Load your guns, start your engines...THE CLASSIC IS BACK! Brought to you from Remedy, renowned developers of Max Payne and Alan Wake, Remedy's Death Rally classic top down racer is back, stronger and more vicious than ever. This is no Sunday Drive. This is Death Rally, so be prepared to be blown away, literally.
Valutazione degli utenti:
Complessivamente:
Perlopiù positiva (433 recensioni) - 433 recensioni degli utenti (72%) per questo gioco sono positive.
Data di rilascio: 3 ago 2012

Accedi per aggiungere questo articolo alla tua lista dei desideri o per contrassegnarlo come articolo che non ti interessa

non disponibile in Italiano
Questo prodotto non è disponibile nella tua lingua. Prima di eseguire l'acquisto, controlla la lista delle lingue disponibili.

Acquista Death Rally

 

Informazioni sul gioco

Load your guns, start your engines...THE CLASSIC IS BACK! Brought to you from Remedy, renowned developers of Max Payne and Alan Wake, Remedy's Death Rally classic top down racer is back, stronger and more vicious than ever.

This is no Sunday Drive. This is Death Rally, so be prepared to be blown away, literally. Make a run for the finish line with a trail of burnt rubber and spent brass behind you..along with the flaming wreckage of any fool dumb enough to get in your way.

The gameplay is addictive, intense, explosive fun! Win races, upgrade your cars and weapons to defeat incredible boss drivers to beat the story mode. Join the multiplayer! lock and load and enter the Death Rally, humiliate and destroy your opponents or sabotage their race. You choose how you win, NO TRICK IS TOO DIRTY!

Key Features:

  • Experience the fury of Death Rally, hone your skills and prepare to race
  • Massive career mode,win events,earn achievements and unlock cars,weapons and challenges
  • Multiplayer mayhem, prove yourself against your opponents
  • Amazing Iconic tracks in the city, desert, jungle, ice and more. Including a unique track only for PC
  • Featuring amazing guest drivers
  • Sabotage and Destroy and earn your spot on the Leaderboards
  • Gameplay supports keyboard and controller

Requisiti di sistema

    Minimum:
    • OS:Windows XP SP2
    • Processor:AMD K8 series, for example Athlon 64, or Intel Pentium 4
    • Memory:2 GB RAM
    • Graphics:DirectX 10 compatible with 256 MB memory
    • DirectX®:9.0c
    • Hard Drive:600 MB HD space
    • Sound:DX9.0c compatible
    • Additional:Even slower systems may run the game, but may have problems with multiplayer compatibility
    Recommended:
    • OS:Windows 7
    • Processor:AMD K10 series, for example Athlon X2, or Intel Pentium Dual Core, or faster
    • Memory:4 GB RAM
    • Graphics:DirectX 10 compatible with 512 MB memory, or faster
    • DirectX®:10
    • Hard Drive:600 MB HD space
    • Sound:DX9.0c compatible
    • Other Requirements:Broadband Internet connection
    • Additional:Even slower systems may run the game, but may have problems with multiplayer compatibility
Recensioni dei giocatori
Sistema delle recensioni degli utenti aggiornato! Ulteriori informazioni
Complessivamente:
Perlopiù positiva (433 recensioni)
Pubblicate di recente
Mordicchio
( 0.3 ore in totale )
Pubblicata: 15 marzo
Sarebbe anche bello se non fosse afflitto da scarsa giocabilità e impossibilità di settare i comandi a piacimento, comunque è un porting della versione android. Ci potrò rigiocare se mi potetrete dare la possibilità di usare il mio gamepad come voglio io
RetroGamerAndrew
( 23.3 ore in totale )
Pubblicata: 26 novembre 2015
Death Rally è un top-down racer sviluppato ed edito dalla finlandese Remedy - per intenderci, la stessa software house che ha sfornato capolavori come Max Payne/Max Payne 2 e che ha dato vita, in tempi più recenti, all'ottima franchise di Alan Wake.
Death Rally nasce come remake dell'omonimo arcade racer 2D, edito dalla Apogee nell'ormai lontanissimo '96 - un gioco che mi è particolarmente caro, trovato quasi per caso su un CD contenente una raccolta di shareware della gloriosa Apogee (tra i vari giochi spiccavano piccole gemme come i vari Commander Keen, i gloriosi Duke Nukem in 2D da cui è partito tutto... roba per palati fini insomma!!!)

Premetto che non è mai facile recensire un remake come Death Rally, per diversi motivi.
Il pericolo principale è quello di lasciarsi prendere la mano e annebbiare la mente dalla nostalgia dei tempi passati e ricadere nel proverbiale "giochi così non ne fanno più" - e diciamoci la verità: il rischio in questo caso è particolarmente presente, in quanto il primo Death Rally era DAVVERO solido, con un gameplay divertente e un'altissima giocabilità.
Inoltre, per quanto un confronto diretto tra i due titoli sia inevitabile e sacrosanto, non possiamo a mio avviso prescindere nei nostri giudizi dal contesto in cui questi sono nati.

Fatte queste doverose premesse posso iniziare la recensione vera a propria.
Death Rally mantiene intatto il nucleo di gioco del suo antenato: il personaggio principale ha a disposizione un garage con un buon numero di auto, ognuna con diverse caratteristiche di manovrabilità, velocità e resistenza ai danni. All'inizio la scelta ricadrà forzatamente su un catorcio (che la 126 anni '80 di mia zia pare una Lotus in confronto), ma raccogliendo le apposite "parti" durante le varie corse si potranno sbloccare bolidi via via più potenti e tamarri.
Il denaro ci permette di potenziare le nostre auto nei tre parametri sopra citati (entro comunque un limite, che riflette le caratteristiche dell'auto stessa); i modi per accumularlo sono molteplici e vanno dal piazzamento in gara alla raccolta durante la corsa, oltre ovviamente alla distruzione delle macchine degli altri concorrenti.
Sì perché come il nome suggerisce, Death Rally è anche (o meglio soprattutto) questo: un sanguinoso deathmatch in cui l'obiettivo più divertente è quello di fare saltare in aria le altre auto in maniera insensata sfruttando il nutrito arsenale di armi a nostra disposizione (sbloccabili in modo simile alle vetture); cosi potremo sganciare proditoriamente una mina sul cofano di un avversario troppo insistente - possibilmente mentre sta chiudendo la curva! - oppure crivellarlo di colpi con la nostra mitragliatrice rotante, o ancora devastarlo con una salva di cattivissimi missili ricercanti. E non dimentichiamo il lanciafiamme - perché è bene ricordarlo, niente dice "ti voglio bene" al nostro avversario come un getto di napalm incandescente nel c**o!

Oltre alle normali corse su tracciato, la maggior parte dei quali è sbloccabile alla stessa maniera delle auto e dei potenziamenti, vi sono alcune modalità di gioco differenti richiamabili dalla dashboard. Nei deathmatch ad esempio il nostro unico obiettivo sarà quello di frantumare gli avversari nel periodo di tempo concesso raccogliendo le munizioni disponibili; la maratona, opzione molto rara e invero abbastanza noiosa, prevede il completamento di 42 giri di tracciato (in luogo degli usuali 3/5) senza l'utilizzo di alcun tipo di arma; vi sono poi altre piccole variazioni sul tema "corsa" in cui potremo utilizzare solo un particolare tipo di auto/arma, o ancora dei testa a testa con avversari particolarmente forti sui quali dovremo avere la meglio in un solo giro.

Non posso ahimè giudicare la bontà di tutte queste modalità nel multiplayer, in quanto le lobby a più di tre anni dall'uscita del gioco sono ovviamente deserte come il Milano-Lecco delle 21.22. L'intelligenza artificiale (faccio fatica a definirla in questo modo parlando di un gioco di corse, ma sempre tale rimane) è generalmente onesta, ma raggiunto un certo livello di potenziamenti la sensazione di sfida viene un po' a mancare, anche ad alti livelli di difficoltà (a parte alcune occasioni, che non voglio andare a spoileralvi).
In single player il gioco regge bene per una decina di ore o poco più, dopo di ché l'unico vero obbiettivo sarà quello di completare gli achievement più difficili - a questo proposito ve ne sono alcuni davvero senza senso che richiedono DECINE E DECINE di ore di gioco in cui vi sconsiglio caldamente di cimentarvi... roba che porterebbe anche un bot al suicidio.

A livello grafico il gioco si discosta dall'originale per l'ovvio utilizzo del 3D; i modelli delle auto sono molto ben fatti, avrei forse gradito una maggiore quantità e varietà nel numero dei tracciati, per quanto quelli presenti siano gradevoli e ben dettagliati. Il gioco gira egregiamente anche su macchine non propriamente equipaggiate per il gaming, e questo è forse dovuto al fatto che il gioco è in realtà un porting da piattaforme mobile (Android/IOS per cui è uscito nel 2011).
Qui si apre un capitolo a parte, che a quanto leggo dalle varie recensioni sembra stare molto a cuore allo zoccolo duro dei nostalgici. Molti si lamentano ad esempio dell'auto-fire, caratteristica non presente nel gioco originario introdotta molto pobabilmente per sopperire alle limitazioni nei controlli imposte dagli smartphone. Personalmente non la vedo una questione così importante e gamebreaking, in quanto l'utilizzo delle armi vere e proprie (lanciafiamme, carabina, etc) resta comunque sotto controllo del giocatore; inoltre non vedo, in generale, un impoverimento dovuto alla natura ibrida del gioco, se non forse il minutaggio delle corse (spesso staremo sotto il minuto/minuto e mezzo per completare una gara).
Per quanto riguarda il comparto musicale non ho molto da dire, sicuramente sulla musica si poteva fare di più ma risulta tutto sommato onesta, benché ripetitiva.
Da segnalare il fatto che si sia provato ad abbozzare una storia intorno al nostro personaggio... personalmente non mi sembra che un espediente del genere fosse necessario e la trovo abbastanza superficialotta - detto questo, lo stile "comic strip" con cui viene presentata (Max Payne docet?) è tutto sommato carino e il tentativo artistico merita certamente un plauso.

Concludendo, non me la sento di mettere in croce questo gioco per i motivi che molti hanno esposto nelle recensioni; sì, alla lunga può essere noioso e sì, probabilmente non spicca per profondità, longevità o originalità... detto questo è in grado comunque di garantire alcune ore di sano (se per voi distruggere auto può essere considerato tale) divertimento, soprattutto agli amanti del genere.
E' in particolare a questi ultimi che va il mio appello: date una chance a questo gioco, e soprattutto affrontatelo con la mente libera da preconcetti!
arcadeplayer
( 7.6 ore in totale )
Pubblicata: 12 agosto 2015
Death Rally rappresenta l'omonimo remake del titolo uscito in origine nel 1996 su PC in cui si controllano veicoli armati fino ai denti con una visuale dall'alto dove lo scopo è quello di riuscire a vincere con ogni mezzo possibile.

Come nel titolo originale lo scopo del gioco è quello di battere The Adversary, il tutto raccontato attraverso dei filmati e farcito da diverse gare in cui si affronteranno avversari sempre più forti e assurdi.

Graficamente il titolo è piuttosto buono data la sua natura vecchio stile e non manca di stupire con qualche piccolo effetto.
Qualora dovreste incorrere in qualche glitch grafico consiglio di disattivare l'opzione Triplo Buffering dalle impostazioni della vostra scheda video.

Buone anche le voci dei personaggi (non tutti ne possiedono una però), effetti sonori e colonna sonora.

A livello di giocabilità il titolo offre una meccanica basilare e veramente semplicistica, mai frustrante nè complicata e rende molto bene sopratutto con un controller.

Purtroppo l'esperienza offerta da Death Rally non è delle più lunghe e saranno necessarie poco più di 4 ore per sbloccare e potenziare tutti veicoli, prendere la maggioranza degli achievements e sopratutto raggiungere la sfida a The Adversary (probabilmente l'unica vera punta di difficoltà) ma il gioco ha un gameplay che invoglia ad essere rigiocato anche solo per una partita mordi e fuggi.

Death Rally è infine uno di quei giochi che ormai si trovano in versione retail a pochi euro e che sono in grado di regalare un divertimento arcade che è destinato a scomparire, un'esperienza non troppo difficile che potrà soddisfare tutti sopratutto chi cerca un titolo vecchio stampo senza doversi rassegnare alla frustrazione.
Trueshape
( 4.9 ore in totale )
Pubblicata: 15 aprile 2015
This game is surely not worth 10 bucks, but on the short run could be fun

PROS:
Short races (1 minute)
Cars and weapons are earned through collectible pieces on the tracks

CONS:
Useless and short story mode (new chapters are earned through single mode randomly)
Space Marine (ITALIA)
( 11.8 ore in totale )
Pubblicata: 16 gennaio 2014
Avevo già giocato al precedente titolo e lo reputavo un bel gioco. Adesso con i dovuti miglioramenti è diventato ancora più bello e godibile. Consigliato a chi vuole perdere tempo divertendosi, senza pensare troppo a chi o cosa fare!!!
kiriranshelo
( 9.3 ore in totale )
Pubblicata: 5 aprile 2013
Un discreto remake del fantastico Death Rally, veramente carino lo si finisce in circa 10 ore (a circa 90% del achievement) e non è troppo impegnativo.
Discreto perchè c'è qualche feature a cui storco il naso, es: circuiti troppo corti o vetture troppo veloci, fucile standard che spara praticamente in continuazione senza limite alle munizioni (vs Death Rally vecchio). Per chi è fresco fresco invece va più che bene per rilassarsi ancora meglio se lo si prende sotto i 5€ :)
VOTO 7.5
DreyMIX
( 13.2 ore in totale )
Pubblicata: 3 agosto 2012
Avendolo comprato su iPhone, non vedo perchè non ricomprarlo su PC. Spettacolare! Anche se la versione originale aveva il suo fascino :)
Recensioni più utili  Complessivamente
9 persone su 9 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
7.6 ore in totale
Pubblicata: 12 agosto 2015
Death Rally rappresenta l'omonimo remake del titolo uscito in origine nel 1996 su PC in cui si controllano veicoli armati fino ai denti con una visuale dall'alto dove lo scopo è quello di riuscire a vincere con ogni mezzo possibile.

Come nel titolo originale lo scopo del gioco è quello di battere The Adversary, il tutto raccontato attraverso dei filmati e farcito da diverse gare in cui si affronteranno avversari sempre più forti e assurdi.

Graficamente il titolo è piuttosto buono data la sua natura vecchio stile e non manca di stupire con qualche piccolo effetto.
Qualora dovreste incorrere in qualche glitch grafico consiglio di disattivare l'opzione Triplo Buffering dalle impostazioni della vostra scheda video.

Buone anche le voci dei personaggi (non tutti ne possiedono una però), effetti sonori e colonna sonora.

A livello di giocabilità il titolo offre una meccanica basilare e veramente semplicistica, mai frustrante nè complicata e rende molto bene sopratutto con un controller.

Purtroppo l'esperienza offerta da Death Rally non è delle più lunghe e saranno necessarie poco più di 4 ore per sbloccare e potenziare tutti veicoli, prendere la maggioranza degli achievements e sopratutto raggiungere la sfida a The Adversary (probabilmente l'unica vera punta di difficoltà) ma il gioco ha un gameplay che invoglia ad essere rigiocato anche solo per una partita mordi e fuggi.

Death Rally è infine uno di quei giochi che ormai si trovano in versione retail a pochi euro e che sono in grado di regalare un divertimento arcade che è destinato a scomparire, un'esperienza non troppo difficile che potrà soddisfare tutti sopratutto chi cerca un titolo vecchio stampo senza doversi rassegnare alla frustrazione.
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
2 persone su 2 (100%) hanno trovato questa recensione utile
Consigliato
23.3 ore in totale
Pubblicata: 26 novembre 2015
Death Rally è un top-down racer sviluppato ed edito dalla finlandese Remedy - per intenderci, la stessa software house che ha sfornato capolavori come Max Payne/Max Payne 2 e che ha dato vita, in tempi più recenti, all'ottima franchise di Alan Wake.
Death Rally nasce come remake dell'omonimo arcade racer 2D, edito dalla Apogee nell'ormai lontanissimo '96 - un gioco che mi è particolarmente caro, trovato quasi per caso su un CD contenente una raccolta di shareware della gloriosa Apogee (tra i vari giochi spiccavano piccole gemme come i vari Commander Keen, i gloriosi Duke Nukem in 2D da cui è partito tutto... roba per palati fini insomma!!!)

Premetto che non è mai facile recensire un remake come Death Rally, per diversi motivi.
Il pericolo principale è quello di lasciarsi prendere la mano e annebbiare la mente dalla nostalgia dei tempi passati e ricadere nel proverbiale "giochi così non ne fanno più" - e diciamoci la verità: il rischio in questo caso è particolarmente presente, in quanto il primo Death Rally era DAVVERO solido, con un gameplay divertente e un'altissima giocabilità.
Inoltre, per quanto un confronto diretto tra i due titoli sia inevitabile e sacrosanto, non possiamo a mio avviso prescindere nei nostri giudizi dal contesto in cui questi sono nati.

Fatte queste doverose premesse posso iniziare la recensione vera a propria.
Death Rally mantiene intatto il nucleo di gioco del suo antenato: il personaggio principale ha a disposizione un garage con un buon numero di auto, ognuna con diverse caratteristiche di manovrabilità, velocità e resistenza ai danni. All'inizio la scelta ricadrà forzatamente su un catorcio (che la 126 anni '80 di mia zia pare una Lotus in confronto), ma raccogliendo le apposite "parti" durante le varie corse si potranno sbloccare bolidi via via più potenti e tamarri.
Il denaro ci permette di potenziare le nostre auto nei tre parametri sopra citati (entro comunque un limite, che riflette le caratteristiche dell'auto stessa); i modi per accumularlo sono molteplici e vanno dal piazzamento in gara alla raccolta durante la corsa, oltre ovviamente alla distruzione delle macchine degli altri concorrenti.
Sì perché come il nome suggerisce, Death Rally è anche (o meglio soprattutto) questo: un sanguinoso deathmatch in cui l'obiettivo più divertente è quello di fare saltare in aria le altre auto in maniera insensata sfruttando il nutrito arsenale di armi a nostra disposizione (sbloccabili in modo simile alle vetture); cosi potremo sganciare proditoriamente una mina sul cofano di un avversario troppo insistente - possibilmente mentre sta chiudendo la curva! - oppure crivellarlo di colpi con la nostra mitragliatrice rotante, o ancora devastarlo con una salva di cattivissimi missili ricercanti. E non dimentichiamo il lanciafiamme - perché è bene ricordarlo, niente dice "ti voglio bene" al nostro avversario come un getto di napalm incandescente nel c**o!

Oltre alle normali corse su tracciato, la maggior parte dei quali è sbloccabile alla stessa maniera delle auto e dei potenziamenti, vi sono alcune modalità di gioco differenti richiamabili dalla dashboard. Nei deathmatch ad esempio il nostro unico obiettivo sarà quello di frantumare gli avversari nel periodo di tempo concesso raccogliendo le munizioni disponibili; la maratona, opzione molto rara e invero abbastanza noiosa, prevede il completamento di 42 giri di tracciato (in luogo degli usuali 3/5) senza l'utilizzo di alcun tipo di arma; vi sono poi altre piccole variazioni sul tema "corsa" in cui potremo utilizzare solo un particolare tipo di auto/arma, o ancora dei testa a testa con avversari particolarmente forti sui quali dovremo avere la meglio in un solo giro.

Non posso ahimè giudicare la bontà di tutte queste modalità nel multiplayer, in quanto le lobby a più di tre anni dall'uscita del gioco sono ovviamente deserte come il Milano-Lecco delle 21.22. L'intelligenza artificiale (faccio fatica a definirla in questo modo parlando di un gioco di corse, ma sempre tale rimane) è generalmente onesta, ma raggiunto un certo livello di potenziamenti la sensazione di sfida viene un po' a mancare, anche ad alti livelli di difficoltà (a parte alcune occasioni, che non voglio andare a spoileralvi).
In single player il gioco regge bene per una decina di ore o poco più, dopo di ché l'unico vero obbiettivo sarà quello di completare gli achievement più difficili - a questo proposito ve ne sono alcuni davvero senza senso che richiedono DECINE E DECINE di ore di gioco in cui vi sconsiglio caldamente di cimentarvi... roba che porterebbe anche un bot al suicidio.

A livello grafico il gioco si discosta dall'originale per l'ovvio utilizzo del 3D; i modelli delle auto sono molto ben fatti, avrei forse gradito una maggiore quantità e varietà nel numero dei tracciati, per quanto quelli presenti siano gradevoli e ben dettagliati. Il gioco gira egregiamente anche su macchine non propriamente equipaggiate per il gaming, e questo è forse dovuto al fatto che il gioco è in realtà un porting da piattaforme mobile (Android/IOS per cui è uscito nel 2011).
Qui si apre un capitolo a parte, che a quanto leggo dalle varie recensioni sembra stare molto a cuore allo zoccolo duro dei nostalgici. Molti si lamentano ad esempio dell'auto-fire, caratteristica non presente nel gioco originario introdotta molto pobabilmente per sopperire alle limitazioni nei controlli imposte dagli smartphone. Personalmente non la vedo una questione così importante e gamebreaking, in quanto l'utilizzo delle armi vere e proprie (lanciafiamme, carabina, etc) resta comunque sotto controllo del giocatore; inoltre non vedo, in generale, un impoverimento dovuto alla natura ibrida del gioco, se non forse il minutaggio delle corse (spesso staremo sotto il minuto/minuto e mezzo per completare una gara).
Per quanto riguarda il comparto musicale non ho molto da dire, sicuramente sulla musica si poteva fare di più ma risulta tutto sommato onesta, benché ripetitiva.
Da segnalare il fatto che si sia provato ad abbozzare una storia intorno al nostro personaggio... personalmente non mi sembra che un espediente del genere fosse necessario e la trovo abbastanza superficialotta - detto questo, lo stile "comic strip" con cui viene presentata (Max Payne docet?) è tutto sommato carino e il tentativo artistico merita certamente un plauso.

Concludendo, non me la sento di mettere in croce questo gioco per i motivi che molti hanno esposto nelle recensioni; sì, alla lunga può essere noioso e sì, probabilmente non spicca per profondità, longevità o originalità... detto questo è in grado comunque di garantire alcune ore di sano (se per voi distruggere auto può essere considerato tale) divertimento, soprattutto agli amanti del genere.
E' in particolare a questi ultimi che va il mio appello: date una chance a questo gioco, e soprattutto affrontatelo con la mente libera da preconcetti!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
9.3 ore in totale
Pubblicata: 5 aprile 2013
Un discreto remake del fantastico Death Rally, veramente carino lo si finisce in circa 10 ore (a circa 90% del achievement) e non è troppo impegnativo.
Discreto perchè c'è qualche feature a cui storco il naso, es: circuiti troppo corti o vetture troppo veloci, fucile standard che spara praticamente in continuazione senza limite alle munizioni (vs Death Rally vecchio). Per chi è fresco fresco invece va più che bene per rilassarsi ancora meglio se lo si prende sotto i 5€ :)
VOTO 7.5
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
13.2 ore in totale
Pubblicata: 3 agosto 2012
Avendolo comprato su iPhone, non vedo perchè non ricomprarlo su PC. Spettacolare! Anche se la versione originale aveva il suo fascino :)
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Consigliato
11.8 ore in totale
Pubblicata: 16 gennaio 2014
Avevo già giocato al precedente titolo e lo reputavo un bel gioco. Adesso con i dovuti miglioramenti è diventato ancora più bello e godibile. Consigliato a chi vuole perdere tempo divertendosi, senza pensare troppo a chi o cosa fare!!!
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Sconsigliato
4.9 ore in totale
Pubblicata: 15 aprile 2015
This game is surely not worth 10 bucks, but on the short run could be fun

PROS:
Short races (1 minute)
Cars and weapons are earned through collectible pieces on the tracks

CONS:
Useless and short story mode (new chapters are earned through single mode randomly)
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente
Sconsigliato
0.3 ore in totale
Pubblicata: 15 marzo
Sarebbe anche bello se non fosse afflitto da scarsa giocabilità e impossibilità di settare i comandi a piacimento, comunque è un porting della versione android. Ci potrò rigiocare se mi potetrete dare la possibilità di usare il mio gamepad come voglio io
Questa recensione ti è stata utile? No Divertente