Questo contenuto ha bisogno del gioco di base Total War™: ROME II - Emperor Edition su Steam per funzionare.

Valutazione degli utenti: Perlopiù positiva (48 recensioni)
Data di rilascio: 17 dic 2013

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

Contenuti scaricabili

Questo contenuto ha bisogno del gioco di base Total War™: ROME II - Emperor Edition su Steam per funzionare.

Acquista Total War: ROME II - Caesar in Gaul

 

Riguardo questo contenuto

Total War™ ROME II: Cesare in Gallia

Pacchetto campagna

Descrizione:

Cesare in Gallia è un pacchetto campagna stand-alone per Total War: ROME II che narra della guerra di espansione di Giulio Cesare contro le tribù galliche. I giocatori possono scegliere tra quattro fazioni giocabili: i galli Arverni, i germanici Suebi, i belgi Nervi e Roma, in una campagna ispirata all'opera di Cesare intitolata Commentarii de bello Gallico (Commentari sulla guerra gallica).

Dal momento che l'ambientazione è più ristretta in termini temporali (58 - 51 a.C.) e geografici rispetto a Rome II, la mappa della campagna di Cesare in Gallia è una versione estesa e più dettagliata della Gallia e della costa meridionale della Britannia.

Rispetto alla mappa della Gallia di ROME II, Cesare in Gallia contiene più regioni e province, più fazioni (giocabili e non) e una serie di generali e statisti famosi realmente esistiti che il giocatore utilizzerà o affronterà a seconda della fazione scelta.

Questa campagna valse molto a Cesare in termini di gloria e profitti, e lo rese celebre tra gli abitanti di Roma... un po' meno tra i senatori, che lo videro accentrare il potere su di sé in una serie di eventi che culminarono con la sua ascesa a Dittatore.

Cesare in Gallia ha molte differenze rispetto a ROME II:

Nuova mappa della campagna:

La mappa della campagna di Cesare in Gallia è una rappresentazione migliorata e più dettagliata della Gallia. I giocatori potranno conquistare 18 province piene di risorse, nuovi insediamenti e nuove capitali.

Maggiore importanza dei personaggi:

Molte fazioni hanno grandi generali e statisti (per esempio Roma ha Gaio Giulio Cesare in persona, Marco Antonio e altri ancora). Ciascuna delle quattro fazioni giocabili ha anche un capofazione che è l'avatar del giocatore durante la campagna.

24 turni per anno:

Dal momento che l'ambientazione temporale di Cesare in Gallia è considerevolmente ridotta (58 - 51 a.C.) rispetto a quella più vasta della campagna di ROME II, ogni turno vale due settimane invece di un anno. Questo vuol dire che le stagioni si ripetono. Tuttavia gli effetti di queste ultime all'interno del gioco non sono sempre prevedibili e possono variare tra una provincia e l'altra. Per esempio la fine dell'autunno può essere un buon periodo per un raccolto, ma un'estate lunga e secca può danneggiare la produzione di cibo.

Campagna multigiocatore compatta e concentrata:

Per quei generali che cercano una campagna multigiocatore più rapida, Cesare in Gallia offre una serie di opzioni interessanti. Data l'ambientazione geografica e le 48 fazioni avversarie, le campagne in co-op o competitive sono più compatte, più concentrate e più rapide rispetto a una campagna completa.

Nuove sfide di metà gioco:

I giocatori che raggiungono la metà del gioco dovranno affrontare nuove sfide, che sostituiscono le guerre civili di ROME II. Impersonando una tribù gallica, dovrete affrontare il pugno di ferro di Roma che invierà un numero maggiore di truppe mentre, scegliendo di guidare Roma, le tribù galliche si ribelleranno coalizzandosi contro di voi.

Nuova battaglia storica:

Cesare in Gallia aggiunge la battaglia di Alesia come battaglia storica giocabile. Alesia fu il punto di svolta della guerra gallica di Cesare e a seguito di essa venne catturato Vercingetorige, che fu poi portato a Roma e giustiziato in occasione del trionfo di Cesare.

Ad Alesia il giocatore, che impersona Cesare, dovrà mantenere l'assedio della fortezza gallica di Vercingetorige. La battaglia comincia con le forze romane schierate con le macchine d'assedio fuori dalla fortezza collinare. Il giocatore deve guidare i romani, che subiranno l'attacco di un possente esercito di soccorso e delle forza presenti all'interno della fortezza.

Nuove fazioni giocabili nella campagna completa di Total War: ROME II:

Oltre alle fazioni giocabili nella nuova campagna, Cesare in Gallia aggiunge anche le seguenti tre nuove fazioni al gioco principale:

• Nervi (barbari, belgi)
La più potente e fiera delle tribù belghe, i Nervi hanno sangue celtico e germanico. Le loro unità rispecchiano questa mescolanza di culture e offrono la possibilità di creare eserciti nuovi e unici.

• Boi (barbari, galli)
Una delle tribù galliche più grandi, i Boi dominavano Gallia cisalpina, Pannonia, Boemia e Gallia transalpina. I loro numeri li rendono una forza temibile, ma dal punto di vista geografico sono distaccati dalle altre tribù galliche e questo li rende esposti agli attacchi delle feroci tribù germaniche e dei Daci.

• Galati (barbari, Anatolia)
I Galli dell'est, i Galati migrarono verso l'Asia Minore a seguito dell'invasione celtica dei Balcani. Arrivarono dalla Tracia intorno al 270 a.C. guidati dai generali Lutario e Leonnorio. Come Celti insediati in territorio ellenico con diverse fazioni ostili, i Galati offrono uno stile di gioco interessante e impegnativo.

Nuove unità:

Oltre alle unità classiche, le fazioni giocabili di Cesare in Gallia (e le fazioni giocabili nella campagna principale di ROME II aggiunte da Cesare in Gallia) ricevono queste nuove unità:

Boi (ROME II)

• Seguaci con la spada (fanteria con spada)
Quando un signore comanda, la spada saetta.
• Lancieri veterani (fanteria con lancia)
La battaglia rafforza il fisico e il cuore, e rende insensibili alle urla dei codardi.

Galati (ROME II)

• Legionari galati (fanteria con spada)
I Celti hanno insegnato ai Romani più di quanto questi siano disposti ad ammettere, ma vale anche il contrario.
• Saccheggiatori galati (cavalleria con spada e giavellotto)
I nemici sconfitti sanno che è meglio fuggire piuttosto che affrontare chi non li risparmierebbe.

Tribù galliche (ROME II e Cesare in Gallia)

• Spadaccini scelti (fanteria con spada)
Questi uomini combattono con abilità e coraggio.
• Lancieri scelti (fanteria con lancia)
La cotta di maglia non inibisce il coraggio di un guerriero né la sua sete di battaglia.
• Cacciatori galli (fanteria furtiva con arco)
Un guerriero deve saper cacciare, nascondersi e colpire all'improvviso.

Nervi (ROME II e Cesare in Gallia)

• Spadaccini feroci (fanteria con spada)
Dopo averla impugnata la prima volta, un celta si separerà dalla sua spada lunga solo da morto.
• Spadaccini da guerrilla (fanteria furtiva con spada)
• Questi spadaccini colpiscono dove e quando meno il nemico se lo aspetta.
• Destriero potente (cavalleria con lancia)
Un possente destriero e una carica selvaggia rendono questi guerrieri dei temibili avversari.
• Lancieri nudi (fanteria con lancia)
Chi ha bisogno di vestiti quando hai il coraggio?
• Cacciatori galli (fanteria furtiva con arco)
Un guerriero deve saper cacciare, nascondersi e colpire all'improvviso.

Ausiliari

• Cacciatori galli ausiliari (fanteria furtiva con arco)
Le abilità di un cacciatore dovrebbero essere al servizio di Roma
• Cavalleria nobile ausiliaria (cavalleria con lancia)
Una forza d'attacco corazzata a cavallo è sempre utile in un esercito romano.
• Fanatici nudi ausiliari (fanteria con spada)
I selvaggi dei della guerra dovrebbero essere usati a vantaggio di Roma.
• Fanteria con spada corta ausiliaria (fanteria con spada)
A volte il valore di un uomo si misura più sulla base del suo coraggio in battaglia che della sua abilità.

Mercenari

• Cacciatori gallici mercenari (fanteria furtiva con arco)
Spesso dare la caccia ad altri uomini offre la ricompensa maggiore.
• Cavalieri nobili mercenari (cavalleria con lancia)
Anche un nobile ha un prezzo, e combatterà per l'oro.
• Fanatici nudi mercenari (fanteria con spada)
Gli dei della guerra benedicono i mercenari, se combattono con valore.
• Fanteria con spada corta mercenaria (fanteria con spada)
Spesso vale la pena di mettere in vendita il proprio coraggio e la sete di gloria.

Requisiti di sistema

Windows
Mac OS X
    Minimum
    • OS: XP/ Vista / Windows 7 / Windows 8
    • Processor:2 GHz Intel Dual Core processor / 2.6 GHz Intel Single Core processor
    • Memory:2GB RAM
    • Graphics:512 MB DirectX 9.0c compatible card (shader model 3, vertex texture fetch support).
    • DirectX®:9.0c
    • Hard Drive:35 GB HD space
    • Additional:Screen Resolution - 1024x768
    Recommended:
    • OS:Windows 7 / Windows 8
    • Processor:2nd Generation Intel Core i5 processor (or greater)
    • Memory:4GB RAM
    • Graphics:1024 MB DirectX 11 compatible graphics card.
    • DirectX®:11
    • Hard Drive:35 GB HD space
    • Additional:Screen Resolution - 1920x1080
    Operating System: OS X 10.7.5
    • Processor: 1.7 GHz Intel Core i5
    • RAM: 4 GB RAM
    • Hard Drive: 25 GB
    • Video Card: 512 MB AMD Radeon HD 4850, NVidia GeForce 640 or Intel HD 4000
    • Screen Resolution: 1024x768.

    Unsupported graphics chipsets for Mac: NVidia GeForce 9 series, GeForce 300 series, GeForce Quadro series, AMD Radeon HD 4000 series, Radeon HD 2000 series
    • Operating System: OS X 10.7.5 (or later)
    • Processor: 2nd Generation
    Intel Core i5 (or greater)
    • RAM: 8 GB RAM
    • Hard Drive: 25 GB
    • Video Card: 1 GB NVidia 750 (or better)
    • Screen Resolution: 1920x1080.

    Unsupported graphics chipsets for Mac: NVidia GeForce 9 series, GeForce 300 series, GeForce Quadro series, AMD Radeon HD 4000 series, Radeon HD 2000 series
Recensioni utili dai clienti
48 persone su 53 (91%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Pubblicata: 24 ottobre 2014
A great scenario for Total War Rome 2, played on a new Gaul based map, with some limited neighbouring areas, such as southern Britain. You can of course play as the Romans, or as a number of the Gallic factions of the time.
The game is shorter than the standard game, and seasonal weather conditions help give the game an authentic feel.
My one gripe is that despite the campaign supposedly ending in 51BC, if you don't in fact win by that time (by achieving your factions set goals), the game just rolls on into 50BC without any kind of notification that you failed the scenario. I played a full 186 turns and then stopped once 50BC arrived. The option to play on is definitely welcome, but there should be some kind of splash screen. I would rather come back and try again within the timeframe, than spend the rest of my life trying to complete one scenario.
However, this aside, this has definitely been the best Total War experience I've had to date. Definitely recommended.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
25 persone su 34 (74%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Pubblicata: 27 novembre 2014
Really Amazing DLC, Great time of history, Who you are? or who you want to be? The great Caesar or The great king of Gaul, vercingetorix!! go inside of results, no I prefer you make your own history in this time of amazing battles such siege of Alesia and battle of gergovia, Amazing battles, Amazing history, amazing generals, AMAZING DLC :)
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
29 persone su 48 (60%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Pubblicata: 16 gennaio
Caesar in Gaul fails to make any meaningful attempt at recreating the actual campaign of Caesar. That is the real purpose of a mini-campaign, to be a focused map and a focused campaign based around these historical wars. As just a sandbox, it plays no differently than the base game.

The technology trees are at times lazy and poorly designed. Multiple turns per year advertised as a meaningful feature, as with seasons and attrition. TPY, seasons and attrition all should have been part of the Grand Campaign.

The Caesar tree focuses on Imperium, which is largely an unwanted effect in this campaign specifically because of the unavoidable Gallic Uprising at maximum Imperium. As well, most of the technologies aren’t anything worthwhile, while other parts are quite valuable. (ie. Elite “Legionary Equipment” and “Befriend Gallic Chieftains” are fantastic cost-saving moments, but “Appoint Legates” and “Bribe Gaius Scribonius Curio” are counterproductive at the best of times, serving to pump-up the unwanted Imperium not as a counter-measure to the player but because CA don’t seem to understand their own mechanics.

The Crassus tree is actually well done, with commerce being the focus, the bonuses being large enough to validate the overall cost of that branch of the tech tree. There is nothing special about it, nothing that meaningfully reflects what undistracted support from Crassus would mean. He was more pliable than Pompey and a lesser rival, being in his old age and not having long to last.

The Pompey side of the Roman tech tree is weird, with articles such as “Promote Hispanic Claim” which provides Level I horses and decreases unit cost, but it does not explain where those horses are from (though it can be assumed they’re imported from Hispania, nothing is said in the description of the quality of Iberian horses). Likewise “Banquet for Julia” is a meaningless tech tree that costs a hefty 4000 and offers a measly 4% decrease in unit cost and +4 public order from Latin culture. For “Support for Pompey”, you often only get a weak decrease of unit cost to some unrelated event. “Return Legion”, as the end of Pompey’s tree is nonsense. The loss of Pompey’s legion was a big deal and an intentional move to ruin Caesar, but there is nothing reflecting that via this technology. How about a large boost in one area, while resulting in the loss of allowed Army power (ie. reduction to 15 or 14 Armies allowed from 16 at Maximum Imperium)? There are better ways to use these characters and events, Pompey was his principle ally and rival.

As for the Barbarian factions, their tech trees are reshuffled versions of the Grand Campaign to fit the timing and theme of the campaign, which is acceptable. Though the pay-for-tech system leads to situations of unreasonable cost for little in return.

The Gallic Uprising and Roman Escalation are broken, the former being absurd and rendering the game to a standstill and the Roman AI completely failing to use the latter.

“New units” introduced in this should have been in the base game at release, in the case of Chosen Swordsmen, Chosen Spearmen, and Gallic Hunters (playing Arverni previously was much more dull and stark, without midtier units). The Mercenary and Auxiliary types introduced also seem like things that should have been in at release.

Massilia now being made playable in GC, they should have been “unlocked” in CiG, as they would have provided a unique start and roster. A near-Iberian and Briton faction should also have been playable, as they would similarly open unique starting points and varied rosters. The historical battles introduced are weak, and do not compare at all to the well scripted and impressive battles of Shogun 2.

There are also small details missing, such as the withdrawals of Pompey’s Legions from Caesar (the technology for it is meaningless), Caesar’s use of/access to Cretan Archers, etc. Reduced what could and should have been reasons to have trade nodes into technologies (ie. getting resources through technologies in a broken and forced tech tree, instead of actually trading to acquire them using nodes).
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
8 persone su 9 (89%) hanno trovato questa recensione utile
Pubblicata: 18 dicembre 2014
Sets the stage plotwise for the Augustus campaign.

Okay over all, good strategy, and forces you to really strategize which faction is best to subjugate/remove entirely etc as you conquer your way across the board. Most of my campaigns were also quick, frantic affairs, with lots of back and forth so they were fun when I could get the upper hand, but also run the risk of becoming endless tug of wars.

If you can catch it on sale, i'd pick it up, otherwise don't think you're missing much with the Augustus campaign for free/If you've ever played as Rome in the Grand Campaign.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
10 persone su 13 (77%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Pubblicata: 3 febbraio
Started campaign in VH and two times I was close to restart the campaign because the gauls attack with thousand and thousand men every turn... Now my Caesar is lvl10 and my legion I is lvl8 and I still captured only 1/2 of Gallia...

I recommend this campaign because is more difficult then main campaign and we need to be more careful with strategic decisions!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente