistema di relazioni col team non sia ben implementato, ci sono troppe risposte senza senso e insulti immotivati. In un eventuale seguito dovrebbero approfondire e migliorare questa meccanica, perché l'idea di base è buona.

Graficamente l'UE3 si presenta decisamente bene e la conversione è stata fatta con cura, il frame rate si attesta su livelli elevati in quasi tutte le situazioni. Ottimo anche il comparto artistico, in particolare il design dei robot, sempre eccellente (e i boss ne sono indubbiamente l'apice).

Le musiche sono di discreto livello e, pur senza brillare, accompagnano bene l'azione, l'unica realmente degna di nota per me è quella dei titoli di coda. Il doppiaggio è in linea di massima accettabile, ma ci sono alcune voci davvero pessime, come quella del consigliere del presidente, che sembra provenire da un cartone animato.

La longevità è allineata agli standard del genere, io ci ho messo circa nove ore e mezza a livello di difficoltà medio.

Per quanto mi riguarda, vale più dei 10 euro che ci ho speso.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
10 persone su 14 (71%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
10.7 ore in totale
Pubblicata: 30 dicembre 2013
Gioco interessante, divertente e con un buon mix di storia con forte influsso jappo, ci sono i robot, l'azione, le solite cutscene (mai troppo pallose) ed un gameplay molto arcade ma con la gestione del team che si può expare con i vari crediti che si trovano durante il gioco, oltre a questo c'è anche il dialogo con 4 risposte per ogni personaggio che contribuiscono ad alzare o abbassare il gradimento di ogni singolo del team e di conseguenza anche la sua devozione o meno ai nostri comandi durante i vari livelli, non male, a volte, se expati come si deve, sono devastanti, ti puliscono il livello senza sparare un colpo :D
Come grafica gli dò 7, sonoro 7, storia 8, gameplay 7, il prezzo direi tra 5 e 10 euro, più tendente al 10 euro, come ore di gioco siamo a 9/10h, online non si trovano più partite (almeno io non ne ho trovate) e la rigiocabilità credo sia scarsa. Ah, cosa importante, almeno per me, le cutscene sono skippabili! :D
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
4 persone su 4 (100%) hanno trovato questa recensione utile
2 persone hanno trovato questa recensione divertente
Consigliato
10.5 ore in totale
Pubblicata: 15 agosto
Giocato con enorme ritardo (uscito ormai più di 4 anni fa) mi accingo a trarne un sunto a fine della campagna singleplayer

COMPRALO PERCHE:
-Graficamente, seppur non presenta picchi di eccellenza ancora oggi è godibilissimo alla vista con un stile artistico di stampo nipponico tutto fuorchè banale. Engine di gioco ottimizzato in maniera più che discreta e difficilmente con una discreta configurazione gaming avrete problemi a porvi la bandierina quantomeno al FHD maxando il possibile e oltre. Buon Comparto anche quello delle animazioni che mi ha assolutamente sorpreso per la sua estrema fluidità.
-Comparto Sonoro di Altissimo Livello. OST davvero accattivanti e sempre in linea con ciò che viene mostrato. Peccato solo per il doppiaggio Italico sicuramente poco ispirato e realizzato con doppiatori non di prima fascia o svogliati...diciamo tranquillamente che, sopratutto i personaggi secondari son doppiati davvero alla rinfusa. Buona comunque la riproduzione dei suoni ambientali regalando anche un discreto effetto in cuffia/casse nel percepire le azioni dei nemici e la loro provenienza. Un comparto sicuramente da promuovere (anche solo per le ost)
-Ludicamente parlando il titolo si presenta davvero con un bell'impatto. Seppur sia il classico TPS si percepisce fin da subito quanto sia frenetico e ben congeniato le varie fasi di ingaggio a fuoco. Hitbox ottimamente realizzate e con la possibilità di amputare fisicamente i nemici (cosa che ho assolutamente apprezzato). In generale le fasi di shooting sono estremamente divertenti da giocare. Una discreta IA nemica fa da contorno ad un gioco tutto sommato facilotto (parlando per la modalità standard, anche se pur la modalità sopravvisuto non mi è sembrata tutta questa difficoltà...sopratutto se si è abituati a tentar sempre e comunque l'headshot) anche se alcuni scontri con i vari boss proposti dovranno esser discretamente sudati e ben calcolati (ma soprattutto sono vari e non si limitano solo a scaricare tutto il caricatore in unico punto). Tutto sommato un comparto da promuovere sicuramente per il feeling che riesce a regalare nel corso dell'azione.
-Per quanto concerne la Storia del Titolo è davvero un susseguirsi di emozioni, di momenti trash, di colpi di scena (talvolta inaspettati) ma sicuramente ben scritta e realizzata poi a video (una buona cura anche per le varie cutscene proposte che approfondiscono ulteriormente il narrato). La promozione gli andrebbe data solamente perchè è davvero uno dei pochi TPS che prova a narrara qualcosa di solido tra una sparatoria e l'altra.
-Anche a Longevità siamp davvero messi ad un livello sufficiente dal ritenerlo un comparto penalizzate visto che, in fondo, dieci o più ore per completare la campagna single player non son per niente male visto lo standard del genere....senza contare il Multiplayer ovviamente anche se.....

LASCIALO A STEAM:
-...I Server ormai son totalmente deserti quindi scordatevlo (parlo del Multiplayer....dovrebbe essere molto accessorio ma io avrei comunque voluto provarlo con altra gente)
-La trovata dei comandi vocali può essere carina....ma per come è implementata era meglio non inserirla nemmeno (disattivati al terzo comando errato di fila preso)
-IA amica un pò inadeguata e molto fastidiosa ed un sistema sia tattico che di GDR (per quanto concerne i potenziamente di armi e di pg) davvero soli abbozzati e molto superficiali


Questa settimana è anche scontato e se volete farvi un regalo estivo questo può essere sicuramente un titolo economico e sicuramente appetibile. Lo consiglio a tutti, principalmente a chi ama le Storie (ormai stona quasi trovare FPS/TPS con anche una buona trama...ma questo titolo la ha) a chi si è sempre chiesto come può essere un TPS di concezione orientale o solamente a chi vuol passare qualche attimo della sua vita in compagnia di un TPS frenetico, divertente e scanzonato

VOTO: 80/100
Sopresa...davvero

P.S: Se avete problemi con i controller Wirelesse della 360/One dovete necessariamente collegarli una volta che siete fisicamente in Game
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Pubblicate di recente
Eddy
9.9 hrs
Pubblicata: 21 settembre
Personamente mi è piaciuto e non poco il gioco
Non avrà una grafica fantastica ma a me personalmente piace.
La storia pure e non annoia mai
I personaggi cazzuti e fighi
Veramente godibile
Purtroppo il doppiaggio in ita ha delle sbavature ma sono passabili
8.5/10
animadagamerbyale89
9.9 hrs
Pubblicata: 8 settembre
Binary è un capolavoro mancato!

Purtroppo non me la sento di parla bene del gioco... Nonostane abbia qualche punto a favore!

Sostanzialmente dividerò la rece in punti positivi e negati, così da farvi un'idea più immediata.

Punti a favore:

- i Robot e la loro interazione:

Davvero ben fatta e studiata, del resto si vede che sono il punto forte del gioco e anche l'unica regione dell'esistenza dello stesso... I Robot sono una gioia per gli occhi e per il gameplay, dato che possiamo interagirci immediatemente fancendoli a pezzi -si letteralmente- dato che in base a dove gli colpiamo con le vari armi possono smontarli bullone dopo bullone divertendoci a colpirli sempre in punti diversi! In base a dove gli colpiami subiranno delle menomazioni, più o meno gravi, che li porteranno a stordirli, perdere le gambe o le braccia, ecc. Fare a pezzi i robot non è mai stato così divertente.

Punti Negativi:

- La storia:

Parte bene, poi diventa man mano sempre più inutile e priva di spessore, mi spiace dirlo ma è la brutta copia di Terminator ed Ex machina messi insieme (vedi Wikipedia per maggiori chiarimenti).Non riesce mai a decollare del tutto e non posso non citare il finale aperto completamente inutile, dato che non vedremo mai un seguito! Occassione mancata quindi, peccato. I "colpi di scena" sono pochi, ma ci sono almeno anche se non sono del tutto giustificati nella trama....

-La Grafica e il sonoro

Pessimi punto. La prima è invecchiata male, il secondo è anonimo.

-La gestione dei compagni di squadra:

Semplicemente non esiste!! Che senso ha mettere dei dialoghi positivi o negativi da dire al proprio squadrone se poi nella storia non importa!!!!???!!!! Davvero che senso ha? Inoltre sono pure stupidi e privi di spessore!!!!Bah la Sega è stata proprio una sega...

Voto Finale: 6/10 Non do 5 solo per i Robot... e anche per qualche spunto carino nella storia. Punto. Siete stati avvisati.
MC23
11.1 hrs
Pubblicata: 28 agosto
Binary Domain è un godibile gioco COOP in terza persona. Si sente molto l'influenza Mecha, il sistema di copertura potevano farlo meglio ma tutto sommato è giocabile. La trama è così/così con buoni colpi di scena e pessimi clichè, mi sono piaciute le psicologie dei personaggi che cambiano fazione in momenti
delicati del gioco, il finale è decente. Consiglio l'acquisto quando in saldo.
Whiplash1993
9.1 hrs
Pubblicata: 28 agosto
Prodotto ricevuto gratis
Un grande titolo, ricevuto in regalo grazie al pacchetto di Sega riscattato diversi mesi fa. Questo sparatutto in terza persona sembra particolarmente ispirato a diversi titoli. Primo tra tutti, mi viene in mente Mass Effect, tra la gestione del gruppo e il gameplay, è bellissimo poter giocare a un titolo simile. I filmati, sembrano un pò in stile Final Fantasy XIII, molto cinematografici e doppiati molto bene (consiglio di inserire sempre i sottotitoli, perchè sono presenti alcuni dialoghi in giapponese non sottotitolati), con la rara presenza di qualche quick-time event. Purtroppo, da come posso vedere, la modalità online sembra completamente inattiva. Ma se vi piace un misto di questi generi elencati, sarà un bell'acquisto per voi!
mindblind
13.8 hrs
Pubblicata: 23 agosto
Prodotto ricevuto gratis
Ve lo consiglio, uno sparatutto in terza persona con una storia piena di colpi di scena, a tema cyberpunk
simonebarberi
2.4 hrs
Pubblicata: 16 agosto
Un buon gioco, ma i crash così frequenti lo rendono ingiocabile. Statene alla larga.