Elementi in evidenza
Giochi
Software Demo NOTIZIE Consigliati
Gli ultimi ricordi rimasti svaniscono nell'oscurità. Nella tua mente vige il disordine e la confusione, l'unica cosa chiara è la sensazione di essere braccato. Devi scappare. Ti svegli... 'Amnesia: The Dark Descent', un survival horror in prima persona. Un gioco riguardo l'immersione, la scoperta e la vita attraverso un incubo.
Data di rilascio: 8 set 2010
Guarda video HD

Acquista Amnesia: The Dark Descent

Pacchetti che includono questo gioco

Acquista Amnesia Collection

Include 2 oggetti: Amnesia: The Dark Descent, Amnesia: A Machine for Pigs

Informazioni sul gioco

Gli ultimi ricordi rimasti svaniscono nell'oscurità. Nella tua mente vige il disordine e la confusione, l'unica cosa chiara è la sensazione di essere braccato. Devi scappare.
Ti svegli...
'Amnesia: The Dark Descent', un survival horror in prima persona. Un gioco riguardo l'immersione, la scoperta e la vita attraverso un incubo. Un'esperienza che ti farà raggelare fin nel midollo.
Ti trascini incerto attraverso gli angusti corridoi mentre in lontananza si ode l'urlo.
Si sta avvicinando.
Esplora...
'Amnesia: The Dark Descent' ti calerà nei panni di Daniel, il quale si sveglia in un castello deserto, ricordando poco o nulla del proprio passato. Oltre ad esplorare gli inquietanti passaggi, dovrai prendere parte agli angustiosi ricordi di Daniel. L'orrore non giunge esclusivamente dall'esterno, ma anche dall'interno. Ti attende un'odissea sconvolgente negli angoli più oscuri della mente umana.
Rumore di passi strascicati? Oppure è la mente che ti gioca brutti scherzi?
Prova...
Grazie al mondo fondato su un modello fisico completo e verosimile, alla grafica 3D all'avanguardia e al sistema sonoro dinamico, la tua immersione nel gioco non incontrerà nessuna resistenza. Una volta avviato il gioco, ne manterrai il controllo dall'inizio alla fine. Niente scene precalcolate o salti temporali, tutto ciò che avviene lo vivrai direttamente sulla pelle.
Qualcosa spunta dall'oscurità. Si sta avvicinando. Veloce.
Sopravvivi...
'Amnesia: The Dark Descent' ti scaraventerà in un mondo periglioso dove i pericoli possono celarsi dietro ogni angolo. Gli unici mezzi che hai per difenderti sono nasconderti, correre e usare l'ingegno.
Ce l'hai quel che serve per sopravvivere?

Requisiti di sistema (PC)

    • Sistema Operativo: Windows XP/Vista/7
    • Processore: 2.0 GHz - Processori economici quali Celeron e Duron necessitano del doppio della velocità
    • RAM: 2 GB
    • Hard Disk: 3 GB
    • Scheda Video: Radeon X1000/GF 6 - Il gioco potrebbe non funzionare con schede grafiche integrate o con schede troppo economiche

Requisiti di sistema (MAC)

    Minimum:
    • OS: Mac OS X 10.5.8 or newer
    • Processor: 2.0Ghz
    • Memory: 1 GB RAM
    • Graphics: Radeon X1000/GeForce 6 (Integrated Intel Graphics not supported)
    • Hard Drive: 2GB space free

Requisiti di sistema (Linux)

    • OS: Ubuntu 12.04 LTS, Mint 13 LTS, Fedora 16, fully updated
    • Processor: 2.0Ghz - Low budget CPUs such as Celeron or Duron needs to be at about twice the CPU speed.
    • Memory: 2 GB
    • Graphics: Radeon X1000/GeForce 6 - Integrated graphics and low budget cards might not work.
    • Hard Drive: 3 GB
Recensioni utili dai clienti
18 persone su 22 (82%) hanno trovato questa recensione utile
315 prodotti nell'account
13 recensioni
0.1 ore in totale
Bello, sensazionale. I sussurri fuori campo, il vento. La porta che si apre da sola.
Oltre non sono andato però che mi stavo cagando sotto.
Pubblicata: 24 aprile
Questa recensione ti è stata utile? No
13 persone su 15 (87%) hanno trovato questa recensione utile
97 prodotti nell'account
17 recensioni
8.4 ore in totale
Amnesia: The Dark Descent è un videogame sviluppato e pubblicato dalla Frictional Games nel 2010 di genere Aventura - Horror.
A parer mio questo è il videogame piu' spaventoso di tutti i tempi! Non mi riferisco in particolare alla storia principale ma alle Custom Map.
L'atmosfera è perfetta,la grafica molto carina,lo scomparto audio ottimo e la longevità mediocre.
Ciò che ho apprezzato maggiormente di questo titolo è l'atmosfera e l'interagibilità con gli oggetti.
Lo consiglio a tutti gli amanti del genere Horror.

8.5/10
Pubblicata: 11 agosto
Questa recensione ti è stata utile? No
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
76 prodotti nell'account
9 recensioni
7.7 ore in totale
Se siete amanti del genere survival horror, con questo gioco avrete il massimo. Atmosfere da incubo e costante paura. Forse la trama sembrerà scontata ma non lo è, credetimi. Lo consiglio assolutamente. 10/10.
Pubblicata: 29 giugno
Questa recensione ti è stata utile? No
3 persone su 25 (12%) hanno trovato questa recensione utile
86 prodotti nell'account
18 recensioni
3.2 ore in totale
questo gioco non è bello per niente:
-non fa paura ne fa venire ansia solo noia
-gli spasmi del protagonista sono insopportabili e non danno atmosfera solo rompono le palle
-i mostri sono originali ma sono fatti male a livello tecnico
-la campagna è lenta e noiosa
infine capisco che le custom map possano essere carine e che ad alcuni possa spaventare a almeno che non vogliate fare gli idioti urlando davanti a una video camera e caricare il tutto ciò su youtube perchè siete veramente ritardate (favij) non vi consiglio questo gioco
voto 6/10 il denominatore comune è NOIA!
Pubblicata: 10 maggio
Questa recensione ti è stata utile? No
146 persone su 164 (89%) hanno trovato questa recensione utile
1,453 prodotti nell'account
77 recensioni
14.4 ore in totale
Personal Rating: "Worth playing"
Traditional Rating: 7/10
Genre: Horror

Amnesia’s veritable house of horrors – Castle Brennenburg - is a superbly realised piece of gothic digital real-estate that comes straight out of hell even if you may have already seen its catalogue of horror clichés and settings in other games and films. Decaying and crumbling from within - your initial encounter with this hide-away-for-hell is akin to almost every lonely cabin or castle in the woods that pepper many a horror story. Ramshackle rooms will lead you from one area to the next, bookshelves will be covered with dust, dinner tables will almost always be covered in grime and decay as the food left on them begins to rot, windows will be cracked or outright smashed and an eerie wind will almost always be blowing through: finding its resting place in long, deep and dark cavernous hallways. One glance at the place should immediately tell you something very bad once happened here and another glance that it ain’t over yet!

Amnesia takes place in the early nineteenth century where you take on the role of a man named Daniel, a young man from London, who wakes up in Castle Brennenburg with little or no memory of his past except for his name. All the player is armed with at the onset of the game is a simple note – descend into the inner sanctum of the castle and find and kill a Baron that goes by the name of Alexander. Players soon realise that all is not well within the confines of Daniels mind. Events from the past – slowly revealed through letters and notes strewn across the castle – begin to paint a disturbing picture of how the evil in all of us can be accessed and then exploited by others for their own selfish gain.

Employing a rather genius mechanic of not actually being able to fight back at the various terrors encountered within the walls of the castle, Daniel needs to literally rely on running ahead and hiding in the shadows to avoid being caught or seen. This act, however, is a bit of a double edged sword. Not only is Daniel’s mind fast unravelling but his sanity too. The only way to keep Daniel from flipping out completely (which results in the entire screen dissolving in a dizzy flow of wavy lines with cockroaches running up and down its borders) is to keep Daniel within the confines of a light source. Fleeing from the terrors held within the castle and into a darkness so oppressive you can almost feel the weight of it falling out of your monitor is one of the most terrifying experiences I have ever encountered in any medium that uses horror to tell its story. Looking for a suitable hiding place as your eyes scramble to make out objects all while dealing with the onset of going totally insane by having your vision blur is the stuff nightmares are made of.

At its heart Amnesia: The Dark Descent is an adventure game. Puzzles are strewn about the place, requiring solving before any advancement can be made. The puzzles themselves are not too hard to figure out but some of them do border on the obtuse and you get the feeling the developers are doing nothing more than padding out their title.

Graphically the game looked outdated even upon its initial release but we have to remember that the game has been created without the AAA Budget of some big publisher and for an Indie it works. What the game lacks in graphical beauty it makes up in audio which really enhances this stark and grim world.

There are many times throughout the game where it literally becomes a heart-stopping affair. I won’t lie – the game can be relentless in its efforts to scare the bejesus out of you. While games like Dead Space and Resident Evil are quite happy to rely on trigger-happy scares to thrill their audiences, Amnesia: The Dark Descent is more happy to tie you up and then hang you upside down all whilst it slowly, very slowly hacks at your groin with a hack-saw with the intent to slice your buttocks open - doing all this while laughing manically. In other words – if you love horror, you should love this!
Pubblicata: 9 giugno
Questa recensione ti è stata utile? No

Premi


2011 IGF Finalist