Stuck in a remote, abandoned town, you must lead five survivors with conflicting motivations, fragile relationships and fiery prejudices to safety from the roving undead. A sophisticated engine generates new survivors, towns and content so every adventure is a different experience, and you can use built-in editors to add yourself and...
Valutazione degli utenti:
Complessivamente:
Nella media (336 recensioni) - 336 recensioni degli utenti (69%) per questo gioco sono positive.
Data di rilascio: 6 set 2013

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

non disponibile in Italiano
Questo prodotto non è disponibile nella tua lingua. Prima di eseguire l'acquisto, controlla la lista delle lingue disponibili.

Acquista Zafehouse: Diaries

Acquista The Screwfly Collection PACCHETTO (?)

Include 3 articoli: Zafehouse: Diaries, Deadnaut, Fear Equation

 

Aggiornamenti recenti Mostra tutto (8)

6 giugno

The Screwfly Collection - get all our games for 15% off!


Love Zafehouse Diaries? Why not grab The Screwfly Collection containing our other games, Fear Equation and Deadnaut? Complete the set and save 15%!

We've just released a special discounted Steam bundle containing all three of Screwfly Studios' strategy titles - Fear Equation, Zafehouse Diaries and Deadnaut.

About Fear Equation: A turn-based horror strategy game where you play the engineer of a modified freight train, built to protect its occupants from a deadly fog that brings their nightmares to life.

About Deadnaut: Lead a squad of Deadnauts as they explore, investigate and fight their way through the derelict ships of dead civilisations. Every mission is unique and no two locations are the same.

If you enjoyed one, there's a great chance you'll love our other games and there's no better way to own them all. In addition, you'll save 15% compared to buying them individually.

Interested? Check out The Screwfly Collection here!

0 commenti Altre informazioni

Informazioni sul gioco

Stuck in a remote, abandoned town, you must lead five survivors with conflicting motivations, fragile relationships and fiery prejudices to safety from the roving undead. A sophisticated engine generates new survivors, towns and content so every adventure is a different experience, and you can use built-in editors to add yourself and others to the game.

Features

  • Deal with the volatile relationships of your survivors by strategically assigning them to tasks, siding with them on difficult decisions or seeding rumours about their past
  • The undead aren't the only threat - negotiate, bargain, trade with or fight merciless lynch mobs, zombie hunters and bitten survivors
  • Experience a fresh story each time you play as the procedural engine crafts new survivors, towns and content
  • Built-in editors make it easy to add yourself and your friends to the game. Create your own survival horror story in your hometown
  • Unique diary interface records each action, choice and disaster. Save your heroic story and share it with others

Zafehouse: Diaries is a fresh take on the zombie / survival horror genre. If you're sick of mindless shooters or generic-looking top down affairs that just don't get what the zombie genre is about, this is the game for you.

About Screwfly Studios

We're a two-man developer based in Australia, dedicated to creating deep, innovative strategy games for PC. Zafehouse: Diaries is Screwfly's debut title and the spiritual successor to the highly-regarded Zafehouse.

Requisiti di sistema

    Minimi:
    • Sistema operativo: Windows XP / Vista / 7
    • Processore: Dual-core 1.8GHz or equivalent processor
    • Memoria: 1 GB di RAM
    • Scheda video: DirectX 9.0c compliant video card with 512MB RAM
    • DirectX: Versione 9.0c
    • Memoria: 379 MB di spazio disponibile
    • Scheda audio: DirectX compatible sound card
Recensioni dei giocatori
Sistema delle recensioni degli utenti aggiornato! Ulteriori informazioni
Complessivamente:
Nella media (336 recensioni)
Pubblicate di recente
Тюленя Peavey
( 4.0 ore in totale )
Pubblicata: 27 dicembre 2014
*IL GIOCO è INTERAMENTE IN INGLESE -> SE NON LO PARLATE, NON ACQUISTATE QUESTO TITOLO*

Zafehouse: Diaries è senza dubbio un titolo unico nel suo genere. Ho provato a lungo ed inutilmente a cercare una misura per paragonarlo ad altri titoli...ma semplicemente non è possibile.
Se dovessi descrivere questo gioco in una riga direi che "si tratta di una trasposizione videoludica di un librogame (quelli che si trovavano in qualche angolo delle librerie negli anni '90), con meno trama, meno descrizioni ma con una gestionalità impossibile da ottenere in un libro".
Il gioco è ambientato interamente in 3 schermate e suddiviso in turni. Il "diario", costituito da una semplice pagina in cui vengono annotati tutti gli avvenimenti, le scoperte e le informazioni del turno. La seconda schermata presenta una mappa del quartiere tramite la quale potrete muovere i vostri sopravvissuti come pedine ed assegnare loro vari compiti. La terza ed ultima schermata principale presenta invece la rete di relazioni tra i sopravvissuti (il cui numero massimo è di 5). Ogni soggetto avrà un profilo in cui viene riportata età, sesso, occupazione lavorativa pre-apocalisse, ed altre informazioni più o meno utili. Le relazioni personali all'interno del gruppo sono la componente più difficile da gestire in questo titolo. Con un minimo di accortezza, zombie e rifornimenti non saranno un problema insormontabile ma un clima di odio ed astio all'interno del gruppo metterà a seria prova la determinazione del giocatore che vedrà la compagine disfarsi fino al decesso dei 5.

Alcune dinamiche sono inizialmente un po' difficili da comprendere anche a causa della mancanza di un vero e proprio tutorial approfondito. Ma dopo qualche ora di gioco queste saranno sufficientemente chiare.
La vera sfida è sopravvivere alle lotte intestine del gruppo.
Non si può parlare della grafica trattandosi di un gioco a 3 schermate.
Un gioco "da leggere".
Dinamiche gestionali molto interessanti che danno al giocatore la possibilità di affrontare un problema con differenti approcci.
Ogni gioco viene generato a random (mappa, sopravvissuti, eventi,...) quindi non c'è un senso di ripetitività.
Purtroppo non è per niente ben ottimizzato per quanto riguarda risoluzione e fullscreen.


Si tratta senza alcun dubbio di un titolo di nicchia. Si deve accettare a priori che non si è di fronte ad un gioco convenzionale, che dovrete leggere parecchio...ma che è tuttavia in grado di coinvolgere a pieno il giocatore grazie alla semplicità e all'intrigante concept.
Lo consiglio assolutamente!
Riccardo
( 4.4 ore in totale )
Pubblicata: 30 ottobre 2014
Il concetto alla base del gioco è interessante: un mix tra survival horror, strategico a turni, gestionale e (alla larga) avventura testuale.

Il problema è che il gioco, oltre ad essere molto difficile (il chè per alcuni potrebbe essere un pregio, senza considerare che probabilmente sono io che sono scarso) è anche molto ripetitivo, forse troppo.

All'inizio di ogni partita (e mi riferisco alla modalità di gioco "normale") ci vengono assegnati 5 sopravvissuti e una locazione in modo casuale, ma sostanzialmente quello che dobbiamo fare è studiare le schede di questi personaggi, tentare di farli andare d'accordo gli uni con gli altri o assegnare compiti separati a quelli che proprio non vanno d'accordo fra loro (altrimenti finiranno per farsi del male) e proteggerci dagli zombie mentre si esplorano varie locazioni in cerca di componenti per riparare una macchina e fuggire dal paese, il tutto condito da eventi casuali che ci pongono davanti a delle scelte "morali" (come ad esempio decidere se accogliere o no altri sopravvissuti nel gruppo, uccidere o no gli infetti etc.)

Ripeto, detto così sembra il gioco più bello del mondo ma, una volta giocato per qualche giorno, tra la frustrazione di non riuscire a sopravvivere molto a lungo e il fatto che ogni partita è sostanzialmente uguale alla precedente salvo che per qualche piccolo particolare... devo dire che non lo consiglierei più di tanto.

La ripetitività dei giochi, di per sè, non è un difetto ma qui non siamo di fronte ad un titolo alla "Papers, please" dove lo svolgere sempre le stesse azioni è parte integrante dell'esperienza di gioco: qui ci si aspetta che modificando certe scelte si possa fare qualche progresso, ma sembra che la naturale conclusione per il giocatore sia quella di essere sbranato dagli Zombie, prima o poi, indipendentemente dalle strategie adottate.

Insomma, è un titolo promettente, basato su un gameplay che però andava studiato un po' meglio per renderlo davvero accattivante.
Ylian
( 8.0 ore in totale )
Pubblicata: 16 maggio 2014
Premessa, a me questo gioco piace non tanto come gioco in se ma per il fatto che è riuscito a distinguersi tra la marea di giochi a tema zombie. Questo è l'unico (a parte L4D2) che consiglio.
Lupo
( 1.1 ore in totale )
Pubblicata: 25 aprile 2014
Non vale i soldi che costa, al massimo andrebbero spesi un paio di euro.
Recensioni più utili  Complessivamente
5 persone su 6 (83%) hanno trovato questa recensione utile
Sconsigliato
4.4 ore in totale
Pubblicata: 30 ottobre 2014
Il concetto alla base del gioco è interessante: un mix tra survival horror, strategico a turni, gestionale e (alla larga) avventura testuale.

Il problema è che il gioco, oltre ad essere molto difficile (il chè per alcuni potrebbe essere un pregio, senza considerare che probabilmente sono io che sono scarso) è anche molto ripetitivo, forse troppo.

All'inizio di ogni partita (e mi riferisco alla modalità di gioco "normale") ci vengono assegnati 5 sopravvissuti e una locazione in modo casuale, ma sostanzialmente quello che dobbiamo fare è studiare le schede di questi personaggi, tentare di farli andare d'accordo gli uni con gli altri o assegnare compiti separati a quelli che proprio non vanno d'accordo fra loro (altrimenti finiranno per farsi del male) e proteggerci dagli zombie mentre si esplorano varie locazioni in cerca di componenti per riparare una macchina e fuggire dal paese, il tutto condito da eventi casuali che ci pongono davanti a delle scelte "morali" (come ad esempio decidere se accogliere o no altri sopravvissuti nel gruppo, uccidere o no gli infetti etc.)

Ripeto, detto così sembra il gioco più bello del mondo ma, una volta giocato per qualche giorno, tra la frustrazione di non riuscire a sopravvivere molto a lungo e il fatto che ogni partita è sostanzialmente uguale alla precedente salvo che per qualche piccolo particolare... devo dire che non lo consiglierei più di tanto.

La ripetitività dei giochi, di per sè, non è un difetto ma qui non siamo di fronte ad un titolo alla "Papers, please" dove lo svolgere sempre le stesse azioni è parte integrante dell'esperienza di gioco: qui ci si aspetta che modificando certe scelte si possa fare qualche progresso, ma sembra che la naturale conclusione per il giocatore sia quella di essere sbranato dagli Zombie, prima o poi, indipendentemente dalle strategie adottate.

Insomma, è un titolo promettente, basato su un gameplay che però andava studiato un po' meglio per renderlo davvero accattivante.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Sconsigliato
1.1 ore in totale
Pubblicata: 25 aprile 2014
Non vale i soldi che costa, al massimo andrebbero spesi un paio di euro.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
4.0 ore in totale
Pubblicata: 27 dicembre 2014
*IL GIOCO è INTERAMENTE IN INGLESE -> SE NON LO PARLATE, NON ACQUISTATE QUESTO TITOLO*

Zafehouse: Diaries è senza dubbio un titolo unico nel suo genere. Ho provato a lungo ed inutilmente a cercare una misura per paragonarlo ad altri titoli...ma semplicemente non è possibile.
Se dovessi descrivere questo gioco in una riga direi che "si tratta di una trasposizione videoludica di un librogame (quelli che si trovavano in qualche angolo delle librerie negli anni '90), con meno trama, meno descrizioni ma con una gestionalità impossibile da ottenere in un libro".
Il gioco è ambientato interamente in 3 schermate e suddiviso in turni. Il "diario", costituito da una semplice pagina in cui vengono annotati tutti gli avvenimenti, le scoperte e le informazioni del turno. La seconda schermata presenta una mappa del quartiere tramite la quale potrete muovere i vostri sopravvissuti come pedine ed assegnare loro vari compiti. La terza ed ultima schermata principale presenta invece la rete di relazioni tra i sopravvissuti (il cui numero massimo è di 5). Ogni soggetto avrà un profilo in cui viene riportata età, sesso, occupazione lavorativa pre-apocalisse, ed altre informazioni più o meno utili. Le relazioni personali all'interno del gruppo sono la componente più difficile da gestire in questo titolo. Con un minimo di accortezza, zombie e rifornimenti non saranno un problema insormontabile ma un clima di odio ed astio all'interno del gruppo metterà a seria prova la determinazione del giocatore che vedrà la compagine disfarsi fino al decesso dei 5.

Alcune dinamiche sono inizialmente un po' difficili da comprendere anche a causa della mancanza di un vero e proprio tutorial approfondito. Ma dopo qualche ora di gioco queste saranno sufficientemente chiare.
La vera sfida è sopravvivere alle lotte intestine del gruppo.
Non si può parlare della grafica trattandosi di un gioco a 3 schermate.
Un gioco "da leggere".
Dinamiche gestionali molto interessanti che danno al giocatore la possibilità di affrontare un problema con differenti approcci.
Ogni gioco viene generato a random (mappa, sopravvissuti, eventi,...) quindi non c'è un senso di ripetitività.
Purtroppo non è per niente ben ottimizzato per quanto riguarda risoluzione e fullscreen.


Si tratta senza alcun dubbio di un titolo di nicchia. Si deve accettare a priori che non si è di fronte ad un gioco convenzionale, che dovrete leggere parecchio...ma che è tuttavia in grado di coinvolgere a pieno il giocatore grazie alla semplicità e all'intrigante concept.
Lo consiglio assolutamente!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
8.0 ore in totale
Pubblicata: 16 maggio 2014
Premessa, a me questo gioco piace non tanto come gioco in se ma per il fatto che è riuscito a distinguersi tra la marea di giochi a tema zombie. Questo è l'unico (a parte L4D2) che consiglio.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente