Moebius: Empire Rising is a contemporary adventure that merges classic point-and-click puzzle solving with Jane Jensen’s sophisticated storytelling. Travel the world using Malachi’s unique deductive powers to analyze suspects, make historical connections, and uncover the truth behind a theory of space and time the government will defend...
Valutazione degli utenti:
Complessivamente:
Perlopiù positiva (127 recensioni) - 127 recensioni degli utenti (75%) per questo gioco sono positive.
Data di rilascio: 15 apr 2014

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

Acquista Moebius: Empire Rising

Contenuti scaricabili per questo gioco

 

Aggiornamenti recenti Mostra tutto (7)

16 maggio

Moebius Linux is now available!

The wait is over, and Moebius is finally available for Linux! To celebrate, the game is 50% this week!

We've also made some big updates with many fixes for the PC and Mac build, including those broken achievements!

Changelog for Linux release, v1.52

optimization of scene loads
French and Polish languages officially added
fixed broken achievements Charming Young Man and Comic Relief (*Steam version only)
added a final score display at end of game
adjusted maze to not allow water to rise and drown characters before wheel puzzle
adjusted drowning death in maze to always retry after wheel puzzle
plus other various bug fixes and adjustments

2 commenti Altre informazioni

Informazioni sul gioco

This thrilling new adventure game from master storyteller Jane Jensen (Gabriel Knight, Gray Matter) and Phoenix Online Studios (Cognition, The Silver Lining) introduces Malachi Rector, an expert in antiquities whose photographic memory and eye for detail transform people and clues into interactive puzzles.

When a secretive government agency enlists him to determine whether a murdered woman in Venice resembles any particular historical figure, Malachi is left with only questions. Why would the U.S. government hire him -- a dealer of high-end antiques -- to look into a foreign murder? Why does David Walker, a former Special Forces operative he meets in his travels, feel like someone Malachi’s known all his life? And how come every time Malachi lets his guard down, someone tries to kill him?

Moebius: Empire Rising is a contemporary adventure that merges classic point-and-click puzzle solving with Jane Jensen’s sophisticated storytelling. Travel the world using Malachi’s unique deductive powers to analyze suspects, make historical connections, and uncover the truth behind a theory of space and time the government will defend at any cost.

Requisiti di sistema

Windows
Mac OS X
SteamOS + Linux
    Minimi:
    • Sistema operativo: XP/Vista/7
    • Processore: 2.0 GHz
    • Memoria: 2 GB di RAM
    • Scheda video: ATI or NVidia with 512 MB RAM**
    • Memoria: 4 GB di spazio disponibile
    • Note aggiuntive: ** - Not recommended for play on Intel systems with integrated/shared video memory
    Consigliati:
    • Sistema operativo: XP/Vista/7
    • Processore: 2.0 GHz
    • Memoria: 4 GB di RAM
    • Scheda video: ATI or NVidia with 1 GB RAM**
    • Memoria: 4 GB di spazio disponibile
    • Note aggiuntive: ** - Not recommended for play on Intel systems with integrated/shared video memory
    Minimi:
    • Sistema operativo: Snow Leopard (10.6.X)
    • Processore: 2.0 GHz*
    • Memoria: 2 GB di RAM
    • Scheda video: ATI or NVidia with 512 MB RAM**
    • Memoria: 4 GB di spazio disponibile
    • Note aggiuntive: * - For Mac systems, an Intel-based processor is required., ** - Not recommended for play on Intel systems with integrated/shared video memory
    Consigliati:
    • Sistema operativo: Snow Leopard (10.6.X)
    • Processore: 2.0 GHz*
    • Memoria: 4 GB di RAM
    • Scheda video: ATI or NVidia with 1 GB RAM**
    • Memoria: 4 GB di spazio disponibile
    • Note aggiuntive: * - For Mac systems, an Intel-based processor is required., ** - Not recommended for play on Intel systems with integrated/shared video memory
    Minimi:
    • Sistema operativo: Linux 32 or 64 bit
    • Processore: 2.0 GHz
    • Memoria: 2 GB di RAM
    • Scheda video: ATI or NVidia with 512 MB RAM**
    • Memoria: 4 GB di spazio disponibile
    • Note aggiuntive: ** - Not recommended for play on Intel systems with integrated/shared video memory
    Consigliati:
    • Sistema operativo: Linux 32 or 64 bit
    • Processore: 2.0 GHz
    • Memoria: 4 GB di RAM
    • Scheda video: ATI or NVidia with 512 MB RAM**
    • Memoria: 4 GB di spazio disponibile
    • Note aggiuntive: ** - Not recommended for play on Intel systems with integrated/shared video memory
Recensioni dei giocatori
Sistema delle recensioni degli utenti aggiornato! Ulteriori informazioni
Complessivamente:
Perlopiù positiva (127 recensioni)
Pubblicate di recente
DRM_69
17.8 hrs
Pubblicata: 4 luglio
Dal punto di vista tecnico, il titolo è tutt'altro che esaltante: doppiaggio e musiche sono dignitosi (da Holmes, però, era lecito attendersi molto di più) ma la grafica sembra vecchia di almeno un decennio e permangono (pochi ma) fastidiosi bug (script che vanno in loop, ad esempio).
Il tocco della Jensen è evidente nella trama, originale e piuttosto avvincente (per buona parte del gioco, almeno) e nella qualità degli enigmi, forse esageratamente abbordabili ma tutti di una logicità cristallina (siamo lontanissimi -per fortuna, imho- dagli enigmi da pensiero laterale dei Monkey Island e dei loro cloni).
Se la Jensen voleva fare di Malachi Rector il nuovo Gabriel Knight penso che la freccetta sia caduta molto lontana dal bersaglio; non avere alle spalle una software house come la Sierra degli anni 90, del resto, è un particolare di non poco conto, anche nella valutazione di questo Moebius, che, tutto sommato, al di là degli evidenti limiti tecnici, qualcosa di buono da offrire al videogiocatore lo ha.

Voto: 6
REDGB | ClaudioB
8.3 hrs
Pubblicata: 21 febbraio
Chi, come me, è appassionato di avventure grafiche non può non aver giocato o quantomeno sentito parlare di Gabriel Knight. E chi vi ha giocato sa benissimo che quelle meravigliose storie erano da attribuire alla fantastica penna di Jane Jensen. E sebbene non possa non rimpiangere l'assenza di un quarto capitolo di Gabriel Knight, quest'avventura grafica resta dal punto di vista narrativo una delle più affascinanti cui abbia mai giocato. L'originalità della storia e il carisma del suo protagonista (non ai livelli di Gabriel comunque) portano a divorare in poco tempo questo gioco.

Purtroppo, è innegabile, la realizzazione tecnica non è delle migliori e gli enigmi sono eccessivamente semplici per chi si è trovato di fronte avventure grafiche ben più complesse. Moebius non è una pietra miliare del genere come lo possono essere per l'appunto Gabriel Knight o Broken Sword o Monkey Island o Grim Fandango o... (ce ne sono tante altre ovviamente), tuttavia è un'avventura imprescindibile per gli amanti del genere e per chi ha potuto essere partecipe delle precedenti storie della Jensen.
matango76
7.7 hrs
Pubblicata: 11 gennaio
Questo gioco mi era stato sconsigliato ma ho dovuto ricredermi; non è un capolavoro, gli enigmi sono molto semplici e le animazioni sono bruttine.Inoltre la sceneggiatura ha parecchie lacune, ma allo stesso tempo la storia è molto originale, alcune trovate nel gameplay sono molto carine, gli sfondi sono molto ben realizzati, ha un' ottima colonna sonora e, una volta terminato, mi ha lasciato soddisfatto. Voto 7 e mezzo
Mccoy
18.3 hrs
Pubblicata: 21 luglio 2015
Con Moebius la creatrice di Gabriel Knight, Jane Jensen, non smentisce le sue capacità inventice e narrative, imbastando un ottima sinossi ricca di originalità unitamente a personaggi ben scritti e dialoghi credibili. La soria ruota intorno a questo "Sherlock" dell'antiquariato dalle vaste capacità mnemoniche e deduttive, incaricato da una genzia governativa segreta di scoprire dei legami tra alcune famose figure storiche e persone dei nostri giorni. Sarà nel corso di queste indagini che Malachi, il nostro principale alter ego (ma non esclusivo) si imbatterà nella misteriosa teoria di Moebius, dietro cui si cela forse anche il suo personale legame tra il corso della storia e il suo destino.
Anche sulle scelte di gameplay si adotta un approccio nuovo, quello dell'analisi di oggetti e persone per giungere a delle deduzioni. Sia pur con i suoi limiti, come la ripetivitità e la relativa semplicità di risoluzione (anche andando a tentativi nei casi più disperati) è comunque un tipo di enigma che si incastra pefettamente nelle dinamiche narrative e nella natura del nostro protagonista, appunto, un cervellone che esamina tutto ciò che gli circonda. Non mancano poi gli enigmi classici basati su inventario e dialoghi e la tipica raccolta di data-points Jensiana. Alcuni hanno lamentato il movimento un po' innaturale dei personaggi, ma personalmente lo trovo un difetto tecnico di pochissimo conto a cui finisci per non fare più caso nel giro di pochi minuti di gioco. inoltre con una grafica così fummettistica non ritengo necessario un realismo al 100 %.
Concludendo, sicuramente è un titolo da non perdere !
nubasky
9.3 hrs
Pubblicata: 12 agosto 2014
Moebius è un’avventura grafica in stile punta e clicca che racconta le gesta di Malachi Rector, un esperto antiquario dal passato tormentato e con un QI talmente alto da far sembrare Albert Einstein un povero deficiente. Il nostro protagonista si troverà a dover utilizzare le sue eccellenti abilità di osservatore per conto di un’agenzia governativa segreta, la FITA (c’è la T, sì) per investigare su una serie di eventi che, come Malachi scoprirà alla fine, fanno parte di un disegno molto più grande di lui. Complotti e colpi di scena per un thriller appassionante e perfetto dal punto di vista narrativo, che solo una penna esperta come quella di Jane Jensen avrebbe potuto partorire, anche perché la signora in questione, per quanto riguarda la trama, pare non si sia ispirata a niente se non alla sua fervida fantasia, e questo non fa altro che aumentare il valore di un’opera del genere.

Recensione completa su: http://theshelternetwork.com/moebius-empire-rising/
KAOS
48.5 hrs
Pubblicata: 9 maggio 2014
Storia originale. Misteri. Intrighi internazionali. Jane Jensen.
Davvero state a guardare i glitch? :)

(ps. se usate raptr e simili, vanno chiusi per evitare crash)
tdallan
15.5 hrs
Pubblicata: 21 aprile 2014
Premetto che ho backerato Moebius su Kickstarter, consapevole che Jane Jansen ci avrebbe regalato un'altra delle sue perle, e così è stato. Negli ultimi giorni ne ho lette in giro di ogni, da "capolavoro" a "diludendo" passando per "il Gabriel Knight dei poveri". Forse Moebius è un po' tutto questo, ma io l'ho inteso più che altro come un esperimento di una talentuosa sceneggiatrice per testare un business model su cui puntare nel futuro. E il modello ha funzionato perché ha consentito di dar vita ad una storia alla portata di tutti ma allo stesso tempo coraggiosa, sincera, originale, di grande coinvolgimento e forte impatto emotivo. E questo vale da solo il prezzo speso. La qualità della soryline fa pasare in secondo piano un comparto grafico che dal punto di vista tecnico è davvero (ahimé) ai limiti della decenza, un finale forse un po' affrettato e un gameplay eccessivamente lineare. In Moebius, fin dai titoli di testa, sembra di trovarsi davanti alla puntata miglior scritta di un ottimo telefilm (evidenti le analogie con lo Sherlock della BBC) e nonostante l'interazione sia ridotta all'osso e il gioco si basi soprattutto sull'ascolto di dialoghi (e sulle relative deduzioni che sono una componente però molto originale e ben riusicta), al videogiocatore importerà ad un certo punto soltanto di sapere come evolvono gli eventi, notando una progressiva evoluzione dello spessore psicologico dei personaggi, lasciando in secondo piano tutto il resto. Nota di merito per la colonna sonora che, pur "fatta in casa" dai parenti della Jensen, è veramente di grande impatto. Qualche bug e qualche svista c'è (sviste peraltro presenti anche in prodotti hollywoodiani molto più blasonati), ma non si tratta di nullla su cui l'adventurer-medio amante del vintage non possa soprassedere, considerato il coinvoglimento totale che Moebius offre e che raramente si riesce trovare negli adventure contemporanei.
Recensioni più utili  Complessivamente
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
18.3 ore in totale
Pubblicata: 21 luglio 2015
Con Moebius la creatrice di Gabriel Knight, Jane Jensen, non smentisce le sue capacità inventice e narrative, imbastando un ottima sinossi ricca di originalità unitamente a personaggi ben scritti e dialoghi credibili. La soria ruota intorno a questo "Sherlock" dell'antiquariato dalle vaste capacità mnemoniche e deduttive, incaricato da una genzia governativa segreta di scoprire dei legami tra alcune famose figure storiche e persone dei nostri giorni. Sarà nel corso di queste indagini che Malachi, il nostro principale alter ego (ma non esclusivo) si imbatterà nella misteriosa teoria di Moebius, dietro cui si cela forse anche il suo personale legame tra il corso della storia e il suo destino.
Anche sulle scelte di gameplay si adotta un approccio nuovo, quello dell'analisi di oggetti e persone per giungere a delle deduzioni. Sia pur con i suoi limiti, come la ripetivitità e la relativa semplicità di risoluzione (anche andando a tentativi nei casi più disperati) è comunque un tipo di enigma che si incastra pefettamente nelle dinamiche narrative e nella natura del nostro protagonista, appunto, un cervellone che esamina tutto ciò che gli circonda. Non mancano poi gli enigmi classici basati su inventario e dialoghi e la tipica raccolta di data-points Jensiana. Alcuni hanno lamentato il movimento un po' innaturale dei personaggi, ma personalmente lo trovo un difetto tecnico di pochissimo conto a cui finisci per non fare più caso nel giro di pochi minuti di gioco. inoltre con una grafica così fummettistica non ritengo necessario un realismo al 100 %.
Concludendo, sicuramente è un titolo da non perdere !
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 1 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
48.5 ore in totale
Pubblicata: 9 maggio 2014
Storia originale. Misteri. Intrighi internazionali. Jane Jensen.
Davvero state a guardare i glitch? :)

(ps. se usate raptr e simili, vanno chiusi per evitare crash)
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
15.5 ore in totale
Pubblicata: 21 aprile 2014
Premetto che ho backerato Moebius su Kickstarter, consapevole che Jane Jansen ci avrebbe regalato un'altra delle sue perle, e così è stato. Negli ultimi giorni ne ho lette in giro di ogni, da "capolavoro" a "diludendo" passando per "il Gabriel Knight dei poveri". Forse Moebius è un po' tutto questo, ma io l'ho inteso più che altro come un esperimento di una talentuosa sceneggiatrice per testare un business model su cui puntare nel futuro. E il modello ha funzionato perché ha consentito di dar vita ad una storia alla portata di tutti ma allo stesso tempo coraggiosa, sincera, originale, di grande coinvolgimento e forte impatto emotivo. E questo vale da solo il prezzo speso. La qualità della soryline fa pasare in secondo piano un comparto grafico che dal punto di vista tecnico è davvero (ahimé) ai limiti della decenza, un finale forse un po' affrettato e un gameplay eccessivamente lineare. In Moebius, fin dai titoli di testa, sembra di trovarsi davanti alla puntata miglior scritta di un ottimo telefilm (evidenti le analogie con lo Sherlock della BBC) e nonostante l'interazione sia ridotta all'osso e il gioco si basi soprattutto sull'ascolto di dialoghi (e sulle relative deduzioni che sono una componente però molto originale e ben riusicta), al videogiocatore importerà ad un certo punto soltanto di sapere come evolvono gli eventi, notando una progressiva evoluzione dello spessore psicologico dei personaggi, lasciando in secondo piano tutto il resto. Nota di merito per la colonna sonora che, pur "fatta in casa" dai parenti della Jensen, è veramente di grande impatto. Qualche bug e qualche svista c'è (sviste peraltro presenti anche in prodotti hollywoodiani molto più blasonati), ma non si tratta di nullla su cui l'adventurer-medio amante del vintage non possa soprassedere, considerato il coinvoglimento totale che Moebius offre e che raramente si riesce trovare negli adventure contemporanei.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
9.3 ore in totale
Pubblicata: 12 agosto 2014
Moebius è un’avventura grafica in stile punta e clicca che racconta le gesta di Malachi Rector, un esperto antiquario dal passato tormentato e con un QI talmente alto da far sembrare Albert Einstein un povero deficiente. Il nostro protagonista si troverà a dover utilizzare le sue eccellenti abilità di osservatore per conto di un’agenzia governativa segreta, la FITA (c’è la T, sì) per investigare su una serie di eventi che, come Malachi scoprirà alla fine, fanno parte di un disegno molto più grande di lui. Complotti e colpi di scena per un thriller appassionante e perfetto dal punto di vista narrativo, che solo una penna esperta come quella di Jane Jensen avrebbe potuto partorire, anche perché la signora in questione, per quanto riguarda la trama, pare non si sia ispirata a niente se non alla sua fervida fantasia, e questo non fa altro che aumentare il valore di un’opera del genere.

Recensione completa su: http://theshelternetwork.com/moebius-empire-rising/
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
7.7 ore in totale
Pubblicata: 11 gennaio
Questo gioco mi era stato sconsigliato ma ho dovuto ricredermi; non è un capolavoro, gli enigmi sono molto semplici e le animazioni sono bruttine.Inoltre la sceneggiatura ha parecchie lacune, ma allo stesso tempo la storia è molto originale, alcune trovate nel gameplay sono molto carine, gli sfondi sono molto ben realizzati, ha un' ottima colonna sonora e, una volta terminato, mi ha lasciato soddisfatto. Voto 7 e mezzo
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
8.3 ore in totale
Pubblicata: 21 febbraio
Chi, come me, è appassionato di avventure grafiche non può non aver giocato o quantomeno sentito parlare di Gabriel Knight. E chi vi ha giocato sa benissimo che quelle meravigliose storie erano da attribuire alla fantastica penna di Jane Jensen. E sebbene non possa non rimpiangere l'assenza di un quarto capitolo di Gabriel Knight, quest'avventura grafica resta dal punto di vista narrativo una delle più affascinanti cui abbia mai giocato. L'originalità della storia e il carisma del suo protagonista (non ai livelli di Gabriel comunque) portano a divorare in poco tempo questo gioco.

Purtroppo, è innegabile, la realizzazione tecnica non è delle migliori e gli enigmi sono eccessivamente semplici per chi si è trovato di fronte avventure grafiche ben più complesse. Moebius non è una pietra miliare del genere come lo possono essere per l'appunto Gabriel Knight o Broken Sword o Monkey Island o Grim Fandango o... (ce ne sono tante altre ovviamente), tuttavia è un'avventura imprescindibile per gli amanti del genere e per chi ha potuto essere partecipe delle precedenti storie della Jensen.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
17.8 ore in totale
Pubblicata: 4 luglio
Dal punto di vista tecnico, il titolo è tutt'altro che esaltante: doppiaggio e musiche sono dignitosi (da Holmes, però, era lecito attendersi molto di più) ma la grafica sembra vecchia di almeno un decennio e permangono (pochi ma) fastidiosi bug (script che vanno in loop, ad esempio).
Il tocco della Jensen è evidente nella trama, originale e piuttosto avvincente (per buona parte del gioco, almeno) e nella qualità degli enigmi, forse esageratamente abbordabili ma tutti di una logicità cristallina (siamo lontanissimi -per fortuna, imho- dagli enigmi da pensiero laterale dei Monkey Island e dei loro cloni).
Se la Jensen voleva fare di Malachi Rector il nuovo Gabriel Knight penso che la freccetta sia caduta molto lontana dal bersaglio; non avere alle spalle una software house come la Sierra degli anni 90, del resto, è un particolare di non poco conto, anche nella valutazione di questo Moebius, che, tutto sommato, al di là degli evidenti limiti tecnici, qualcosa di buono da offrire al videogiocatore lo ha.

Voto: 6
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente