PREMIER EDITION - While seeking life on a distant planet, an astronaut discovers an abandoned Russian town. He suspects his mission is a hoax until a mysterious young woman saves him from a strange and deadly phenomenon...
Valutazione degli utenti:
Recenti:
Molto positiva (25 recensioni) - 80% delle 25 recensioni degli utenti pubblicate negli ultimi 30 giorni sono positive.
Complessivamente:
Perlopiù positiva (2,080 recensioni) - 2,080 recensioni degli utenti (77%) per questo gioco sono positive.
Data di rilascio: 6 giu 2014

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

Acquista Lifeless Planet

 

Informazioni sul gioco

PREMIER EDITION

While seeking life on a distant planet, an astronaut discovers an abandoned Russian town. He suspects his mission is a hoax until a mysterious young woman saves him from a strange and deadly phenomenon... Lifeless Planet is a third-person action-adventure that features an old-school sci-fi story and spectacular environments in the spirit of classic action-adventures.

After a hard landing on the planet, the astronaut discovers the planet that was reported to be rich with life is instead a barren wasteland. When he goes searching for his crew, he makes a more startling discovery: evidence that humans have already been to this planet years ago! When he comes upon a deserted Soviet-era Russian town, he struggles to make sense of his mission. Did his light-speed travel to the planet send him back in time? Or is this all some strange Cold War hoax?

Along the way, the astronaut meets a Russian woman, Aelita, who is somehow able to survive the hostile atmosphere of the planet. Through an unusual natural phenomenon, her skin causes the soil to glow green under her feet. The player must use these glowing tracks as a guide across the planet past treacherous and deadly threats. Is she leading him to safety... or an untimely death?

Lifeless Planet was inspired by Cold War era science fiction stories, posing questions about humankind's desire for space travel. What if you journeyed across the galaxy to another planet, only to find humans had already been there? What kind of person would sign up for a one-way mission, leaving behind planet Earth and everyone they've ever known and love... to go in search of an Earth-like planet?

Equipped with a limited-use jet-pack and a mobile robotic arm, the player must use wits and skill to solve puzzles, unravel the mystery, and survive the Lifeless Planet!

Key Features:
  • Explore 20 unique and atmospheric environments on a vast and treacherous planet.
  • Follow a mysterious young woman as she guides you past dangerous terrain and deadly life-forms.
  • Investigate the startling discovery of an abandoned Russian town.
  • Experience an exciting and intriguing story through rich graphics and cinematic cut-scenes.

Requisiti di sistema

Windows
Mac OS X
    Minimi:
    • Sistema operativo: Windows XP
    • Processore: Core 2 Duo or AMD equivalent
    • Memoria: 1500 MB di RAM
    • Scheda video: NVIDIA GeForce GT 430 or ATI equivalent
    • DirectX: Versione 9.0c
    • Memoria: 900 MB di spazio disponibile
    • Scheda audio: DX9.0c compatible
    Consigliati:
    • Sistema operativo: Windows 7
    • Processore: Intel Core i3 or faster
    • Memoria: 3000 MB di RAM
    • Scheda video: NVIDIA Geforce GT 640 or faster
    • DirectX: Versione 10
    • Memoria: 900 MB di spazio disponibile
    • Scheda audio: DX9.0c compatible
    Minimi:
    • Sistema operativo: 10.7 (Lion) or newer
    • Processore: Core 2 Duo or Better (2ghz or faster)
    • Memoria: 1500 MB di RAM
    • Scheda video: NVidia/ATI Dedicated Graphics (Integrated Intel Graphics not supported)
    • Memoria: 900 MB di spazio disponibile
Recensioni dei giocatori
Customer Review system updated Sept. 2016! Learn more
Recenti:
Molto positiva (25 recensioni)
Complessivamente:
Perlopiù positiva (2,080 recensioni)
Review Type


Purchase Type


Language


Display As:
32 reviews match the filters above ( Positiva)
Pubblicate di recente
tiajmix
0.7 hrs
Pubblicata: 3 luglio
noioso,lunge e lente camminate senza un meta precisa
Kick
7.1 hrs
Pubblicata: 19 giugno
LAsciate perdere l'idea di hardcore gamers...questo gioco è una esperienza di vita, è una trama, è emozione pura. Non offre altro che questo...ed è questa la sua bellezza. Non un gioco...un film, una emozione, un requiem. Chi vuole sparare vada oltre...chi si vuol perdere in un film sospeso tra denuncia e poesia si fermi...qui...c'é un CAPOLAVORO. 7 ore vissute tutte di un fiato. Come è riuscito il programmatore a creare un gioco dove nulla accade e che ti tiene incollato al monitor sino ai titoli di coda?
Hironelix
0.8 hrs
Pubblicata: 8 aprile
idea bellissima, controllo preistorico...ingiocabile. Quello che più fa incazzare è che lo vendano allo stessso prezzo di un gioco magnifico come Thalos. Uno scadalo. Peccato perchè in un gioco di esplorazione il controllo è tutto.
Non compratelo.
DexterDrum
6.2 hrs
Pubblicata: 21 febbraio
Bello, ma mi sono bloccato al capitolo INFERNO.
Guardando gameplay su youtube non capisco il perchè, nonostante facendo le stesse identiche mosse, continuo a venire bruciato come una foglia.
Questa cosa mi impedisce di proseguire, ma fino ad ora do un meritatissimo 7/10
Lupo
6.3 hrs
Pubblicata: 15 gennaio
Gioco di esplorazione con forti connotazioni da platform e qualche semplice enigma da risolvere.
La storia è coinvolgente ma il paesaggio, almeno per un gioco di questo tipo, doveva essere più dettagliato e vario, così scarno è in parte giustificato solo perché rende bene la sensazione di desolazione.
Consiglio l'acquisto ma solo in saldo.
_Ics
5.3 hrs
Pubblicata: 11 novembre 2015
Un gioco pulito e regolare, molto bello nella sua semplicità.
Lifeless Planet si presenta come un gioco di esplorazione e avventura fedele a se stesso, senza eccessi visivi nè un gameplay ricercato ma con l'unica volontà di raccontarci una storia.
E lo fa', C@xxo se lo fa'.

Demoncard
6.5 hrs
Pubblicata: 26 ottobre 2015
Lifeless Planet è un gioco di esplorazione con leggeri elementi puzzle e platform, uniti a volte con più o meno disorientanti sessioni di risoluzione di labirinti. Non credo si adatti particolarmente a questa produzione la definizione di "walking simulator", dato che la narrativa, sebbene elemento senza dubbio centrale, è molto diluita e non costituisce nell'immediato la ricompensa alla progressione: in questa vedo piuttosto l'aprirsi di nuovi paesaggi, il sollievo di intravedere strutture umane o una tanica d'ossigeno, la curiosità dello sconosciuto che sola può salvare dall'inquietudine dell'isolamento. Lifeless Planet è insomma un gioco che si basa fortemente sull'atmosfera, e non è un caso che il titolo indichi la caratteristica ambientale saliente dell'avventura. Lifeless Planet è il primo indie che mi capita di acquistare retail, e devo dire che è un lavoro che ben si adatta a quel formato. Di durata più che discreta per il relativo mercato (circa 5 ore e mezzo per l'avventura principale), con un team di localizzazione molto serio alle spalle e una volontà costante di avere contatti con il pubblico e aggiornare il titolo, Lifeless Planet non si potrà esattamente definire un "Tripla I", ma senza dubbio neanche un gioco "amatoriale" (faccio qui riferimento alla recente discussione sull'indiepocalipse). LP riesce a raccogliere una serie di suggestioni dal nostro ambito culturale popolare e dal mondo cinematografico, unendole in un insieme di carattere e impatto: si parte dalla base di Aelita, romanzo di Tolstoj e primo colossal sovietico muto del 1924, e si innestano le oscurità postapocalittiche di un Fragile Dreams: Farewell Ruins of the Moon, il concetto di "umanità aliena" di uno Stranded, e persino le lande bruciate e desertiche (ma un tempo assai più rigogliose) di un World of Warcraft: the Burning Crusade (i portali!). Ovviamente se la prima associazione è stata comprovata dall'autore stesso, le seguenti sono mie impressioni di videogiocatore. Alcune soluzioni della direzione artistica sono magistrali e rimarranno nel mio immaginario a lungo: per fare un paio d'esempi, l'arrivo nel villaggio abbandonato e la donna di spalle al tramonto sul canyon. Il level design è impreziosito da alcune trovate originali (le taniche di ossigeno, apparentemente superflue ma in realtà necessarie a non far cadere la tensione e dare un senso di telicità al movimento del giocatore, che troppo spesso altrimenti verrebbe traviato dall'illusione della finta vastità degli scenari; l'andare e venire del power-up del jetpack), ma non sempre regge la prova coerenza: drammaticamente blande sono le fasi di transizione tra capitolo e capitolo. Come accennavo in precedenza, la narrativa vorrebbe e dovrebbe essere elemento chiave di LP: tuttavia questa è stata tolta dal dominio dell'interpretazione soggettiva (come invece è tipico degli walking simulator) da un post aperto dallo sviluppatore qui su Steam, in cui lentamente si sono accatastate domande e risposte puntuali tanto da non lasciare molto spazio alla nostra immaginazione. Se così stanno le cose, Lifeless Planet non è l'esperimento narrativo più azzeccato degli ultimi anni, anzi. Dal momento in cui sembrerebbe importante a livello di progetto generale che il messaggio arrivi in una certa chiave, devo dire che ciò che il gioco offre in sé non è assolutamente bastevole, anzi. Oserei dire che alcune trovate (e qui si entra nello spoiler) sono addirittura fuorvianti: la similitudine vegetale tra la moglie in coma e la chimera sovietica, unita al caos della timeline non propriamente necessario, spinge la speranza del giocatore a forzare un'equivalenza tra le due figure femminili. Sebbene poi la sovrapposizione tra l'intervista pre-partenza e l'esplorazione stessa è una finezza assai apprezzabile in quanto fornisce background grazie a un momento narrativo importante, riposizionato cronologicamente con la scusa del viaggio alla velocità della luce, l'ultimissima scena dopo i titoli di coda mi è risultata assolutamente incomprensibile: non c'è un unico momento dell'avventura in cui il rapporto tra l'astronauta e la chimera sembra andare oltre l'utilità reciproca. Se comunque la storia personale del protagonista in qualche modo risulta abbastanza gradevole, soprattutto grazie all'idea di far entrare il giocatore dentro la mente dell'astronauta con le visioni, la tematica ambientalista è senza diritto d'appello di una banalità estrema, degna di un foglio accartocciato trovato nel cestino dello studio di Miyazaki. A questo lato si appende quasi disperata l'unica motivazione cronologica della Guerra fredda fornita dalla narrativa: sono stati i russi a portare alla distruzione un mondo fertile, ma in realtà la tematica è portata senza alcuna vergogna a livello umano generale.
In definitiva Lifeless Planet è un progetto molto personale ma al tempo stesso lanciato con efficace appeal al pubblico: il suo più grande problema è quello di essere figlio di una grande sensibilità visiva ma di una mediocre capacità elaborativa dei contenuti preposti. Non aiuta a sottolineare la profondità degli avvenimenti neanche la colonna sonora, al pari di essi poco personale e superficiale.
DOOM93LR
4.2 hrs
Pubblicata: 21 settembre 2015
ottimo indie con una trama veramente interessante e con dei colpi di scena interessanti e niente male l'unica pecca e il platforming non propio il massimo ma comunque un titolo che consiglio ^^
bartolomeo95
6.0 hrs
Pubblicata: 5 agosto 2015
In una parola: deludente. Avevo iniziato questo gioco con grandi speranze all'inizio ricambiate. Purtroppo la bella idea e il messaggio che vuole trasmettere non bastano a colmare i problemi tecnici riguardo al gameplay, giusto per dirne uno la difficoltà nel calibrare i salti che dovrebbero essere la spina dorsale di questo gioco, inoltre alla fine dopo aver affrontato momenti snrvanti e irritanti si è ricambiati con un finale tutto sommato scialbo e privo di momenti da ricordare quando, rimanendo sull'idea iniziale si sarebbe potuto arrangiare qualcosa di molto piu adatto. fortunatamente ho speso poco per comprarlo.
Recensioni più utili  Complessivamente
32 persone su 39 (82%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
6.3 ore in totale
Pubblicata: 25 giugno 2014
E' corto.
I puzzle sono relativamente banali.
Ha qualche bug qua e la (uno anche grave che fa sempre crashare il gioco se si preme un tasto al di fuori del suo contesto).
Graficamente è povero se paragonato ad altre produzioni (ma il team di sviluppo è veramente piccino e han fatto comunque un buon lavoro).
Trama non eccezzionale.

Ma,

Ottime le musiche, d'atmosfera e sempre al momento giusto.
Scenograficamente (anche se un po' povero come assets) è molto valido a mio avviso e offre dei bei scorci.
Ci si affeziona al personaggio.
L'ho cominciato e finito volentieri (cosa rara per me ultimamente).
Ti lascia quella sensazione di..

Insomma, a natale pigliatevelo col primo scontone, il gioco ha un suo perchè.

[ENG]
Not good, not bad, buy it with the first sale.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
23 persone su 24 (96%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Consigliato
5.0 ore in totale
Pubblicata: 19 febbraio 2015
Premessa: seppur non si possa in nessun caso gridare al capolavoro, Lifeless Planet è un di quei giochi che si può apprezzare o odiare con tutto il cuore e entrambe le posizioni sono assolutamente comprensibili.

Partiamo dalla trama. Il nostro protagonista è un astronauta inviato in un viaggio di 15 anni verso un pianeta simile alla Terra, ma durante la fase di atterraggio qualcosa va storto e la capsula precipita rovinosamente al suolo. Non solo, quello che doveva essere un corpo celeste pieno di vita si rivela invece un pianeta desolato e desertico, che ricorda Marte da più di un punto di vista. Non è ancora finita, dato che noi non siamo i primi umani a mettere piede sulla superficie, infatti a quanto pare i Sovietici riuscirono decenni prima ad arrivarci attraverso un misterioso portale. Che fine ha fatto il pianeta giardino che ci aspettavamo? Cosa ne è stato della colonia sovietica? Chi è la strana donna che inseguiamo? Questa e altre domando portano avanti la narrazione.

Il comparto narrativo, che non fa gridare al miracolo ma imho è comunque ben fatto, è il centro della nostra esperienza, tanto che si potrebbe quasi definire Lifeless Planet un Dear Esther in terza persona e in salsa fantascientifica.

Il paragone regge comunque fino a un certo punto, dato che il gameplay di LP risulta comunque più variegato rispetto al titolo precedentemente citato. In sostanza abbiamo a che fare con un platform con qualche semplicissimo enigma da risolvere di tanto in tanto.

Elemento fondamentale dell'esperienza è il jetpack installato nella tuta, che ci permette di effettuare un doppio salto. In alcuni casi si trova del carburante supplementare che permette molteplici spinte, fondamentali per superare gli abissi piuttosto ampi. I controlli non sono molto precisi e capita spesso di non atterrare esattamente dove si dovrebbe, sinceramente non ho capito se è una scelta deliberata dovuta al fatto che la gravità del pianeta è inferiore a quella terrestre o se è proprio un limite di gameplay.

Gli enigmi sono a dir poco semplicistici: in genere si tratta di trovare un oggetto e di metterlo al posto giusto o di azzeccare delle sequenze per attivare meccanismi di vario tipo. Chi cerca la sfida intellettuale stia lontano, perché qui non ne troverà affatto.

In teoria è presente una gestione dell'ossigeno, dato che il nostro protagonista non può respirare senza la tuta spaziale. Di fatto il sistema è assolutamente scriptato e ci troveremo nella situazione di dover cercare un rifornimento solo quando questo è effettivamente vicino. Non capisco il senso di una scelta del genere, se vuoi mettere un elemento simile nel gameplay non lo puoi sviluppare in quel modo.

Dal punto di vista tecnico la natura indipendente del prodotto è a dir poco evidente: non mancano i bug e definire la grafica spartana è essere buoni. Unity si dimostra un motore decisamente mediocre in ambito pc, offrendo un livello di ottimizzazione davvero pessimo: la mia configurazione dovrebbe far girare dieci istanze del gioco senza problemi, invece gli fps sono assolutamente instabili e in alcuni casi si scende anche sotto i 30 fps.

Orripilante il sistema di salvataggio: in sostanza quando si muore c'è un vero è proprio respawn, che lascia inalterato il mondo di gioco. Sembra una cazzata, ma questo scherzetto può essere una gran rottura di coglioni. Esempio pratico: salgo su un ascensore e calco il pulsante per salire. Arrivato in cima, sono morto in modo idiota e sono stato respawnato al livello del terreno. Peccato che l'ascensore fosse ancora su e non ci fosse alcun pulsante per farlo scendere. Risultato? Ho dovuto riavviare il livello per farlo tornare giù. Il modo approssimativo in cui in cui è realizzato il sistema di salvataggio è evidente da un dettaglio: quando si calca sul pulsante per tornare all'ultimo checkpoint il nostro personaggio muore. Decisamente una caduta di stile.

Sulla colonna sonora invece non c'è nulla di cui lamentarsi: è decisamente minimale, ma è inserita sempre al momento giusto e le musiche si adattano sempre alla perfezione ai vari momenti.

Mettendo da parte l'analisi prettamente tecnica e di gameplay, dove il gioco mostra lacune non da poco, è il caso di parlare della componente imho più importante per la valutazione: le sensazioni che Lifeless Planet fa provare al giocatore. Da questo punto di vista ritengo che il lavoro sia encomiabile: LP offre un senso di desolazione e di solitudine, ma riesce anche ad avere un effetto tranquillizzante. La mappa di gioco è un piacere esplorare, pur nella sua linearità. All'inizio sembra di essere su Marte, ma andando avanti ci ritroviamo con un pianeta che diventa sempre più alieno e misterioso. Nonostante la semplicità del comparto tecnico, ci si guarda intorno affascinati e si è spronati a esplorare (per quanto possibile) alla ricerca di quegli elementi che insieme costruiscono la storia di questa strana ambientazione, dotata di un'atmosfera del tutto particolare. Mi viene davvero difficile spiegare a parola quello che questo prodotto mi ha fatto provare, ma spero almeno di aver reso l'idea.

Per certi versi questo gioco mi ha ricordato Deadly Premonition: un titolo ricco di atmosfera, con una storia interessante e diverse idee originali, ma rovinato da una realizzazione concreta carente, limitata anche un budget tutt'altro che astronomico. A breve il gioco dovrebbe essere rilasciato su XONE, le migliorie dovrebbero arrivare anche su pc grazie a un aggiornamento gratuito. Spero con tutto il cuore che almeno una parte dei problemi tecnici vengano risolti.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
22 persone su 23 (96%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
5.8 ore in totale
Pubblicata: 6 settembre 2014
In pratica sei un astronauta che arriva su un pianeta sconosciuto con due compagni.

La fase di atterraggio va male e rimani solo.

La prima cosa che devi fare è andare alla ricerca dei compagni, ma... e non dico più nulla, perchè la trama esiste ma è molto spiccia, per cui sarebbe meglio affrontarla di persona. A me è piaciucchiata, soprattutto alla fine quando mi ha ricordato un certo film...

In pratica il gioco è molto lineare, anche se le locazioni sono molto vaste, ma abbastanza povere di particolari: immaginate di camminare per le dune di Marte con qualche cosa che ogni tanto esce fuori (locazioni particolari).

Il gioco è diviso in fasi, ognuna che vede una nuova locazione ed a un diverso orario della giornata: quindi ci sarà il dì, poi il pomeriggio con le luci rossastre (come su Marte), il crepuscolo, la notte (durante la quale si deve accendere la torcia).

Il gioco prevede in pratica la risoluzione di puzzle semplicissimi ed alcune fasi platform in cui si salta mediante i retrorazzi della tuta (è molto divertente, ed in alcune situazioni si trova un potenziamento per avere degli sprint in volo più numerosi per saltare verso locazioni più distanti).

Nel gioco si muore (un achievement prevede ogni tipologia di morte) ma ci sono checkpoint al punto giusto. Non ci sono però nemici. Si muore in genere per le cadute o per alcuni pericoli fisici (la lava).

Per le varie locazioni si trovano molti datalog che spiegano la storia e quello che è accaduto sul pianeta.

Con il pad è perfetto. Levella sinistra per i movimenti e destra per spostare la telecamera. Un tasto per saltare e altri due per le interazioni con gli oggetti. La pressione della levetta destra inoltre permette di impostare la distanza della telecamera: primo piano, poco più lontano, distante). Però ho notato un difetto per la telecamera: a volte muovendola con la levetta destra la telecamera continua a girare per inerzia e la dovevo bloccare: nulla di fastidioso però, e magari è capitato solo a me, non so.

Graficamente è abbastanza carino (alcune locazioni e scorci davvero belli), ma tecnicamente non è il massimo: da quello che ho capito e letto, mette sotto pressione più la CPU che la scheda grafica. Infatti in alcuni momenti ci sono frame drop senza molto senso (la mia VGA dovrebbe mangiarselo, ma non lo fa).

Mi è durato sulle 4 ore quindi si può fare in una passata.

PS: a prezzo pieno sta 20 euro su Steam: per 4 ore di gioco lo sconsiglio assolutamente. Davvero, non capisco perchè, e poi non è assolutamente rigiocabile (addirittura gli achievement più rari vanno presi al primo playthrough: che senso ha fare gli altri se il gioco non ha più nulla da dire?). Aspettatelo molto scontato. Ma lo consiglio.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
19 persone su 22 (86%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
1.4 ore in totale
Recensione della versione ad accesso anticipato
Pubblicata: 11 marzo 2014
ITA
Mi è davvero piaciuto. Bella atmosfera, grafica squisita e soprattutto immersivo.
Adoro come si viene introdotti immediatamente nel gioco senza troppi preamboli.
La storia sembra molto interessante, e non vedo l'ora di continuarla.
L'unica cosa che sento mancare è la presenza più marcata di elementi action.
Tecnicamente è ancora ballerino ma è normale considerando lo stadio di sviluppo.
Consigliato a tutti!

ENG
I really enjoyed it. Nice atmosphere, excellent graphics and above all really immersive.
I love how you get in to the game without that much chackle.
Story seems interesting so far, and can't wait to see how it gets.
Only lack I experienced is the poor action component. Hope it'll get more entertaining in that way.
Technically there are quite frame drops (expecially in the buildings area and when flashlight is on) but I get it's in development, so no problem at all.
I really suggest you to go ahead and buy this little big game

P.S.: this early version is really short. Keep it in mind when you're going to get your hands on it
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
11 persone su 12 (92%) hanno trovato questa recensione utile
Sconsigliato
6.7 ore in totale
Pubblicata: 8 marzo 2015
Ho comprato questo gioco in versione fisica (costava meno della copia digitale). Ne avevo sentito parlare e la trama mi ha incuriosito... Poi ho iniziato a giocarci e... ne sono rimasto profondamente deluso. Le prime (anzi la prima ora) di gioco sono quelle che mi hanno preso di più, poi diciamo che la trama va a farsi benedire e si va avanti giusto perchè c'è un percorso da seguire. Non è un open world come si potrebbe pensare... 15 € non li vale affatto.
PRO
  • Ambientazioni
  • Trama (fino a un certo punto, dato che scompare per poi concludersi frettolosamente)
  • Checkpoint nei punti giusti
  • Colonna sonora
CONTRO
  • Bug, bug e altri bug. Il PG smette di correre, ascensori che si bloccano, il tasto opzioni e il tasto "esci" del "menù" che non funzionano (E per chiudere il gioco devo avviare Gestione Attività), il PDA/tablet che a volte non mostra le informazioni corrette
  • Dopo i checkpoint gli ambienti non si resettano (di conseguenza se si blocca un ascensore troppo in alto, o ti ingegni in qualche modo per arrivarci o ricominci)
  • Gameplay, usando il jetpack non puoi curvare
  • Enigmi troppo semplici
  • Finale gestito male, così come le "informazioni" da trovare nel gioco. (Che diminuiscono drasticamente più si progredisce nella trama)
  • Il fatto che le ambientazioni sembrino aperte mentre in realtà non lo sono affatto

    Ribadisco che 15 € non li merita. tantomeno 20 €, Ok che è partito su kickstarter ma per quel prezzo mi aspettavo di meglio
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
7 persone su 7 (100%) hanno trovato questa recensione utile
1 persona ha trovato questa recensione divertente
Consigliato
8.5 ore in totale
Pubblicata: 9 dicembre 2015
non sarà tecnicamente ineccepibile, non avrà un gameplay così vario (anzi a volte è proprio tagliato con l'accetta) ma la narrazione è buona, la storia interessante (forse non originalissima, almeno nella lettura più superficiale), e in alcuni frangenti è sufficientemente tosto, e soprattutto si lascia giocare. Non il top, ovviamente, ma più che sufficiente, quasi buono per gli amanti della fantascenza classica.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
7 persone su 8 (88%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
8.6 ore in totale
Pubblicata: 9 giugno 2014
Sintesi:
un titolo a breve longevità ma originale, immersivo, focalizzato più sull'esplorazione e sulla narrativa che sull'azione vera e propria, invero pochina.

Pro:

- nonostante sia un giocatore che si annoia molto facilmente, ho trovato la vicenda abbastanza interessante.

- tecnicamente non sarà il top della gamma ma "paesaggisticamente" è molto evocativo. Molto azzeccato anche a livello ambientale. Nel complesso il comparto audio visivo, seppur solo funzionale, fa egregiamente il suo sporco lavoro.

Contro:

- è piuttosto breve e ora che l'ho anche finito devo dire che perde un po' di mordente dopo le promettenti battute iniziali.

- Il replay value, essendo un single player non open world, è sotto zero. Il price tag, di conseguenza, è un filino alto. Una cifra attorno ai 10-12 euro sarebbe stata più centrata, a mio parere.

- il braccio robotizzato ha dei controlli francamente osceni.

- se non date particolare peso a storia e ambientazione, cercate altro.

6,5/10

[Recensione rieditata ed espansa, voto abbassato]
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
3 persone su 3 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
2.6 ore in totale
Pubblicata: 10 luglio 2014
C’è un qualcosa, un qualche spunto, che spinge a pensare che Lifeless Planet sia un gioco decisamente valido: ci riferiamo soprattutto all’ambientazione spesso suggestiva e misteriosa. Questo importante elemento, però, non riesce sempre a sostenere il peso di una narrazione a tratti inconsistente, e di un gameplay lento e che avrebbe potuto offrire più enigmi e un po’ meno esplorazione degli ambienti. Un titolo sufficiente, dunque, ma che forse ha un po’ disatteso le aspettative.

http://www.nrsgamers.it/lifeless-planet-i-russi-i-russi-gli-americani/
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
4 persone su 5 (80%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
7.7 ore in totale
Pubblicata: 8 giugno 2014
Il gioco è uno di quei "running game" che sembrano andare tanto per la maggiore di questi tempi. Non è particolarmente difficile o impegnativo, ma una storia molto ispirata, un'ambientazione originale e curata e un pianeta bellissimo e affascinante lo fanno spiccare in mezzo alla folla.

Pro: la storia è ben scritta, con momenti di notevole bellezza; il pianeta pure nella sua letalità è costruito con dovizia di particolari, regalando più di una vista mozzafiato durante il nostro viaggio; la colonna sonora è davvero bella, non invasiva e segnala con precisione i momenti più importanti o significativi. Il gameplay è tutto sommato semplice, forse un po' troppo, ma gli enigmi sono sempre plausibili e non soffrono di quella che io chiamo "sindrome da Layton" dove vengono proposti enigmi in situazioni assurde.

Con: la grafica non sempre è all'altezza della situazione, talvolta le texture sono di qualità troppo bassa e i modelli dei protagonisti non sono animati benissimo; il gameplay come detto prima è TROPPO semplice, qualche enigma in più non avrebbe guastato; calcolando che è spesso ci troveremo a risolvere enigmi di "salto" le meccaniche dello stesso potevano essere più curate - talvolta il platforming diventa una questione di tentativi falliti, fortunatamente mai frustranti; non ultimo il prezzo è un filino troppo alto, il gioco si finisce tranquillamente in 5-7 ore.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
9.4 ore in totale
Pubblicata: 2 settembre 2014
Gameplay commentato in italiano: http://youtu.be/FsjMu7g_4Qs
Un po' grezzo e poco rifinito sotto certi aspetti, ma mi è piaciuta molto l'atmosfera, e poi al giorno d'oggi dove si trovano più giochi con protagonisti astronauti veri e non space marine incazzusi?
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente