Congratulazioni. La lotteria del lavoro di ottobre è terminata. È stato estratto il tuo nome. Fai rapporto al Ministero dell'Accoglienza presso il presidio di frontiera Grestin per il collocamento immediato. Alla tua famiglia verrà assegnato un appartamento di classe 8 a Grestin Est. Gloria ad Arstotzka.
Valutazione degli utenti: Estremamente positiva (12,144 recensioni)
Data di rilascio: 8 ago 2013

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

Acquista Papers, Please

 

Consigliato dai curatori

"I don't like this game, but I respect it. It made manning a passport station gripping and challenging, though it's certainly a grim tale."
Guarda la recensione completa qui.

Aggiornamenti recenti Mostrali tutti (1)

19 marzo

Papers, Please - Gamers Edition





Welcome to your new position at Grestin Border Checkpoint. This is your inspector's kit. Study the rulebook, inspect the sample documents and use the stamps liberally. Wear the pin to signify your new status and hang the poster proudly.

In the box:
  • Papers, Please Steam key
  • Labor Lottery keyring
  • Arstotzkan passport & paperwork set
  • Set of Arstotzkan stamps
  • Glory to Arstotzka poster
  • Department of Labor suitcase
  • Approved stamp, Denied stamp & Ink pad
  • Inspector’s pin badge
  • Arstotzkan Immigration Rule Book

This is a one-off compilation that will never be offered again, so grab one while you can.

Only fabbed if funded! Please take a look and spread the word. Thank you!

83 commenti Ulteriori informazioni

Recensioni

“Buy, study, and share this game as an example of video games as true art.”
BUY – Ars Technica

“..it is absorbing, brilliantly written and causes you to question your every instinct and reaction - both in the game and in real life.”
9/10 – Eurogamer

“Papers Please is a fantastic idea, beautifully executed.”
8.7/10 – IGN

Riguardo questo gioco

Congratulazioni.
La lotteria del lavoro di ottobre è terminata. È stato estratto il tuo nome.
Fai rapporto al Ministero dell'Accoglienza presso il presidio di frontiera Grestin per il collocamento immediato.
Alla tua famiglia verrà assegnato un appartamento di classe 8 a Grestin Est.
Gloria ad Arstotzka.



Lo stato comunista di Arstotzka è appena uscito da sei anni di guerra con la vicina Kolechia e ha ripreso il controllo legittimo sulla sua metà della città frontaliera di Grestin.

Il tuo compito come ispettore sarà di controllare il flusso degli immigrati dalla Kolechia verso la metà Arstotzkana di Grestin. Ma nella folla di visitatori e immigrati in cerca di lavoro si annidano anche contrabbandieri, spie e terroristi.

Usando solo i documenti forniti dai viaggiatori e i primitivi sistemi di ispezione, perquisizione e rilevazione delle impronte forniti dal Ministero dell'Accoglienza, sarai tu a decidere chi potrà entrare ad Arstotzka e chi verrà respinto oppure arrestato.

Requisiti di sistema

Windows
Mac OS X
SteamOS + Linux
    Minimum:
    • OS: Windows XP or later
    • Processor: 1.5 GHz Core2Duo
    • Memory: 2 GB RAM
    • Graphics: OpenGL 1.4 or better
    • Hard Drive: 100 MB available space
    • Additional Notes: Minimum 1280x720 screen resolution
    Minimum:
    • OS: OSX Mountain Lion (10.8)
    • Processor: 1.5 GHz Core2Duo
    • Memory: 2 GB RAM
    • Graphics: OpenGL 1.4 or better
    • Hard Drive: 100 MB available space
    • Additional Notes: Minimum 1280x720 screen resolution
    Minimum:
    • Processor: 1.5 GHz Core2Duo
    • Memory: 2 GB RAM
    • Hard Drive: 100 MB available space
    • Additional Notes: Minimum 1280x720 screen resolution
Recensioni utili dai clienti
402 persone su 415 (97%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
30.1 ore in totale
Pubblicata: 24 marzo
East Grestin, 1982

Here comes that weird guy again. The one in the red sweater and with the crooked smile always plastered on his face. It's the third time already, this month.
I look at him through the glass as he waves at me in an oddly familiar way that makes me feel a little bit awkward.
«Old friend, hello! I am back again! This time everything set!». His voice is loud and cheerful, and I just can't help but wonder what the heck is wrong with him. There's nothing to be so happy about in this rotten place, you old geezer.
«Papers, please» I simply say, ignoring his greetings.
He grins while handing me his brand new passport. I chuckle. Definitely better than the last one, at least this one is not pre-approved.
«So this time you're from Obristan, I see, Mr... Jorji Costava? Is this even your real name?».
His grin grows even wider and he starts laughing again.
«You a funny guy. I didn't like Cobrastan that much anymore. Obristan sure is a better country». He speaks with a tick foreign accent that makes me wonder where he is really from.
«Cobrastan isn't even a real country, in the first place» I point out matter-of-factly. «Where's your entry ticket?».
His smile fades a little.
«Arstotzka so great, we don't need an entry ticket!».
«This is the same thing you said last time about passports. I'm sorry, an entry ticket is required». I hand his passport back.
«Wow, you run very strict border here». He puts his paper back in the pocket of his trousers, shrugging. «That is good. Do job right. I look for entry thing and come back».
Before leaving the booth, he stares intensely at me.
«You a good guy, but I have business in Arstotzka. I see you soon». He waves me goodbye and then disappears in the crowd, with that big careless smile on his face.

*

I keep staring at the ceiling of my bedroom. Afterall, it seems I can't really sleep at all tonight.
I can hear my wife coughing weakly beside me. The doctor said it's just a cold, but she's getting worse day after day. I'm slightly worried.
Our son is sleeping in the next room, the only one lit by the sun in the morning. He is turning 7 next week. I'd really want to buy him a special present for his birthday.
We are currently living in a small apartment provided by the Ministry of Admission, here in East Grestin. The rooms are small and the heather doesn't work half the time. On top of that, our neighbours are awfully nosy. Living here is not that great, but there's really nothing I can do about it.

*

A week has passed since Jorji Costava last showed up. Maybe he is having a hard time finding a fake entry permit. Maybe he just gave up. Quite unlikely.
The siren's ringing, another day of work is starting.
A tall figure silently enters the booth. He's wearing a green hood and his face is hidden behind a grey mask. I'm about to call the security, but he gently slides a paper note under the window and stares at me.
«There's no much time, be quick please». His voice sounds young- he's probably younger than me- and unusually relaxed.
My hands are shaking and I don't even know why.
There's an odd symbol drawn on top of the card, a star-shaped one. I slowly open the note and start reading. I can feel the masked guy's staring gaze on me.


ARSTOTZKA IS GREAT COUNTRY POISONED BY CORRUPT LEADERS

WAR HAS MADE GOV'T GREEDY AND PARANOID - YOU HAVE SEEN FOR YOURSELF

HELP US FREE ARSTOTZKA FROM ITS SHACKLES

+ THE ORDER OF THE EZIC STAR


I'm in a cold sweat.
I look up at the masked guy, I'm at a loss for words.
«Our agents are ready», he helds out his hand, eyeing the card. «Starting tomorrow. Let them pass».



In Papers, Please you play as an immigration inspector working for the Ministry of Admission of Arstotzka in East Grestin. Your job is to check on people trying to enter Arstotzka and decide who can pass through the border and who has to be denied or even arrested.
Most of the time, your decisions will lead to a different ending (not always a good one!).
Choose wisely, the destiny of Arstotzka, your family and many other people is in your hands.


Pros:
-Well written dystopian setting
-20 different endings
-Lovely retro graphics
-Jorji Costava
-Great plot and sub-plots
-Shooting terrorists from your inspection booth since 1982
-Did I already mention Jorji Costava?


Cons:
-Maybe old school graphics are not everyone's cup of tea (I personally love it though)
-Stamping visas and check out papers will probably sound boring to someone
-There's no "Escape to Obristan with your newfound best friend Jorji" ending

Papers, Please is hands-down one of my favorite games. Be sure to give it a try, you definitely won't regret it.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
3 persone su 3 (100%) hanno trovato questa recensione utile
2.0 ore in totale
Pubblicata: 15 giugno
Un gioco semplice nell’idea ma complesso nell’esecuzione.
Noi saremo il classico stereotipo di un cittadino di un Paese socialista/comunista, molto simile all’esperienza dell’ex Unione Sovietica, e fortuna vuole che abbiamo “vinto” la lotteria del lavoro, ottenendo un posto al confine per decidere chi ammettere all’interno del paese e chi no, in base ai requisiti in loro possesso.

Partendo da questa idea il gameplay è estremamente ripetitivo come lo è concretamente tale impiego nella realtà, infatti ogni giorno andremo sul luogo di lavoro, avendo a che fare con varie persone che intendono entrare all’interno del Pese, delle con i documenti in regole e delle altre con documenti falsi.

Il nostro compito sarà quello di controllare ogni soggetto e di giorno in giorno cambieranno i requisiti per essere ammessi, ad esempio si inizierà con un semplice documento di identità validamente in corso, e si arriverà a richiedere un 4 o 5 documenti diversi da dover controllare in ogni loro parte e possibile perquisizione corporale.

Alla fine della giornata otterremo uno stipendio che ci permetterà di far sopravvivere la nostra famiglia e decidere le spese, visto che molto spesso si dovrà scegliere tra le medicine per il figlio malato o il riscaldamento o ancora il cibo.

Per la grafica non c’è molto da aggiungere perché è in pixel art fatta in maniera discreta tutto sommato.

In definitiva è un gioco che consiglio a prezzo budget e solo a chi riesca a immedesimarsi emotivamente nel protagonista, visto che molto spesso dovremmo scegliere tra il rispetto degli ordini che ci vengono dati per non avere una riduzione del nostro stipendio (vista la famiglia numerosa da mantenere), o tra l’avere una sanzione economica ma far ricongiungere una madre col proprio figlio che però non ha i documenti in regola per attraversare il confine.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
21.3 ore in totale
Pubblicata: 5 giugno
Gioco con gameplay davvero unico ed intrigante. Vale fino all'ultimo centesimo speso!
10/10
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
1 persone su 1 (100%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
18.4 ore in totale
Pubblicata: 27 giugno
Può un gioco basato interamente su un lavoro noioso, ripetitivo e ingrato (l'ispettore di frontiera che controlla i documenti dei migranti) essere non solo divertente, ma anche uno dei più unici, immersivi, geniali e immancabili degli ultimi anni? Ebbene sì.

Ambientato nella fittizia Arstotzka, un Paese di stampo sovietico-orwelliano, il giocatore prende i panni di un comune cittadino che viene scelto per essere ispettore di frontira al confine di Greistlin Est. Il suo compito è molto semplice: verificare i documenti di una lunghissima fila di entranti, verificare che ci siano tutti, che siano in regola, che non siano scaduti, che non ci siano falsificazioni o incongruenze, e apporre il timbro finale per negare o approvare l'accesso al Paese. A un livello superficiale c'è il semplice aspetto di sfida e di divertimento: man mano vengono aggiunti più e più livelli di burocrazia, le regole di accesso cambiano con gli eventi della storia, si potranno affrontare attentati, eseguire perquisizioni, arrestare persone sospette, verificare la presenza di ricercati... e anche quando il poveraccio davanti a voi vi presenterà quattro documenti diversi (passaporto, permesso d'ingresso, permesso di lavoro, carta di vaccinazione) basterà che ci sia una cifra sbagliata sotto "numero di passaporto", una sola volta, e via, si dovrà rifiutare l'entrante, o mandarlo a fare due chiacchiere con i signori gentili coi fucili in quell'edificio in cui vedi la gente entrare ma non la vedi uscire tanto spesso (cit. Yahtzee). A un livello profondo, però, c'è un continuo mettere il giocatore di fronte a scelte morali difficilissime: dal tuo piccolo, insignificante posto di ispettore di frontiera, incroci e hai il potere di influenzare decine, centinaia di vite, di storie. Ogni entrante rifiutato per un errore nelle carte è un disperato che non troverà asilo politico, è un lavoratore che perderà il posto, è una mamma che non rivedrà il figlio, una moglie che non potrà riunirsi al marito... ma ogni errore di ammissione potrebbe essere un terrorista che ucciderà delle guardie innocenti, o uno spacciatore, o un criminale ricercato in fuga dalla giustizia, o un trafficante di ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥.

Ma c'è un però: si viene pagati in base a quanti entranti si smistano correttamente. E con un affitto da pagare, un gelido inverno da affrontare, e le quattro bocche della tua famiglia da sfamare, i 5$ che si perdono per un singolo errore possono fare la differenza fra riuscire e non riuscire a comprare la medicina per vostro figlio malato. E, inutile dirlo, la vostra famiglia può morire, se lasciata senza cibo e senza riscaldamento troppo a lungo. Vi sono alcuni eventi scriptati nel corso dei giorni che costituiscono le pietre miliari di questo aspetto: momenti in cui si dovrà scegliere se rompere le regole per uno scopo più nobile (riunire una coppia, aiutare un gruppo rivoluzionario, fermare un assassino, aiutare un lavoratore...) a spese della propria famiglia, o rispettarle pedissequamente per la propria sopravvivenza; o al contrario, momenti in cui si dovrà scegliere se rompere le regole per il proprio beneficio (tangenti, favoritismi ordinati dal capo, fuga all'estero...), o rispettarle da buon cittadino anche se significa perderci. E man mano che i bisogni della famiglia crescono, man mano che il lavoro si fa più difficile eppure più frenetico e stancante, diventa sempre più difficile essere una brava persona, diventa sempre più difficile empatizzare con le sofferenze delle decine di facce che si vedono ogni giorno, perché sì, questo sul passaporto è chiaramente un errore di stampa, ma quel bonus sullo stipendio in base a quante persone faccio arrestare mi fa una gola terribile visto che domani è il compleanno di mio figlio.

Un gioco geniale, immersivo e addicting, da giocare assolutamente, che vi sottoporrà a scelte continue e difficili, e non solo se come me vorrete sbloccare ognuno dei 20 finali (di cui molti sono praticamente dei "game over" molto specifici, e solo quattro-cinque si ottengono effettivamente alla fine della storia, però...).
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 3 (67%) hanno trovato questa recensione utile
8.2 ore in totale
Pubblicata: 18 aprile
Un gioco indipendente, ambientazione eccezionale. Sarai nella postazione di confine di un paese comunista e dovrai controllare i documenti d'ingresso delle persone che devono attraversare il confine. Le casualità del gioco ti faranno fare un sorriso anche sui tanti lati bui dei diversi regimi comunisti esistiti nella realtà. Consiglio vivamente!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente